American History 2 di JD Hurt – Segnalazione

Buongiorno!

Oggi è tempo di segnalazioni. In questo post, in particolare, vi parlo di un dark romance young adult tutto made in Italy self: si tratta di American History² di JD Hurt, il quarto capitolo della Dark Necessities Series, disponibile a partire dal 23 Ottobre 2017 (ma prenotabile sin da ora qui).

Scorrendo in basso trovate la cover, la trama e tutte le infos relative a questa uscita.
Buona lettura!


American History 2 copertina

Titolo: American Hostory²
Autore: JD Hurt
Serie: Dark Necessities Series #4
Data d’uscita: 23 Ottobre 2017
Prezzo: € 2,99 (Ebook)
Editore: Self Publishing

Trama: Credevo di riuscire a strapparla dalle nostre vite, credevo che sarei riuscito a salvare Ryan. Tutto è andato distrutto; lei lo ha devastato. E ora entrambi pagheremo: perché se non lo salveremo sarà solo buio. Il mio buio.
Credevo che saremmo stati felici per sempre. Credevo che lei mi avesse salvato dalla violenza e dal terrore della mia famiglia; ma io non sono quello che pensavo. E ora devo pagare nel modo peggiore: perdendomi per sempre.
Credevo di avere capito tutto; credevo di avere salvato i miei affetti. Ero solo una povera sciocca, l’illusa di sempre. Ora che ho perduto ogni cosa e i fratelli Carroll sono stati la mia rovina posso solo pagare il prezzo delle mie scelte. La fine di ciò che ero.
Perché Marcia Horowitz non esiste più. Esiste solo l’oscuro passeggero.
Stephan, Ryan, Marcia: quando l’amore diventa sangue.

Nota dell’autrice: dal momento che le storie di Shiloh e Marcia avvengono in contemporanea o quasi e sono spesso concatenate, per capire il testo di American History 2, è opportuno aver letto tutti gli altri volumi della Dark Necessities Series (Stolen 1, Stolen 2, American History 1).

Infos sull’autrice: JD Hurt é l’alter ego di Elena. Ogni tanto si diletta a scrivere dark romance e poesie; è laureata in giurisprudenza ma fa tutt’altro nella vita. Ama il rock in tutte le sue sfumature, adora il cinema indipendente e gli scrittori maledetti. American History 2 è il secondo volume dell’omonima duologia che fa parte della Dark Necessities Series. Oltre la Dark Necessities Series composta da Stolen 1, Stolen 2, American History 1, ha pubblicato la Mafia Men Series e il thriller Oltre Il Bene.


#GoodLuckJD!

Rachel

© Rachel Sandman
Annunci

Trailer Reveal – If there’s no tomorrow di Jennifer Armentrout [Post in Italiano]

Buongiorno a tutti, buongiorno mondo!

Allora, come potete ben comprendere, ancora una volta il blog veste dei panni internazionali e, dopo un BlogTour tutto incentrato sull’autrice Jessica Redmerski (che se non avete seguito, vi invito ora a cercare e a leggere), ha l’opportunità di ospitare un fantastico evento senza alcun tipo di barriera: oggi, 5 Settembre 2017, è la giornata dedicata al trailer di If there’s no tomorrow, l’ultimo romanzo scritto da una delle scrittrici più amate tra le autrici contemporanee, Jennifer Armentrout.

In questo post troverete la copertina di If there’s no tomorrow, la trama (tradotta dalla sottoscritta, così come tutto il resto ergo … Chi prende è pregato di citare il blog), alcuni teasers e un fantastico ed emozionante trailer sulla storia di questo nuovo libro, scritto dalla creatrice della serie Ti aspettavo (edita dalla casa editrice NORD), di Il problema è che ti amo e della serie Covenant (edita dalla casa editrice HarperCollins).
Quindi … Siete pronti?
Iniziamo!


Cover Armentrout

“Bellissimo, reale, e devastante. If There’s No Tomorrow mi ha preso al cuore sin dalle prime frasi e non mi ha più lasciato andare sino alla fine.  Ricco di tratti romance, amicizie egregiamente descritte, e ritratti sfumati di dolore e guarigione, questo libro avrà sempre un posto nello scaffale dei miei preferiti. Assolutamente brillante e indimenticabile.”
Sarah J. Maas, autrice bestseller #1 del New York Times

Lena Wise ha sempre guardato al futuro, specialmente all’inizio del suo senior year. È pronta a collezionare più amici possibili, a finire  le domande per il college e forse a far sapere al suo amico di infanzia, Sebastian, ciò che realmente prova nei suoi confronti. Per Lena, l’anno che sta per iniziare si preannuncia epico, un anno ricco di opportunità e possibilità.
Fino a che una scelta, un momento, distrugge tutto.
Adesso Lena non sta più guardando al futuro. Non quando il tempo dell’amicizia potrebbe non essere più lo stesso. Non quando le domande per il college sembrano tutto ma anche impossibili. Non quando Sebastian potrebbe non perdonarla mai per ciò che è accaduto.
Per ciò che lei ha lasciato che accadesse.
Con il senso di colpa che cresce ogni giorno, Lena capisce che la sua sola speranza è quella di andarsene, di andare avanti. Ma come può andare avanti quando la sua esistenza e quella di tutti i suoi amici sono state ridefinite? Come può andare avanti quando un domani non è più garantito?

ITNT-3
“Vorrei tornare a casa dove tutto era normale e giusto. Dove il mondo stava ancora girando e ogni cosa andava bene. Ogni cosa era viva”.

Data d’uscita negli Stati Uniti: September 5th, 2017
Editore: Harlequin Teen
Numero di pagine: 384
Disponibile in: Copertina rigidan (U.S./Canada), Ebook, Audiobook

Links: Amazon Ebook – Amazon Flexible Cover
Audible: http://amzn.to/2wUGZIf
B&N: http://bit.ly/2rEvMc8
iBooks: http://apple.co/2qANVDI

“Mentalmente provocante e potente”
Erin Watt, autrice bestseller #1 del New York Times

ITNT-6.JPG

“Era pazzesco e stupido perché era semplicemente il tocco più leggero ma lo sentii in ogni singola cellula del mio corpo”.

Jennifer Armentrout, #1 NEW YORK TIMES autrice bestseller, vive a Martinsburg, in West Virginia. È considerata un’autrice trasversale, in grado di mantenere contatti con case editrici indipendenti e non, continuando inoltre a muoversi nel mondo del self publishing. Passa il suo tempo leggendo, allenandosi, guardando film orribili sugli zombie, provando a scrivere, e passando il tempo con suo marito e il suo Jack Russell Loki.

Trailer about … If there’s no tomorrow

Ma … Questo post NON finisce qui! Se seguite QUESTO LINK (cliccateci sopra!) potete tentare di vincere un fantastico GIVEAWAY. Volete sapere qualcosa in più? Bene …

Regole del Giveaway

  1. Il PREMIO: un PACCO A SORPRESA (contenente alcuni libri autografati e altre cosucce).

  2. È aperto a livello globale quindi, miei cari lettori italiani che siete all’ascolto, fatevi sotto e partecipate!

