POST-IT D’AUTORE #4

Buongiorno!

16936258_400659390291803_678433553_o

Oggi torna l’appuntamento con l’entusiasmante rubrica in collaborazione con altre amiche blogger che, impegni permettendo, avrà cadenza settimanale e ritroverete sempre qui ogni giovedì (ora più, ora meno).

L’iniziativa, come già saprete, parte da Diario di un sogno e vede la collaborazione di Leggendo RomanceLeggere In SilenzioIl blog delle lettrici compulsive e Voglio essere sommersa dai libri (tutti angoli del web adorabili che vi invito a visitare).

Ma ora veniamo a noi … Quali sono le mie citazioni della settimana? Quali sono i miei post-it? Curiosi? Non vi resta che scorrere e leggere qui di seguito.

Oggi non commenterò i post-it. Quindi … Mi aspetto tanti commenti da parte vostra, per vedere cosa queste frasi suscitano in VOI!

Ho inoltre scelto di prendere spunto da un solo libro, un romanzo che mi è entrato nel cuore e di cui, se ve lo siete persi, ho parlato qui: si tratta di Apri gli occhi e comincia ad amare di Elle Eloise, edito da Delrai Edizioni.

1 - Copia (2)

2 - Copia (2)

3 - Copia (2)

Fatemi sapere cosa ne pensate e … A giovedì prossimo!

Rachel

© Rachel Sandman

Il principe delle ombre di Francesca Persico – Recensione

Buongiorno!

Eccomi di nuovo qui!

Nonostante in questo periodo proceda un po’ a singhiozzo, ci sono sempre! Quindi non smettete di seguirmi!

Allora, oggi è con piacere che vi parlo di un libro che ho ricevuto in regalo dalla stessa autrice: si tratta di Il principe delle ombre di Francesca Persico, edito da Lettere Animate.

Qui di seguito trovate tutte le infos, il link d’acquisto e la mia personale opinione.

Buona lettura!

 


il-principe-delle-ombre

TITOLO: Il principe delle ombre

AUTORE: Francesca Persico

USCITA: 25 Gennaio 2017

PREZZO: € 2,99 (eBook) – € 13,99 (Cartaceo)

Link d’acquisto: https://goo.gl/dHPLU6

EDITORE: Lettere Animate Editore


TRAMA:

E se il mito dei sette principi degli inferi fosse reale? Se i vizi capitali avessero un volto? Se si muovessero in mezzo a noi per corromperci, irretirci, trascinarci nell’oblio? 
Cassie ha diciassette anni. È ironica, pungente e ama le storie impossibili, ma di certo non si pone domande di questo tipo. Costretta a trasferirsi in un piccolo paesino di provincia si imbatte in Rio. Dispotico, irriverente, vendicativo ed egoista, una furia. Tra mille difetti, però, è anche di una bellezza senza pari, così bello da non sembrare di questo mondo. Cassie ancora non sa che l’incontro con Rio segnerà definitivamente la sua intera esistenza e la condurrà alla scoperta di un segreto terribile. Una guerra senza scrupoli si combatte dalla notte dei tempi, l’eterna battaglia tra le creature del buio e quelle della luce e le anime degli uomini rappresentano il bottino più prezioso.


RECENSIONE:

Un libro originale, una storia ricca di spunti di riflessione e di inventiva, personaggi ricchi e coinvolgenti: tutto questo è Il principe delle ombre, romanzo edito dalla casa editrice Lettere Animate e firmato dall’autrice italiana Francesca Persico.

Il mix vincente di fantasy ed elementi reali rendono la narrazione scorrevole, ad eccezione di un inizio un po’ intricato e lento ma necessario, vista la mole e la quantità di personaggi che popolano le pagine e che devono, inevitabilmente, essere presentati.