  3. Termine del Giveaway: 14 Settembre 2017.

Non lasciatevi scappare questa fantastica chance!
Infine, ringrazio qui Jennifer Armentrout che mi ha dato l’opportunità di essere parte di questo Trailer Reveal e Stephanie che è stata davvero carinissima e paziente nelle chiacchiere via mail con la sottoscritta.
Non vedo l’ora di leggere questo romanzo e spero, veramente, che possa arrivare PRESTO in Italia.

N.B. English Post HERE.

Rachel

© Rachel Sandman

BlogTour – Jessica Redmerski #2

Banner Redmerski - Copia

Buongiorno!

Eccoci arrivati al secondo appuntamento con questo mio personalissimo BT che ruota, essenzialmente, attorno a lei, una delle regine del romance contemporaneo e non solo, l’autrice del romanzo che più ho amato in assoluto …
Oggi parliamo ancora di Jessica Redmerski e, per l’occasione, vi propongo alcune domande a cui la scrittrice ha gentilmente risposto (ovviamente tradotte dalla sottoscritta per voi).

Buona lettura!


Sulla scrittura …

Macchina da scriver.jpg

Perché scrivi e abbracci più generi? Riesci a far funzionare la cosa?
Personalmente non riesco a trincerarmi in un solo genere. Adoro scrivere tutti i tipi di storia. Funziona? Beh … Sì e no. Sì, perché inizierei a sentirmi claustrofobica se dovessi scrivere all’interno di un unico genere per tutto il tempo. No, perché penso che confonda un po’ i miei lettori visto che scrivo tutto sotto lo stesso ‘nome autore‘. Oggi, rimpiango questa decisione. Il mio consiglio agli autori che pensano di toccare più generi è il seguente: NON fate questo errore!

Come gestisci la trama di un libro? Crei schemi, abbozzi, linee guida?
Non abbozzo né imbastisco mai perché mi piace lasciare che la storia e i personaggi mi portino dove vogliono essere portati. Alcuni autori abbozzano e per loro la cosa funziona, ma io non riuscirei proprio a farlo. Mi è sempre sembrato molto più naturale semplicemente seguire la corrente e vedere dove questa mi porta, un po’ come nella vita reale, suppongo. Alcune scene dei miei libri sono apparse prima della stesura, ma non sono state pianificate prima del tempo, e c’è una bella differenza. La sola eccezione a questo metodo è che conosco, sempre, la fine prima che io inizi la storia (ad esclusione del mio libro Dirty Eden).

C’è qualcosa che trovi particolarmente impegnativo nella tua scrittura?
Sono impaziente. MOLTO impaziente. Per me, focalizzarmi e scrivere i primi due o tre capitoli di ogni libro è davvero impegnativo perché ho la cattiva abitudine di guardare sempre il bicchiere mezzo vuoto e di focalizzarmi su tutto ciò che ancora manca e che ancora devo fare.

Qual è la parte che invece preferisci durante il processo di scrittura?
Senza dubbio … L’ultima frase. Non fraintendermi, io adoro immergermi all’interno di una storia, esporre la vita dei miei personaggi, ma non c’è niente di paragonabile ad un manoscritto teminato. È un’enorme realizzazione e soddisfazione: non credo che me ne stancherò mai.

Cosa vorresti che i lettori prendessero dalle tue storie?
Vorrei semplicemente che i lettori fossero capaci di connettersi, in qualsiasi livello, con i personaggi che creo, in modo che essi diventino non semplicemente una storia ma, piuttosto, un’esperienza.

Qual è la tua stranezza più interessante e particolare?
Non smetto mai di scrivere alla fine di una scena o frase ma, anzi, mi fermo a metà. Questo mi aiuta a prevenire il blocco dello scrittore e mantiene fresca e attenta la mia mente.

Quali sono i tuoi punti di forza nella scrittura? E quali sono, invece, le tue debolezze?
Adoro scrivere dialoghi. Vanno e vengono, scivolano in modo molto naturale per me. Penso, invece, di lottare un po’ di più con le descrizioni, perché sono impaziente e, talvolta, è come se esse mi rallentassero. Ma ho dovuto scendere a patti con me stessa: in caso contrario, i miei romanzi sarebbero formati da un’unica gigante conversazione.

Sulla vita personale …

Macchina fotografica.jpg

Qual è il tuo autore preferito e quali aspetti del suo lavoro hanno fatto maggiormente colpo su di te?
Personalmente, non ho un autore preferito – ne ho molti! Anne Rice e Neil Gaiman sono nomi che ho ammirato per molti, moltissimi anni. Amo la profondità della Rice, il suo stile descrittivo mentre adoro l’originalità delle idee di Gaiman. Ammiro anche Paullina Simons e Cormac McCarthy – ce ne sono talmente tanti! E, ovviamente, c’è J.K. Rowling, ma non devo nemmeno nominarla, no? Non è lei, ovviamente, la preferita di tutti?

Qual è il tuo cibo preferito?
Messicano.

Qual è il tuo ragazzo letterario ideale?
Shura.

C’è un libro che ha avuto un impatto particolare su di te, non solo sulla tua scrittura ma anche sulla tua personalità?
Armand il vampiro di Anne Rice. Questo è un libro che ho letto quattro o cinque volte ed è IL libro che mi ha ispirato e mi ha spinto a provare a diventare un’autrice vera e propria.

La tua massima? La tua frase preferita?
“Love is a trick that Nature plays on us to get us to reproduce.” – Callisto – Xena Warrior Princess.
[N.B. L’amore è un trucco che la Natura usa su di noi per farci riprodurre]
Non sono contro l’amore, sia chiaro, ma sono sempre stata, non so, intimorita quasi da questa frase. Inoltre, Callisto nel telefilm era strepitosa!


A domani, con la seconda parte di questa MERAVIGLIOSA intervista a Jessica Redmerski.
Sentitevi liberi di commentare l’articolo o il post di FB: fatemi sapere se avete apprezzato l’iniziativa, cosa ne pensate, se qualche risposta vi ha colpito.

Rachel

© Rachel Sandman

Big Love di Jay Crownover – Recensione in Anteprima

Buongiorno a tutti!

Esce oggi, 24 Agosto 2017, in formato digitale e cartaceo, il secondo capitolo della Welcome Series (del primo libro, Bad Love, vi ho parlato un po’ di tempo fa qui), Big Love di Jay Crownover, edito da Newton Compton Editori.

Grazie alla casa editrice che mi ha fornito una copia digitale in anteprima del romanzo, sono qui, oggi, pronta a parlarvi della storia di Race e Brysen. Siete pronti?

Qui di seguito troverete il mio scatto, qualche dettaglio sul libro, la trama e, ovviamente, la mia personalissima opinione.
Buona lettura!
Ricordatevi, sempre, di lasciare un segno del vostro passaggio sul blog con un like o un commento veloce: grazie.


6tag_010817-180016

Titolo: Big Love (Better when he’s bold)
Autore: Jay Crownover
Serie: Welcome Series #2
Data d’uscita: 24 Agosto 2017
Prezzo: € 5,99 (Ebook) – € 10,20 (Cartaceo)
Editore: Newton Compton Editori

Trama: Che differenza c’è tra un cattivo ragazzo e un ragazzo che fa il cattivo? Quando ti muovi in un mondo oscuro e corrotto, per dominare la situazione non devi mai mostrare di aver paura. Solo così potrai controllare strade e persone senza scrupoli. Race Hartman è sufficientemente coraggioso, intelligente e sbandato per riuscire a diventare il capo di un posto come il Point. Dove ci saranno sempre cose brutte e cattivi da mettere in riga, ma in cui un uomo forte può ridurre i danni al minimo. Race ha un piano… riuscirà a impedire l’annientamento totale di quel luogo senza distruggere se stesso? Brysen Carter ha sempre visto Race per quello che è davvero: un ragazzo bello, dolce, ma troppo pericoloso. La tentazione di crogiolarsi nel suo bagliore dorato è forte, ma Brysen sa che finirebbe per scottarsi. Ha già tanti problemi, non ha certo bisogno di crearsene altri a causa di Race. Ma quando Brysen deve affrontare una minaccia che potrebbe essere la cosa più pericolosa che il Point abbia mai prodotto, è costretta a prendere una decisone: perché l’unica persona che potrebbe aiutarla a salvarsi è proprio l’uomo che lei non può permettersi di avere.

Infos sull’autore: Jay Crownover vive in Colorado. Ama i tatuaggi e l’arte di modificare il corpo e cerca di fare in modo che la sua scrittura sia permeata da tutto ciò che vede. Le piace leggere, soprattutto storie che la coinvolgano e appassionino; naturalmente, se c’è un bad boy bello e tatuato è sempre meglio. La Newton Compton ha pubblicato la Tattoo Series (Oltre le regole, Oltre noi l’infinitoOltre l’amoreOltre i segreti, Oltre il destino e Oltre le leggi dell’attrazione). Big Love è il secondo di una nuova serie di cui è stato già pubblicato Bad Love.


Recensione: Ragazzi, lettori, amici tutti: preparatevi, perché la Crownover dei tempi migliori, l’autrice di storie tatuate con protagonisti personaggi come RuleRowdyAsa è tornata!

Come saprete se avete letto la mia recensione di Bad Love, il primo capitolo di questa serie mi aveva convinto, ma solo fino ad un certo punto.
In questo secondo romanzo, tuttavia, Jay Crownover porta a termine, a mio parere, ciò che era nei suoi piani sin dall’inizio, ovvero creare un vero bad boy dalla vita intrisa nella melma e nel fango, nelle strade losche e cupe di cui è fatta The Point.

Chiarisco subito il concetto: Bax è stato, nel suo libro, un personaggio fuori dagli schemi e dalla legge, pieno di ombre che trasparivano da quei due occhi scuri incastonati in un volto da far girar la testa. Quando però aveva preso la decisione di cedere ai sentimenti e di avere al suo fianco Dovie, la sua armatura era in parte crollata, in una sorta di copia di altri personaggi di carta creati dalla Crownover che aveva, in questo modo, a mio parere, demolito il suo tentativo di creare il vero cattivo della situazione.
RaceIn Big Love non c’è, invece, nulla di tutto questo: ho amato Race, il protagonista, l’oscuro, il capo di The Point (o, meglio, colui che cerca di diventarlo), perché non si nasconde e non cede a nulla. Nessun compromesso, nessun tentennamento: in questo romanzo non c’è nulla se non lui che va avanti, come un carrarmato dritto e minaccioso, verso il suo obiettivo, verso la meta che si è da tempo prefissata, senza curarsi troppo dell’opinione e dei tentennamenti della gente che lo circonda.

Ho adorato, davvero moltissimo, il modo in cui la Crownover ha saputo descrivere la lotta interiore di questo ragazzo, nato in una famiglia più che rispettabile e piombato in un mondo dove vizi e fuorilegge la fanno da padroni. Le due anime di Race prendono il sopravvento senza mai cedere il passo: lui non si piega, non perde nulla, non si abbassa  a nulla ed è questa, secondo me, la carta vincente del romanzo.
BrysenQuesta e, ovviamente, anche la protagonista femminile che, mi perdoneranno le fans della rossa, ma batte Dovie su più fronti.

Era come la parte fresca del cuscino, come la brina gelata sul vetro della finestra, un balsamo calmante per tutti i graffi e le contusioni.

Brysen, a differenza della sorellina del suo amato dio dorato, non scende a compromessi, non nasconde la testa sotto un cuscino né, tanto meno, spinge la polvere sotto un divano affinché non si veda ad occhio esterno: lei sceglie Race e, con questo, tutto ciò che lui è e che lo circonda.

C’era qualcosa in quella freddezza bionda, in quella quantità infinita di candida pelle di seta, che le donava un non so che di surreale, una qualità onirica che non molte tipe possedevano.

La forza di questa giovane donna che deve, in questo romanzo, subire le peggio cose sia a livello fisico che psicologico, lascia il segno e crea, in unione con la doppia personalità del bad boy di turno, una delle coppie meglio amalgamate della schiera Crownover.

«Questa cosa», indicò con un dito prima me e poi lui, mentre apriva la portiera, «succederà. Forse non ora perché non è un bel periodo per te, forse nemmeno troppo in là nel tempo perché potrei non restare in giro così a lungo, ma a un certo punto, prima o poi, succederà. Tieniti pronta, Brysen»

Inoltre, l’ambientazione, come già nel primo romanzo, è presenza fissa e palpabile, un’energia pulsante che si annida ad ogni angolo di strada e che è, quasi, come una seconda pelle per i protagonisti che la vivono e la abitano.

In conclusione, lo stile di Jay Crownover si conferma, con questo libro (se ancora ce ne fosse stato bisogno) uno dei migliori nel panorama contemporaneo: ricco di realismo, sensualità, violenza, psicologia e, in questo specifico caso, con una punta di suspense e di mistero che incollano il lettore dalla prima all’ultima pagina.

In parole povere: preparatevi a salire sul treno di Big Love che, nella sua rotta, vi farà incontrare una coppia di opposti, ma forse poi nemmeno così tanto diversi; vi farà immergere nei vicoli sporchi e nella criminalità di The Point; non vi permetterà di scendere sino al capolinea, sino al tanto sospirato e meraviglioso epilogo.