La protagonista assoluta, Cassie, è forse il personaggio più controverso di tutti (ed è paradossale, visto che le altre figure hanno una natura, per così dire, singolare). È una giovane ragazza di 17 anni che paga lo scotto di un passato non facile e che deve ricominciare a vivere in un posto nuovo, lontano dai suoi genitori e dagli amici.

Forse il fatto che il lettore impari a conoscerla proprio in questa situazione, in una fase in cui tutto le trema sotto i piedi e le certezze sono poche, rende il suo personaggio non sempre coerente e, talvolta, sinceramente incomprensibile.

Il punto forte del romanzo a mio parere sono i sette individui (o sei, forse) che ruotano attorno a Cassie e che, piano piano, uno dopo l’altro, si avvolgono e poi si aprono per esprimersi e rivelarsi nella loro totalità. Ho amato i molteplici accenni alle loro personalità, così ricche e così intricate: la Persico ha fatto, in questo caso, una buona operazione di dosaggio, non eccedendo mai, anche laddove il lettore vorrebbe di più, cosa che però sarebbe stata troppo fuorviante e deviante rispetto alla trama vera e proprio.

Un ulteriore elemento di plauso è il fatto che per tutta la durata del romanzo non si perdano mai di vista sia il senso che i veri protagonisti della vicenda: la storia è corale ma, alla fine, sono due i punti luce che vengono maggiormente trattati e analizzati.

Ho amato tantissimo le descrizioni, in un certo senso anche tattili, che Francesca Persico ha regalato e creato ne Il principe delle ombre. I piccoli dettagli, come la delicatezza di una carezza su una piuma nera (no, l’immagine di copertina e la metafora qui presente NON sono casuali) sono magia e poesia.

Avrei forse preferito un finale, non diverso, ma questo sì, più approfondito: in questo caso, credo di essere stata presa da ingordigia acuta perché … Non ne avevo mai abbastanza e volevo sapere di più.

Detto questo, in conclusione, questo romanzo ha un finale forse un po’ sintetico ma, davvero, per nulla scontato! Controverso forse, ma decisamente perfetto se si pensa all’evoluzione dei soggetti e dei personaggi interessati.

Mi resta però una domanda: ci sarà un seguito? Io spero proprio di sì. Questo intreccio ha davvero un potenziale enorme che va sfruttato fino in fondo. E, proprio perché siamo giunti al fondo di questa mia recensione e perché la trama e la storia mi sono davvero piaciute, un piccolo neo va segnalato: la forma. Devo dire che, in alcuni casi, sarebbe davvero servita una rilettura maggiore e ulteriore in fase editing, visti alcuni refusi che ci sono e che non si possono lasciar passare. Spero quindi che, in un eventuale seguito, ci sia maggior attenzione e … Sono davvero curiosa di vedere cosa la mente della Persico avrà in serbo per noi.

Rachel

© Rachel Sandman

A second life di Alice Elle – Cover Reveal

 

Oggi sveliamo la cover di un contemporary romance, prossimamente in uscita, che parla di come non si debba mai perdere la speranza, anche quando il destino si accanisce contro di noi.

Una storia sulle seconde possibilità che la vita offre.

 

 

Titolo: A Second Life
Autrice: Alice Elle

Data di uscita: 3 aprile 2017

Serie: no, autoconclusivo

Genere: contemporary romance

Prezzo ebook: 0,99

Progetto grafico: Lovely Cover

TRAMA
Una telefonata ha distrutto il matrimonio perfetto di Elena. Una sola frase è bastata perché l’amore per il marito si trasformasse in una ferita infetta, un peso insostenibile che la trascina a fondo.
L’unica soluzione sembra prendere un aereo e partire, mettere centinaia di chilometri tra se stessa e una realtà che non è in grado di sopportare, alla ricerca di una pace che sembra inesorabilmente perduta.
Il destino, però, ha in serbo qualcosa di diverso.
Elena approda in una terra ricoperta di ghiaccio e incontra un uomo che in quel gelo ha nascosto la propria anima, per non dimenticare, per espiare… Gli occhi di ghiaccio di Mikhail la scrutano, la inchiodano, la spogliano di ogni maschera.
Tuttavia, quel ghiaccio brucia più del fuoco e, quando la neve si scioglie, la vita è pronta a germogliare.
I PERSONAGGI