Una piccola e breve nota a piè di pagina: questa serie chiude con il prossimo capitolo, che vedrà come protagonista il fratello poliziotto di Bax.
Ora, cara Crownover, sei sadica o cosa? Cioè, quando avrete letto questo romanzo, vi ritroverete a shippare come se non ci fosse un domani una coppia che si preannuncia assolutamente DA NON PERDERE (quella tra la sorellina sedicenne di Brysen e … Non ve lo dico! Lo dovete scoprire da soli!). Peccato però che questa storia ci sarà, ma sarà il terzo capitolo di un’altra serie (prolungamento di questa che, spero, la Newton porterà in Italia). Vi rendete conto? Cioè, oltretutto, capite che questa determinata storia non è nemmeno stata pubblicata in lingua originale? Diventeremo vecchi, già lo so, ma NON potremo non leggere la storia di Karsen e … Scopritelo!

Buona lettura gente!

Rachel

© Rachel Sandman

Review Party – I disastri del cuore di Kylie Scott

Banner SCOTT.jpg

Buongiorno!
Oggi è con immenso piacere che, nonostante il clima ancora vacanziero e nonostante la calura estiva che sembra non volersene andare più, il blog partecipa al Review Party della nuova novella di Kylie Scott edita da Newton Compton EditoriI disastri del cuore.

Insieme ad altri blog (che trovate scritti nel banner e che vi invito a visitare), l’intera giornata sarà dedicata a questa breve novella di cui potrete sapere tutto, tutte le infos, la trama e le opinioni personali di noi lettrici in anteprima.

Pronti? Cominciamo allora!


6tag_110817-124219

Titolo: I disastri del cuore (Heart’s a Mess)
Autore: Kylie Scott
Data d’uscita: 21 Agosto 2017
Prezzo: € 0,99 (Ebook)
Editore: Newton Compton Editori

Trama: Violet ha una missione: rimettere in sesto la sua vita. O almeno quello era il piano. Andare a letto con il suo nuovo capo super sexy però è decisamente un errore. E non ha intenzione di ripeterlo. Alex ha un bar e dopo un divorzio tremendo ha finalmente ripreso in mano le redini della sua libido. Non ha nessuna intenzione di lasciarsi scappare l’oggetto dei suoi desideri. Possono avere una relazione senza che influisca sul loro lavoro. Certo che possono. Perché sicuramente non le metterà le mani addosso nell’ufficio sul retro, e decisamente non si metteranno a folleggiare in magazzino…
Violet non vuole ripetere il passato, ma non è l’unica ad avere una missione.

Infos sull’autore: Autrice bestseller del «New York Times» e «USA Today», è da sempre appassionata di storie d’amore, rock’n’roll e film horror di serie B. Vive nel Queensland, in Australia, legge, scrive e non perde troppo tempo su internet. La Newton Compton ha pubblicato Tutto in una sola notteÈ stato solo un gioco, Nessun pentimento e Doppio gioco.


Recensione: I disastri del cuore di Kylie Scott è una lettura veloce, molto veloce. Innanzitutto, è una novella che spicca, a prima vista, per brevità. Lo so, ho ripetuto per ben due righe lo stesso concetto ma sul serio, va bene non avere la lunghezza di un romanzo vero e proprio ma qui si esagera un po’!

La storia c’è, le basi anche, le premesse pure ma … Poi, per ragioni di spazio ristretto e pochi capitoli, le tematiche restano allo stato di abbozzo lasciato lì, grezzo e in parte informe, senza la minima spiegazione o il minimo approfondimento. Peccato.

La protagonista femminile, Violet, è colei che resta più nell’ombra: di lei sappiamo poco, niente flahsback per scoprire parte del suo passato appena accennato, niente cenni su famigliari o amici. Attraverso le parole della Scott, tuttavia, emerge il ritratto di una donna forte, giovane (soprattutto se la paragoniamo all’età del protagonista maschile – differenza che, tra le altre cose, resta una tematica non trattata e dal potenziale perso nel nulla), con un carattere deciso ma che nasconde fragilità e debolezze.

Alex, al contrario, emerge dalla superficie grazie al fatto di giocare in casa e dall’essere circondato da membri (molto promettenti) della sua famiglia: la Scott, con il suo stile dal sapore sensuale e irriverente, delinea ogni centimetro di questo uomo dagli occhi azzurri, con un passato che lo ha segnato alle spalle e con due fratelli, diversi l’uno dall’altro ma tutti estremamente legati tra loro.

A farla da padrone è, ovviamente, la componente sensuale ed erotica dell’evolversi della storia tra i due protagonisti. Se avete letto la The Lick Series … Beh, sapete benissimo di cosa sto parlando: scene calde, a tratti bollenti; elementi di lingerie elegante che vanno e vengono; posti insoliti ma anche no. Insomma, anche in questi pochi capitoli la Scott firma e dà il suo personale tocco, creando una narrazione magari non tra le più complete ed originali della storia ma, senza dubbio, fluente e di facile lettura.

In conclusione, mi spiace sul serio ma … Devo ripetermi. Nonostante la brevità, nonostante la sintesi … La forma e la traduzione non sono, a mio parere, adeguati: insomma, stiamo parlando di una cinquantina di pagine! Possibile che una casa editrice tra le migliori del panorama italiano non riesca a darla ai lettori in una forma pulita?
Ma …
Detto questo, se cercate un’evasione rapida ma piacevole, leggete I disastri del cuore di Kylie Scott. Leggete la storia di Alex e Violet e, come me, iniziate a farvi i film mentali su un certo cuoco del locale ed una direttrice di sala … Kylie Scott, ho bisogno della LORO storia!

Rachel

© Rachel Sandman

Review Party – Grazie per avermi spezzato il cuore di Lauren Layne

Review Party.jpg

Buongiorno!

Oggi la giornata è ricchissima di nuove uscite librose e, tra le tante, vi è un ebook che acquista forma cartacea e irrompe nelle librerie: grazie a Newton Compton Editori infatti a partire dalla data odierna, 3 Agosto 2017, potete trovare Grazie per avermi spezzato il cuore di Lauren Layne, edito dalla casa editrice Newton Compton Editori.

Una premessa: è vero, il presente romanzo di cui mi appresto a parlare è il secondo capitolo di una serie, la Redemption Series, MA io, per prima, non ho letto (mea culpa) il primo romanzo, Un amore senza fine, e NON ne ho minimamente risentito quindi … State tutti sereni e, se vi trovate nella mia stessa situazione, procedete pure senza nessuna remora o titubanza.

Qui di seguito trovate, ovviamente, tutte le infos riguardanti Grazie per avermi spezzato il cuore con la mia personale opinione. Vi invito però a fare un salto anche nei blog delle mie colleghe che, come me, hanno letto questa storia e si sono fatte un’idea (trovate il nome delle blogger coinvolte sul banner in alto).


Grazie per avermi spezzato il cuore Cartaceo

La qui presente cover è quella che troverete in libreria Tuttavia, forse voi conoscete già questa storia … Con un’altra immagine … Per saperne di più > qui

Titolo: Grazie per avermi spezzato il cuore
Autore: Lauren Layne
Serie: Redemption Series #1
Data d’uscita: 3 Agosto 2017
Prezzo: € 4,99 (Ebook) – € 9,90 (Cartaceo)
Editore: Newton Compton Editori

Trama: Quando Olivia Middleton abbandona il glamour di Park Avenue per una remota città costiera del Maine, tutti danno per scontato che l’abbia fatto per seguire il suo istinto altruista. Ma Olivia nasconde un segreto: lavorare in un’associazione che si occupa del recupero di veterani di guerra non è esattamente un atto di generosità, ma una penitenza. Il problema è che la persona che le viene affidata non è l’anziano triste e riconoscente che si aspettava di incontrare, ma un ventiquattrenne scostante che non ha alcuna intenzione di diventare lo strumento per la redenzione di Olivia. E soprattutto ha uno sguardo che paralizza. Paul Langdon non ha bisogno che uno specchio gli riveli di non essere più il quarterback che era prima della guerra. Sa che è diventato brutto dentro e fuori e ha deciso che farà di tutto per mantenere la forma di esilio che si è auto-imposto, anche a costo di perdere la sua eredità. Ma Paul non aveva fatto i conti con la splendida ventiduenne a cui è stato affidato, e che gli ricorda fin troppo tutto quello che ha perso e che non potrà mai più avere indietro. Più lei cerca di convincerlo ad abbassare le difese che si è costruito intorno, più è difficile riuscire a tenerla a distanza… Ora Paul e Olivia devono decidere: saranno in grado di aiutarsi a vicenda o sono perduti per sempre?


Recensione: Grazie per avermi spezzato il cuore di Lauren Layne è un libro che VA LETTO, senza tentennamenti o dubbi.
Ovviamente, devo avvisarvi: nonostante una confezione molto romance e dall’impatto leggero e frivolo, questo libro NON va preso con superficialità.

La storia di Paul e Olivia, infatti, è una di quelle ad impatto crescente, una sorta di La Bella e la Bestia in chiave moderna, che racconta di cicatrici più o meno visibili, di passati più o meno gravosi, di giovani in cerca di se stessi e della persona giusta che arriva, inevitabilmente, al momento che sembra sbagliato ma che poi, infine, tanto sbagliato non è.

Partiamo da lui, da Paul. Se avete amato Troppo bello per dire di no di Jessica Clare (che trovate, in promozione, a € 1,99) o Sei il mio sole anche di notte di Amy Harmon (anche questo in super offerta a € 0,99), questo nuovo eroe di carta vi conquisterà sin dalla prima sfuriata, sin dalla prima porta sbattuta in faccia. Paul Langdon è questo: irruento, chiuso in se stesso, burbero, a tratti decisamente meschino, ma non solo. È anche un giovane uomo ferito, nel corpo e, soprattutto, nell’anima; è una persona orgogliosa ma bisognosa di quell’affetto che, vuoi per un suo atteggiamento freddo e scostante, vuoi per ragioni e motivi esterni, dice di non volere ma che brama, nell’ombra.

Olivia Middleton è … Beh … Lei va descritta innanzitutto con le parole di Paul:

… Un’esplosione di gomma americana …

Il suo personaggio è ricco di sfumature che appaiono e scompaiono come le ombre del giardino della casa sperduta nel Maine più vero e grezzo. Apparentemente, Olivia è la classica ragazza di buona famiglia: superficiale, a tratti frivola, con un look perennemente immerso nel mondo dei BigBabol rosa shocking. Tuttavia anche lei, come Paul, nasconde una natura diversa, più personale e privata, un carattere forte e fragile, un atteggiamento socievole ma precario, una serie insomma di elementi celati che la rendono una protagonista di assoluto spessore e molto accattivante.

Risultati immagini per dear john gif

Il punto di forza del romanzo, per me, è il modo in cui Lauren Layne è riuscita a far interagire i suoi due protagonisti, la sua coppia d’oro: molto naturale, molto ironico, a tratti scorbutico ma estremamente vero e coerente con le personalità di Paul e Olivia.

Un altro aspetto di rilievo in questo libro è, senza ombra di dubbio, lo svolgimento della trama. Ancora una volta, non fermatevi all’apparenza: Grazie per avermi spezzato il cuore è un romance, è vero, ma è seriamente imprevedibile. Ci sono picchi, brusche svolte, avvicinamenti, litigi, ricongiungimenti, pianti … Un mix di emozioni fantastico ma, allo stesso tempo, a tratti devastante che vi porterà, seriamente, a gironzolare per casa con il kindle o il romanzo cartaceo nella disperata necessità di sapere come va a finire (e sì, lo ammetto, ve lo dico per esperienza personale).
Preparatevi dunque a passare da momenti di esaltazione, con gli occhi a cuoricino e annessi, a capitoli di devastazione e mutismo.

In conclusione, una piccola nota negativa: premesso che io ho letto la versione ebook del romanzo, la prima, quella con ancora la vecchia cover quindi non so se quella cartacea abbia subito modifiche MA, davvero, la marea di errori che, ad una semplice lettura, saltano immediatamente all’occhio, andrebbe di gran lunga evitata. Seriamente.
Così come la copertina, per me, anche l’aspetto grafico e la cura dell’editing sono elementi imprescindibili in ogni romanzo o prodotto confezionato e venduto: pertanto, la storia di Olivia e Paul va letta, ovvio, perché l’autrice Lauren Layne ha avuto attenzione e cura nei dettagli, nella psicologia dei suoi personaggi, nei rimandi delicati alla celebre fiaba, in tutto ciò che ruota loro attorno (forse, un piccolo approfondimento sulla famiglia di Alex non sarebbe stato fuorviante, ma anche così non si risente particolarmente di vuoti o inesattezze). Tuttavia, purtroppo aggiungerei, la traduzione non è a livello della storia. Per nulla.

Rachel

© Rachel Sandman

 

Il mio nemico mortale di Willa Cather – Recensione in Anteprima

‘Buonasera!
Pensavate che per oggi fosse finita? E invece no! Ecco un’ultima esclusiva per voi …

In questo post vi parlo, in anteprima, di un romanzo che, a partire da oggi, potete trovare in tutte le librerie e store online, edito da Fazi: si tratta di Il mio nemico mortale, di Willa Cather.


Fazi

Titolo: Il mio nemico mortale
Autore: Willa Cather
Prezzo: € 9,00 (Cartaceo) – € 4,99 (Ebook)
Link d’acquisto:
Data d’uscita: 22 Giugno 2017
Editore: Fazi
Collana: Le Strade

Trama: Una notte, la giovane Myra Driscoll scappa di casa portando con sé solamente un manicotto e un portamonete. A passo svelto e testa alta, se ne va per sempre. Raggiunge Oswald Henshawe, giovane spiantato di cui è innamorata, e lo sposa in gran segreto, rinunciando così alla cospicua eredità che le spetterebbe. Un gesto audacemente romantico, che in famiglia diventa una leggenda. Quando, molti anni dopo, una giovane amica le chiede se lei e Oswald sono stati felici, la risposta è glaciale: «Felici? Oh, sì! Come la maggior parte della gente». E allora a che cosa è servito quel sacrificio? Che senso ha avuto barattare grandi fortune per una vita banalmente normale? Quelle che emergono, in questo romanzo breve ma stratificato, sono le mille sfumature di una figura ambigua e tormentata, una donna tanto risoluta nelle sue clamorose rinunce, quanto incapace di godere di una felicità che di clamoroso non ha nulla. Uno spirito libero che si trova a combattere contro i limiti della quotidianità e la crescente, esasperante consapevolezza di essere una donna totalmente diversa da quella che pensava di essere in giovane età.