 

 

L’AUTRICE


Alice Elle è, prima di ogni altra cosa, una lettrice seriale. Il suo amore per i libri dura da decenni (non sveliamo quanti), una passione così forte da spingerla a scriverne sul web, diventando una lit-blogger. Eppure, ancora non era abbastanza, così ha preso la penna in mano e ha iniziato a raccontare storie.

#GoodLuckAlice!

Rachel

© Rachel Sandman

POST-IT D’AUTORE #3

Buongiorno!

16936258_400659390291803_678433553_o

Oggi torna l’appuntamento con la nuova entusiasmante rubrica in collaborazione con altre amiche blogger che, impegni permettendo, avrà cadenza settimanale e ritroverete sempre qui ogni giovedì (ora più, ora meno).

L’iniziativa, come già saprete, parte da Diario di un sogno e vede la collaborazione di Leggendo RomanceLeggere In SilenzioIl blog delle lettrici compulsive e Voglio essere sommersa dai libri (tutti angoli del web adorabili che vi invito a visitare).

Ma ora veniamo a noi … Quali sono le mie citazioni della settimana? Quali sono i miei post-it? Curiosi? Non vi resta che scorrere e leggere qui di seguito.

Oggi non commenterò i post-it. Quindi … Mi aspetto tanti commenti da parte vostra, per vedere cosa queste frasi suscitano in VOI!

1.png

2.png

3.png

Fatemi sapere! Commentate e visitate anche gli altri blog!

Alla prossima!

Rachel

© Rachel Sandman

 

Best of … February

Buongiorno!

Oggi torna l’appuntamento con la rubrica Best of … E questa volta tocca al miglior libro di Febbraio.

Vorrei innanzitutto sottolineare la qui presente immagine …

unnamed.jpg

Questo disegno spettacolare, con relativa fotografia assolutamente unica, è stato realizzato esclusivamente per questo blog da Debora Mayfair, un’artista e persona straordinaria che vi invito a scoprire e  conoscere (cliccate sul suo nome per saperne di più).

Ora, è giunto il momento di raccontarvi però il libro che ho scelto per questa occasione.

#RulloDiTamburi

Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra di Sumia Sukkar

17125158_734847000016512_2087923169_n

TITOLO: Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra

AUTORE: Sumia Sukkar

USCITA: 13 Ottobre 2016

PREZZO: € 9,41 (eBook) – € 12,75 (Cartaceo)

EDITORE: Il Sirente


TRAMA:

Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra” racconta le intime sofferenze di una famiglia nel bel mezzo della guerra civile con un’empatia non comune, e con grande forza immaginativa. La storia è raccontata dal punto di vista di un ragazzo affetto dalla sindrome di Asperger, che vuole capire il conflitto siriano e i suoi effetti dipingendo le sue emozioni, creando un reportage letterario pieno di colori da un luogo imprevedibile e spaventoso. Sumia Sukkar crede che il ruolo dell’artista siriano oggi “è essenziale, in quanto dobbiamo ritrarre la bellezza che ancora esiste in Siria, nonostante la guerra in corso. L’arte è un mezzo potente per esprimere molte cose, e attraverso il mio romanzo e i dipinti di Adam ho cercato di esprimere l’inesprimibile, perché ciò che può perdersi nella traduzione letteraria può rivivere attraverso l’arte”.

Autore: Sumia Sukkar (Londra, 1992) è una giovanissima scrittrice britannica, figlia di padre siriano e madre algerina. Essere una scrittrice è sempre stato il suo sogno, che è diventato realtà frequentando il corso di laurea in Scrittura Creativa, alla Kingston University di Londra, dove tra i docenti ha incontrato il Dr. Todd Swift – poeta britannicocanadese e direttore della Casa Editrice Eyewear – che, estremamente impressionato dai suoi scritti, ancora sotto forma di work in progress all’epoca, l’ha incentivata a perseverare offrendole un contratto di pubblicazione.