Parliamo del romanzo …

Dunque, per Il mio nemico mortale di Willa Cather ho scelto, volutamente, di non usare il termine ‘recensione’ perché, quando si parla di prosa e romanzi di stampo classico, non mi sento mai a mio agio nell’esprimere opinioni, diciamo pure, frivole, in quanto gli autori o autrici sono pietre miliari della letteratura e mi incutono, chi più chi meno, una sorta di soggezione. E lo so, non è corretto: inoltre, a ben pensarci, sono più gli autori contemporanei che, in casi fortuiti, potrebbero davvero leggere ciò che scrivo e non loro, autori di secoli fa, ovviamente defunti e ormai cenere da … Secoli?

Però, insomma … Io la vivo male e, da buona letterata quale sono, oggi voglio provare a fare un discorso lievemente più analitico e meno della serie ‘mi sei arrivato’ (chi seguiva X Factor ai tempi della Ventura su Rai2 mi avrà certamente compreso).

Quindi … Il romanzo di Willa Cather, devo dire breve (si tratta di un centinaio di pagine) e senza dubbio scorrevole, ha per protagonista Myra Driscoll, una donna che rinuncia all’eredità che le spetterebbe di diritto per una fuga d’amore, con conseguente matrimonio, con tale Oswald Henshawe, un giovane liberale.

La narrazione è affidata alla voce esclusiva di Nelly, personaggio che il lettore incontra adolescente e poi ritrova donna, nella seconda parte, ambientata a dieci anni di distanza.

Nelly e Myra, le due figure femminili, la voce e l’immagine della storia insomma, non potrebbero essere più diverse: la prima è priva di tratti affascinanti, quasi anonima nel suo tentativo di omologarsi e nascondersi negli ambienti; Myra, al contrario, è egocentrica, piena di spirito, materialista, decisamente eccentrica.

Il romanzo, come già accennato in precedenza, si snoda in due parti. La prima, in cui Nelly è appena adolescente, si apre e si svolge nella società newyorchese, nell’appartamento di Myra, in un tripudio di sfarzo e superfluo. New York è il palcoscenico scintillante in cui Nelly si perde ma dove ritrova e ricerca sempre la figura di Myra, magnetica e, a tratti, scostante prima attrice di uno spettacolo dagli ingranaggi già scricchiolanti che, molto spesso, traballa sotto il peso di accuse più o meno velate, di gelosia e di tradimenti.

In questa prima parte lo sfondo è la società dell’epoca, in cui la Cather è in grado di descrivere, di delineare e di far rivivere i profumi, i suoni, le caratteristiche del periodo in modo sintetico e asciutto.
L’atmosfera della società nascente, in parallelo con la dimensione più familiare e domestica, con un accento particolare nella figura di Nelly, mi ha ricordato, in alcuni episodi in particolare, tratti e meccanismi del mio adorato Gli Indifferenti di Alberto Moravia, in cui la ragazza che sta crescendo ha a che fare con personalità più forti di lei, che la opprimono e la soffocano ma di cui lei non sembra risentire. 

La seconda parte, invece, è ambientata in un paesino anonimo della costa californiana in cui la ricchezza di un tempo è ormai un lontano ricordo: gli oggetti, le stoffe, le luci sono, in quei dieci anni, spariti, soppiantati da una camera in una casa albergo modesta e chiassosa. È questo il periodo in cui Myra cerca la solitudine, il silenzio, in cui ha come solo desiderio il guardare l’oceano, la sola fonte di sollievo che le sia rimasta, il solo mezzo che le dona un senso di infinito. 

La voce dell’autrice, potente e chiara, pervade l’intero romanzo e crea una prosa ipnotica che, capitolo dopo capitolo, non permette al lettore di prendersi delle pause ma, anzi, lo esorta e lo coinvolge in una fiumana di spunti e ritratti che vengono presentati ma mai scagliati sulla pagina.

Il quesito fondamentale, arrivati a questo punto, resta uno solo: il mortale nemico del titolo chi è? Beh, ogni lettore può farsi la propria idea. C’è chi afferma sia il tempo che, semplicemente, scorre troppo veloce e non permette alla protagonista del romanzo di stare al passo. C’è chi, invece, ha pensato potesse essere la malattia; altri che invece vedono nella gelosia morbosa il sentimento che più turba e che è nemico del viver sano e lieto.
Io, personalmente, come altri sia chiaro, penso che sia il marito, che sfuggiva, sempre, al controllo di Myra, per il quale lei ha rinunciato a tutto e che le ricorda, giorno dopo giorno, i limiti. Il marito è, in un certo senso, lo specchio che riflette a Myra la sua stessa immagine, quella reale, che e per la quale soffre.
Un’altra nemica di Myra potrebbe, tuttavia, essere lei stessa, perennemente vittima di un desiderio incessante: di cosa? Forse nemmeno lei lo sa, ma di sicuro è consapevole di questa morsa che la afferra e non la lascia andare, sino alla fine.

In conclusione, vi esorto, se ancora non lo conoscete, a recuperare questo piccolo gioiellino di letteratura americana: un classico senza tempo dai toni che ricordano Moravia ma, a tratti, anche l’America brulicante di eccessi ed eleganza descritta ne Il Grande Gatsby di Francis Scott Fitzgerald: tre romanzi in cui c’è la borghesia che prende piede, a passo di danza ma con discrezione apparente; in cui gli anni Venti la fanno da padroni e nell’immaginario collettivo portano con sé gli elementi luccicanti del charleston e della musica jazz; in cui figure di donna attraggono lo sguardo (Myra qui, Daisy e Carla, rispettivamente, in Fitzgerald e Moravia) ma, allo stesso tempo, lo rifuggono, vittime e carnefici a loro insaputa (o forse no?).

Buona lettura dunque! Buon viaggio nel passato!

Rachel

© Rachel Sandman

La ragazza tedesca di Armando Lucas Correa – Segnalazione

Eccomi di nuovo qui.
Oggi, oltre alla tappa del BT relativa al nuovo romanzo i Sabrynex, edito da Rizzoli, che trovate qui, vi segnalo un romanzo edito dalla casa editrice NORD.

Si tratta di La ragazza tedesca, di Amando Lucas Correa. Trovate tutte le infos qui di seguito.


la ragazza tedesca Titolo: La ragazza tedesca
Autore: Armando Lucas Correa
Traduttore: G. Maugeri

Data d’uscita: 22 Giugno 2017

Prezzo: € 16,90 (Cartaceo) – € 9,99 (Ebook)

Casa Editrice: NORD

Trama: Maggio 1939. Sono 937 gli ebrei a bordo del transatlantico St. Louis, 937 innocenti in fuga dalla violenza della Germania nazista. Tra loro, ci sono Hannah Rosenthal e Leo Martin. Sebbene siano solo due ragazzini, durante la traversata Hannah e Leo decidono di voler passare il resto della vita insieme. Ma è un sogno destinato a non avverarsi: quando la St. Louis arriva in porto, Hannah è tra i pochissimi fortunati a ottenere il permesso di sbarcare. Tutti gli altri passeggeri sono costretti a tornare indietro, in Germania. Compreso Leo …

New York, 2014. Anna Rosen riceve uno strano regalo per il suo dodicesimo compleanno: la lettera di una certa Hannah Rosenthal, che sostiene di essere la sua prozia paterna. Per Anna è un’occasione da cogliere al volo: Hannah è l’unica che conosca la verità su suo padre, scomparso prima che lei nascesse. E quindi decide d’incontrarla, scoprendo così la storia di una donna che ha lottato per farsi strada in un Paese straniero, una donna che ha dovuto dire addio al suo amore, ma che non ha mai perso la speranza di poterlo riabbracciare. E, grazie ad Anna, Hannah riuscirà finalmente a riconciliarsi col proprio passato e a capire che per essere felici non basta sopravvivere, ma bisogna essere pronti ad affrontare sino in fondo tutte le sfide che il futuro ha da offrire.

Prendendo spunto da una delle pagine più oscure e dimenticate dell’Olocausto, Armando Lucas Correa ci conduce dalle strade cupe della Berlino di Hitler ai balli sontuosi a bordo della St. Louis, dal sole di Cuba prima della rivoluzione alla New York dei nostri giorni, seguendo le storie di due donne accomunate dal coraggio e dal desiderio di trovare il proprio posto del mondo. Due donne lontane nel tempo, eppure legate dal filo invisibile del destino.

Infos sull’autore: Armando Lucas Correa è il caporedattore di People en Español, la rivista di lingua spagnola più venduta in America. Nel corso della sua lunga carriera di giornalista, ha ricevuto numerosi premi sia dalla National Association of Hispanic Publications sia dalla Society of Professional Journalism. Attualmente vive a Manhattan con la famiglia.


Che dire … Sembra davvero una lettura IMPERDIBILE! Se ancora non foste convinti, vi lascio qui il link relativo ad alcuni contenuti extra proprio sulla tragedia del St. Louis che, personalmente, conoscevo ma solo supeficialmente!

Buona lettura!

Rachel

© Rachel Sandman

BlogTour – #TBT. Indietro non si torna di Sabrynex – Recensione in anteprima

BT TBT.png

Buongiorno!

Oggi è con immenso piacere che il mio blog partecipa al BlogTour che ruota attorno ad un nuovo romanzo, edito da Rizzoli: #TBT. Indietro non si torna di Sabrynex.
Se avete seguito le precedenti tappe (lo avete fatto, vero?), avrete già avuto modo di entrare nel nuovo mondo firmato da questa autrice che, dopo i due romanzi Over: un’overdose d’amore Over 2: camminiamo nel vento, torna finalmente in libreria con una storia del tutto nuova e modernissima.

Vi lascio subito il calendario, in cui trovate i vari appuntamenti preparati per voi e che, vi invito, a leggere e visitare.

BT TBT calendario.jpg

Ora però … Veniamo al manzoniano sugo della storia e arriviamo al punto, ovvero, nel mio caso, la recensione in anteprima (visto e considerato che il romanzo sarà disponibile proprio da OGGI, 22 Giugno 2017, in formato digitale e cartaceo).
Allora, come mio solito, vi lascio qui di seguito la cover, le infos e la trama e, in successione, la mia personalissima opinione su #TBT. Indietro non si torna di Sabrynex.

Buona lettura!

N.B. Non dimenticatevi di lasciare un segno del vostro passaggio sul blog: un like o un commento sono un piccolo sforzo per voi lettori ma producono un’immensa euforia alla sottoscrita quindi … Voliatemi bene e piacciate o commentate 🙂


TBT

Titolo: #TBT. Indietro non si torna
Autore: Sabrynex
Data d’uscita: 22 Giugno 2017
Prezzo: € 9,99 (Ebook) – € 17,00 (Cartaceo)
Link d’acquisto -> TBT. Indietro non si torna
Editore: Rizzoli
Collana: Rizzoli Narrativa

Trama: La vita di Beck è sempre stata perfetta, nonostante il vuoto per l’abbandono del padre quando era piccola: migliori amici incredibili, una mamma premurosa e un fratellino che la adora. Quando però, l’estate prima di entrare a Princeton, trova ad aspettarla una lettera della madre, che è scappata di casa, Beck decide di chiudersi in se stessa: non vuole più essere ferita da nessuno. Al college incontra Dimitri, che gioca a football per coronare il sogno del fratello Isaac, morto in un incidente. Entrambi vorrebbero tornare indietro nel tempo, cambiare il corso degli eventi, ed è un attimo accendersi di passione, perché insieme troveranno il coraggio di affrontare la verità sul proprio passato.


Recensione: Sono dell’idea che non bisogna mai giudicare un libro dalla copertina, soprattutto in Italia dove, molto spesso, i soggetti delle cover non corrispondono, quasi mai, ai protagonisti delle storie narrate. Ebbene, #TBT. Indietro non si torna di Sabrynex non fa eccezioni e, nonostante io abbia davvero amato l’immagine, i colori e la grafica scelta, non l’ho trovata coerente con la storia che poi ho abbracciato e scoperto all’interno.
Voglio dire: due prodotti buoni che però, tra di loro, non hanno una grande affinità.

Detto ciò, partiamo e immergiamoci nel mondo di Beck e Dimitri.
Ho veramente adorato e apprezzato la veridicità e il tono spensierato che l’autrice ha saputo cogliere e gettare su carta, soprattutto nei dialoghi tra i vari personaggi.

Beck è una forza, sul serio. Sovente nei romance dobbiamo sopportare protagoniste femminili con poco carattere e spina dorsale del tutto assente: qui, invece, signori e signore, posso veramente affermare che abbiamo una ragazza che, nel bene e nel male, si ama, inevitabilmente. Beck è reale, in modo assoluto: parla, ha la battuta pronta, è sarcastica a livelli che farebbero uscire di testa Sheldon Cooper di The big bang theory ma, allo stesso tempo, è introversa, profonda, sensibile.

Al suo fianco, Dimitri è un personaggio che parrebbe essere uscito da una serie infinita di clichés e stereotipi: è alto, è bello, è un giocatore di football (anzi, è addirittura il capitano della squadra), è preceduto dalla fama che aleggia nel campus e che lo vede osannato al pari di una divinità dell’Antica Grecia. Insomma, sembra il tipico belloccio da romanzo.
Sbagliato!
Anche con il protagonista maschile, Sabrynex fa un lavoro egregio perché lima e scolpisce Dimitri a suon di carattere e introspezione, stagliandolo dallo sfondo e dandogli personalità.