RECENSIONE:

Ho tardato un po’ a postarvi questo appuntamento con il Best of … February ma non perché, come si potrebbe pensare, ero indecisa sul libro da presentarvi, ma perché volevo riuscire a parlarvi del titolo che ho scelto nella maniera più efficace e limpida possibile.

È inutile girarci troppo intorno … Ho deciso di dare rilievo ad una lettura che ho coccolato, masticato, digerito con calma, ovvero Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra.

Chi mi segue, si ricorderà (forse) che ho già avuto modo di presentarvi questo romanzo, edito dalla casa editrice Il Sirente (che, gentilissimamente, mi ha inoltrato una copia digitale del libro) e scritto dalla giovanissima Sumia Sukkar.

In questo nuovo spazio, vorrei descrivervi, con più attenzione e ora con la mia personale esperienza, la potenza assoluta e intrinseca di questa storia.

Adam è l’indiscusso protagonista che descrive, attraverso la delicatezza e la purezza che lo caratterizzano e che sono dovute sia alla sua giovane età sia alla malattia da cui è affetto (la sindrome di Asperger), la situazione del mondo in cui vive.

La narrazione scorre sintetica e semplice, attraverso toni delicati, in una parabola che parte da un inizio quasi idilliaco e poi, piano piano, a poco a poco, si avvolge, cade, preda degli eventi, in un vortice di polvere e buio.

La storia viene descritta attraverso una lente d’ingrandimento, parzialmente distorta dalla visione assolutamente personale di Adam, che vede, da un giorno all’altro, il suo mondo e la realtà che lo circonda completamente stravolti e capovolti.

Ho enormemente apprezzato questo romanzo che racconta in modo delicato ma senza sconti, senza censurare nulla, una realtà attuale che però, volente o nolente, è davvero poco conosciuta e poco chiara agli occhi del mondo.

La visione vista attraverso gli occhi di Adam è unica, essenziale e, a tratti, assolutamente adorabile, anche e soprattutto nelle sue fragilità, nel suo non comprendere, nel suo spaziare come nel suo chiudersi in se stesso. L’accostamento tra le emozioni e i colori è poi una pennellata di delicatezza e poesia che, nel mondo distrutto che degenera, pagina dopo pagina, davanti agli occhi del lettore, dà quel tocco di innocenza particolare e onnipresente insieme.

Una nota a parte sono invece i capitoli raccontati attraverso la voce di Yasmine, la sorella di Adam. Grazie al contrasto netto rispetto alle parole del fratello, questi brevi e pochi attimi affidati a lei sono una secchiata d’acqua fredda, sono la descrizione vivida e agghiacciante della situazione reale, esposta senza filtri, senza censure ma con l’immancabile tatto che caratterizza la penna della Sukkar.

In conclusione, non perdetevi questo romanzo. Un libro vero, che trasuda polvere e rottami, speranza e colori, vita e morte, senza risparmiare nulla a nessuno, nemmeno al lettore più asettico. Leggetelo e poi fatemi sapere. Fidatevi. Lasciatevi accompagnare da Adam e riflettete, pensate, ascoltate.

Rachel

© Rachel Sandman

SFOGLIANDO IL MONDO … #4

sfogliando-il-mondo

Oggi … Nuovo appuntamento, un po’ particolare, con la rubrica Sfogliando il mondo

Ho scelto di parlarvi, oggi, di una cosa magari futile, magari banale, magari assolutamente (o decisamente) superflua ma …

Avete presente quelle giornate in cui avete bisogno di togliervi uno sfizio? Quei piccoli piaceri che vi concedete anche se non sono necessità?

Beh … A me succede, talvolta … Ok, forse più spesso di quanto non vorrei ammettere! Detto ciò … Ora vi mostro il mio ultimo acquisto.

Dovete sapere che l’altro giorno, giovedì scorso per la precisione, mi sono inoltrata nel fulcro di viuzze e viottoli di Torino, nella zona di Vanchiglia, Santa Giulia e via Bava.

Per chi non è pratico, è il quartiere che ruota attorno a Palazzo Nuovo, l’università di Torino, sede delle facoltà di lettere e filosofia.

Nota a metà pagina … Se volete una descrizione dettagliata dell’atmosfera che si respira qui, vi consiglio la lettura dei romanzi di Elle Eloise (i primi due volumi della serie How to disappear completely sono già disponibili grazie alla Delrai Edizioni e, se ve lo siete persi, potete dare un’occhiata al post in cui vi parlo del primo romanzo qui). Non ve ne pentirete!

Ma torniamo a noi: ero in attesa dell’arrivo della mia relatrice per la consegna definitiva (sentite i cori e le voci angeliche che cantano l’Hallelujah e gioiscono??) della mia tesi magistrale …

… Quando … #BOOM! La vetrina che non dovresti mai vedere se vuoi conservare intatto il portafoglio.

Avete presente quelle piccole botteghe di una volta? Quelle che danno direttamente sulla via, con poco spazio a disposizione per esporre, in una piccola vetrina, i prodotti che vendono all’interno e che, una volta dentro, presentano uno spazio che risulta allo stesso tempo angusto e accogliente?

Bene … La Cartoleria Cauda è proprio questo: un piccolo gioiellino che sembra uscito da un tempo antico, ricco di oggetti originali e che, sinceramente, non avevo mai visto altrove.

Innanzitutto, vende i pennini! Cioè … Non potete capire la meraviglia! La signora prima di me ha acquistato al nipote, fresco fresco di visita al Museo della Scuola di Palazzo Barolo (altro luogo da visitare se fate un salto a Torino!), proprio l’ultimo pennino e sentirle raccontare aneddoti della sua infanzia, così come accenni alla sensibilità non comune e scontata che appartiene al nipote, mi ha davvero fatto sorridere.

Poi sono arrivata io e … Ok, il mio acquisto non sarà tanto nobile ma … Io adoro le tinte pastello e tutto ciò che è tenue (soltanto le ciocche dei miei capelli e le camicie a quadrettoni sono sgargianti, insomma). Inoltre, ho una vera e propria mania per l’oggettistica e la cancelleria quindi, capite bene che vedere lì, in vetrina, cinque evidenziatori … Giallino, verdino, azzurrino, rosino e arancino … Disposti in modo geometrico …

Capite? Sembravano davvero urlarmi: Prendici!!! Ti prego!

17238608_1304404729642186_425257035_nOvviamente … Eccoli qui! (Notare la pianificazione dei post del blog molto artigianale, nel foglio sotto).

Non potevo lasciare risuonare a vuoto il grido di quei poveri e carinissimi evidenziatori! Ora, sono Stabilo, quindi presumo che chiunque li trovi ovunque ma se siete in zona … Andate alla Cartoleria Cauda. Merita davvero! Si trova, precisamente, in via Sant’Ottavio 47/E e no, vi assicuro che non mi ha promesso una scorta di penne gratuita per questo post (magari!): non credo che la signora sia a conoscenza nemmeno dell’esistenza di questo blog!

Quindi, se vi capita, fateglielo sapere VOI!

Un bacione!

Rachel

© Rachel Sandman

Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone – Segnalazione

Buongiorno!

Oggi vi segnalo un libro uscito da pochissimi giorni grazie alla casa editrice Rizzoli: si tratta di Consigli pratici per uccidere mia suocera di Giulio Perrone.