Il doppio punto di vista permette, inoltre, di apprezzare le figure di Beck e Dimitri a 360°: i due protagonisti si svelano, piano piano, ma mai del tutto (o meglio, finché non lo decidono loro).

Queste due personalità uniche e ben delineate sono poi contornate da una serie di caratteri messi a fuoco e che altri non sono se non gli amici di lei o di lui, che garantiscono lo sviluppo di una struttura narrativa solida, con linee di trama ben gestite e dosate.

Sono arrivata all’80% della versione ebook del romanzo e non riuscivo a staccarmi dalla storia che, oltre ad avere la nota romantica (ma non diabetica) preponderante, fa convivere una sottotraccia dalle note drammatiche e dai toni del giallo.
Proprio l’accelerazione e l’incalzare di tanti, troppi forse, elementi nelle battute finali mi hanno lasciato un po’ l’amaro in bocca perché: non ero pronta a tutto ciò! Per nulla! E … Avrei voluto sapere altro, e altro, e altro ancora!
Un dettaglio in particolare, legato a Beck e alla madre, mi ha lasciata un po’ perplessa, soprattutto perché non ho trovato le giuste risposte e spiegazioni nel finale (cosa che, al contrario, attendevo sin dai primi capitoli, per comprendere meglio alcuni gesti e scelte).

In conclusione, vi invito, davvero, a leggere questo romanzo che ha la caratteristica di creare dipendenza, seriamente. Inoltre, dati i numerosi interrogativi che restano senza vere conclusioni e la presenza palpabile di varie personalità interessanti e forti che ruotano attorno ai protagonisti, mi viene quasi automatico sperare in storie future che analizzino e approfondiscano loro: Tyler, Josh e Beth, ma anche Avril e Louis.

Buona lettura!

#GoodLuckSabrynex! #GoodLuckRizzoli!

Rachel

© Rachel Sandman

Prova ad amarmi di Sylvia Kant – Frammenti di parole #7

Buongiorno!

Oggi … Torna la rubrica Frammenti di parole con un nuovo appuntamento: vi parlo, infatti, di una lettura di un po’ di tempo fa che mi ha decisamente entusiasmato.
Una premessa: questo frammento è stato riesumato dalla mia raccolta di opinioni che scrivo qua e là quando finisco i libri e che poi, sistematicamente, perdo nel mio disordine caotico e ingombrante pertanto … Parla di Prova ad amarmi, romanzo di Sylvia Kant edito da Newton Compton Editori, quando era ancora un romanzo self dal titolo Antony.

Lo conoscete? Siete curiosi di sapere la mia opinione e scoprire alcune tappe della storia editoriale di questo libro?
Scorrete questo post e ne saprete, certamente, di più.


prova ad amarmi

Titolo: Prova ad amarmi

Autore: Sylvia Kant

Serie: Prova ad amarmi #1

Prezzo: € 1,99 (Ebook) – € 4,90 (Cartaceo)

Editore: Newton Compton Editore

Data d’uscita: 2 Luglio 2015

Trama: Antony Barker è un gigolò dalla bellezza statuaria. È l’amante ufficiale di Rachel Norton, donna algida e senza scrupoli a capo della più grande industria farmaceutica degli Stati Uniti.
Ma Antony ha anche molti altri clienti che richiedono i suoi servizi ormai leggendari nel jet set e negli ambienti più facoltosi della Grande Mela. Ha rapporti con uomini e donne, e anche di gruppo, ma non si lega e non si innamora di nessuno. È freddo, professionale e la sua sensualità è seconda soltanto alla sua determinazione. Angela Palmieri, giovane ragazza italiana appena sbarcata a New York per lavorare nell’ufficio marketing di Rachel, diventa subito la favorita del capo e viene introdotta suo malgrado in un mondo di lusso, eccessi e dissolutezza.


Frammento: La mia idea iniziale, appena sono venuta a conoscenza di questo romanzo di Sylvia Kant, è stata: “Ok, bene. Oggi lo inizi ma procedi con calma e raziocinio perché deve essere un libro TOP e … ne va della tua sanità mentale”.
Ovviamente, tutti i miei buoni propositi sono andati letteralmente a farsi benedire e ho bruciato questo libro in poco meno di una settimana.

Antony

Cover self del libro di Sylvia Kant

La storia di Antony è una delle più intense e ben scritte tra quelle che mi sono trovata a leggere negli ultimi anni (e, modestamente, ne ho letti parecchi), sia tra le autrici italiane che tra quelle straniere.
E’ il classico libro che NON devi giudicare dalla copertina. E’ la storia di un uomo che vende il suo corpo? Sì. E’ ambientato in una società corrotta? Sì. E’ intriso di scene estreme a livello di violenza e rapporti sessuali? Sì. Ma nulla, niente, può preparare il lettore all’ondata di emozioni che lo travolgono pagina dopo pagina.
Perché se è vero che il rapporto tra la protagonista femminile e il suo capo è abbastanza palese sin dalla prima parte … Tutto lo svolgimento è un continuo percorso che ti lascia col fiato sospeso, con continui cambi di ruolo e voltafaccia degni di un vero romanzo dai tratti thriller.
Del personaggio di Antony non si può dire assolutamente nulla se non … Giù il cappello all’autrice che ha saputo entrare perfettamente nei panni del gigolò e delineare senza sbavature i vari spigoli del suo carattere e della sua mente.
I personaggi secondari sono … La setta dei dannati unita a nozze luciferine. All’inizio, seriamente, non se ne salva uno! Rachel è una pazza (per farle un complimento); Glenn … Meglio che mi astengo perché deve solo ringraziare che è un personaggio fittizio altrimenti sarebbe da prendere a testate se non peggio; Andrew … Subdolo sin dalle prime battute. Si salvano ovviamente i membri del clan Thomas (ho adorato quei capitoli ambientati in quella villa); Susan (che, nonostante sia un po’ eccentrica, è un’amica vera); Alfred (anche se, la sua rivelazione finale sul suo amore di una vita … Mi ha lasciata un po’ a bocca aperta).
Ho lasciato volutamente per ultima Angela, la protagonista … Non so. Mi spiace davvero, ma lei non mi ha convinto fino in fondo: voglio dire, capisco che è in un momento della vita in cui è fragile, non ha certezze, e tutto il suo mondo viene preso, scosso, messo sottosopra e poi rivoltato però … Santo cielo, un po’ di coraggio, donna! Spero davvero di ricredermi con il sequel, visto il barlume di speranza del finale (perché di speranza si tratta, vero?).
Insomma Kant … Good Job! Immensa storia! Immenso protagonista maschile! Immensi intrighi!

E voi: lo avete letto? Io personalmente … Non ho ancora avuto il coraggio di prendere in mano il seguito, Prova ad amarmi ancora: non credo di essere pronta!
Quali sono state le vostre impressioni?
Se invece non lo conoscete, pensate di leggerlo? Vi intriga?

Commentate qui!

Rachel

© Rachel Sandman