Qui di seguito trovate tutte le infos e il link d’acquisto per questa nuova commedia sentimentale, molto particolare, che si presta a diverse chiavi di lettura.


giulio perrone

Titolo: Consigli pratici per uccidere mia suocera

Autore: Giulio Perrone

Data d’uscita: 9 Marzo 2017

Prezzo: € 9,99 (Ebook) – € 15,30 (Cartaceo)

Link d’acquisto:

http://amzn.to/2nhht7ehttp://amzn.to/2nhht7e

Editore: Rizzoli Libri

Trama: Leo era sposato con Marta – seducente, comprensiva, i piedi ben piantati per terra – e con lei aveva un sogno, aprire una libreria. Poi ha conosciuto Annalisa – tenerissima, vitale, lo sguardo sempre rivolto al futuro – e ha mandato all’aria il suo matrimonio, iniziando con lei una nuova vita che sembrava finalmente appagarlo. Ma mettere radici non è il suo forte, tantomeno fare scelte definitive e impegnarsi troppo a lungo in qualcosa. Lo sa chiaramente, eppure non riesce a essere diverso. Così ha sentito Marta al telefono, si sono rivisti, hanno fatto l’amore, e adesso Leo si ritrova nella paradossale situazione di avere come amante… la propria ex moglie.Dividersi tra due donne che ti vogliono per sé e che si odiano può essere eccitante, ma alla lunga diventa una discesa infernale tra bugie, scuse improbabili, sensi di colpa e la consapevolezza di stare rimandando, insieme alle decisioni importanti, anche la possibilità di realizzare i propri sogni. Per Leo è arrivato il momento di scegliere – già, ma quale delle due? – e di certo non lo aiuta avere come unici modelli un padre che ha il vizietto del gioco e racconta d’essere stato la controfigura di Dustin Hoffman nel Laureato, e un datore di lavoro che lo assilla per sapere in che modo eliminare la propria suocera…

Buona lettura!

Rachel

© Rachel Sandman

I racconti di Gioia di Gioia Assanagora – Frammenti di Parole #4

Buonasera!

Oggi torna finalmente la rubrica Frammenti di Parole 

Per l’occasione, ho pensato di parlarvi di una breve raccolta di racconti che mi è stata presentata dalla stessa autrice, Gioia Assanagora.

Partiamo innanzitutto con il conoscere un pochino questa giovane scrittrice. Gioia è una mia collega blogger (il suo blog è The Book of Writer), una ragazza nata nel 1992 a Poggibonsi, un paesino della Toscana, in provincia di Siena.

Oggi, qui sul blog, vi parlo del libro scritto da lei, I Racconti di Gioia.

Qui di seguito trovate tutte le informazioni, il link d’acquisto e il mio frammento.

gioia


TITOLO: I racconti di Gioia

AUTORE: Gioia Assanagora

USCITA: 6 Settembre 2016

PREZZO: € 0,99 (eBook)

Link d’acquisto: https://goo.gl/dcgIIP

EDITORE: Self  Publishing

Trama: I racconti di Gioia è una raccolta di storie brevi, incentrate per lo più sull’amore e sui conflitti interiori. Alcune sono più complete, altre semplicemente abbozzate, quasi dei pensieri messi su carta.


Frammento:

I racconti di Gioia è una lettura breve, composta da scritti, più o meno sintetici, che ruotano tutti attorno al tema dell’abbandono, visto da più punti di vista e in diversi contesti.

La scrittura della Assanagora è semplice, molto basilare e, in alcuni punti, inciampa su nessi logici e grammaticali.

I primi due racconti hanno caratteristiche simili e, conoscendo un po’ l’autrice, credo presentino accenni di tipo autobiografico. Nonostante i differenti protagonisti, infatti, essi raccontano una storia analoga, a tratti autentica, a tratti, forse, davvero poco approfondita.

Nella seconda parte del volume, invece, i racconti diventano ancora più brevi e concisi, con un tono parzialmente più poetico e con un potenziale, a mio parere, maggiore.

In particolar modo, Piccoli racconti 2, in cui tutto ruota attorno ad una figura eterea, una donna che cammina, sospesa, su un filo che scorre sino alla luna, credo potesse essere il classico elemento di svolta, che avrei voluto vedere più ampliato e analizzato.

In conclusione, forse l’opera nel suo complesso è dispersiva a causa dell’assenza di una trama e di un filo conduttore unico. La narrazione ha, troppe volte, poco spessore e mordente ma, indubbiamente, alcune immagini riportate hanno il potenziale su cui lavorare ancora e creare una storia vera e completa.

Rachel

© Rachel Sandman

Segnalazione Prossime Uscite

Buongiorno!

Torna l’appuntamento con la segnalazione di alcune delle uscite che troverete online o in libreria nei prossimi giorni o di recente pubblicazione. Siete pronti?

Leggete qui di seguito per saperne di più …


tre60

Titolo: Milk and honey

Autore: Rupi Kaur

Traduttore: Alessandro Storti

Prezzo: € 6,99 (Ebook) – € 12,00 (Cartaceo)

Editore: Tre60

Trama: Milk and honey è una raccolta di testi di amore, perdita, trauma, violenza, guarigione e femminilità. Si divide in quattro capitoli: ognuno persegue un obiettivo diverso, tratta una sofferenza diversa, guarisce un dolore diverso. milk and honey accompagna chi legge in un viaggio attraverso i momenti più amari della vita e vi trova dolcezza, perché la dolcezza è dappertutto, se solo si è disposti a cercarla.

Dure e commoventi, leggere e sconcertanti, le parole di Rupi Kaur, accompagnate dai suoi disegni, toccano profondamente il cuore di tutti coloro che cercano consolazione e coraggio nella forza della poesia. E della sincerità.

Nata nel Punjab, in India, Rupi Kaur si è trasferita giovanissima in Canada coi suoi genitori. Ha studiato all’University of Waterloo, e attualmente vive a Brampton, nell’Ontario. Interessata da sempre all’arte, ha cominciato a pubblicare i suoi lavori sui social media, soprattutto su Instagram (dove ha quasi un milione di follower), trattando i temi dell’amore, della perdita, del trauma, della guarigione e della femminilità con parole e immagini. Le sue opere hanno acceso dibattiti, scatenato controversie e attirato su di lei l’attenzione di tutto il mondo. Milk and honey è uscito per la prima volta nel novembre 2014, autopubblicato dall’autrice. E quando, nell’ottobre 2015, è stato pubblicato da un editore americano, il successo è stato istantaneo.

Disponibile dal 2 Marzo 2017.


l.a.witt

Titolo: (In)Cancellabile – Un’estate con la band (With the Band)

Autore: L.A. Witt

Traduttore: Ciro Di Lella

Prezzo: € 5,99 (Ebook)

Editore: Triskell Edizioni

Collana: Rainbow

Trama: La band hard rock Schadenfreude è finalmente arrivata al successo, dopo diversi anni di tentativi. Con Aaron McClure come voce solista niente può fermarli… eccetto, forse, un’appassionata e segreta relazione tra Aaron e il bassista Bastian Koehler. Aaron sa fin troppo bene quali possono essere le conseguenze di una storia tra membri della stessa band. Il suo ultimo gruppo si era sciolto proprio per quel motivo e gli Schadenfreude vietano ai propri musicisti di uscire insieme per evitare ripercussioni sulle dinamiche della band. Ma Bastian è troppo sexy per potergli resistere e poi, se tra loro c’è solo sesso, cosa potrà mai andare storto? Bastian è appena uscito da una lunga relazione con la sua irascibile ex-fidanzata quando Aaron cattura la sua attenzione. Il cantante è irresistibilmente sexy e, malgrado i potenziali problemi che ciò potrebbe causare alla band, Bastian non riesce a frenarsi. La loro passionalità a letto, però, è proporzionale all’ambizione come musicisti, e questa combinazione rischia di portarli non solo alla rottura, ma anche al declino degli Schadenfreude.

Data d’uscita: 15 Marzo 2017


Un poker di uscite per Amazon Crossing Amazon Publishing!

amazon

  • L’incidente svedese, di Kevin Wignall, un adrenalinico intrigo in Svezia, https://www.amazon.it/dp/B01N95QSPF [data d’uscita: 21 Marzo 2017];
  • Passi di tango in riva al mare di Federico Maria Rivalta, il ritorno del detective più sconclusionato d’Italia, https://goo.gl/u99UTp [disponibile dal 28 Febbraio 2017];
  • A caccia di ombre di Michael Prescott, un thriller sul lato oscuro dello show business, https://goo.gl/PpzsfR [disponibile dal 7 Marzo 2017];
  • La stagione del biancospino di Riccardo Bruni, dove la candida neve invernale nasconde molti segreti, https://goo.gl/eSKg0W [data d’uscita: 14 Marzo 2017].

Tutti e 4 i suddetti titoli editi da Amazon sono disponibili al prezzo di € 4,99 in ebook, €  9,99 in formato cartaceo e sono inclusi in Kindle Unlimited.


Che dite?

Quali titoli vi ispirano di più? Siete amanti del giallo? Conoscete già qualche autore?

Fatemi sapere … Sono curiosa!

Rachel

© Rachel Sandman

8 Marzo – Women’s Day #4

sfogliando-il-mondoSiamo arrivati, ora, all’ultimo post di questa giornata …

womens-day

Spero che questa iniziativa vi sia piaciuta, vi abbia fatto divertire, vi abbia fatto riflettere e, perché no, vi abbia fatto conoscere queste fantastiche DONNE in un modo nuovo, diverso, senza il filtro delle loro storie.

Ringrazio infinitamente Marta Savarino, Cecile Bertod, Paola Garbarino, Elisa Gentile, Karen Waves, Jenny Anastan, Lisa Arsani, Aina Sensi, Elle Eloise, Benedetta Cipriano, Francesca Cani, Simona Friio, Debora C. Tepes, Carmen Bruni, Elle Caruso.

Tutte autrici fantastiche, tutte scrittrici che, personalmente, conoscevo, chi più chi meno, solo attraverso le loro opere e che ho voluto coinvolgere in questa mia iniziativa in onore delle DONNE. Tutte autrici e penne della letteratura italiana contemporanea.

Ho qui il piacere di lasciarvi con due ultimi pensieri, due ultime risposte che ho ricevuto, del tutto inaspettatamente (avevo inviato loro la domanda, da sfacciata quale sono, ma MAI mi sarei aspettata una risposta!).

Ad essere state così gentili e disponibili sono state due delle autrici più in voga e seguite del panorama internazionale odierno.

Due autrici americane, edite in Italia da Newton Compton Editori Harper Collins, che, per formazione, stile di vita e provenienza, descrivono una situazione simile a quella raccontata dalle scrittrici nostrane, ma non identica.


Being a female writer is, I’m sure, similar to being a male writer. We all pretty much work at home on our own. There are no office politics, and since I write romance, there isn’t much diversity in who my fellow authors are. Most of us are women. Now on social media, there is a stark difference. Gearge R.R. Martin, Stephen King, and Neil Gaiman can all voice their opinions pretty freely and not lose readers. People respect them for it. They can even voice their opinions about other authors. Most women can’t do that. If we do, we’re seen as bitches. We have to keep a level head in public and never come off as catty, because a man can get a way with behavior that will be seen as childish in a woman. The pressure of maintaining a public persona is very deep for female authors. Even J.K. Rowling. She always handles haters to her opinions with humor. She has to make people laugh while serving them truth or else the public will see her as toxic and immature. Someday I hope to be able to be me without fear that something I say will be misconstrued. Work hard until you no longer have to introduce yourself, right?

[Traduzione: Essere una scrittrice è, sono sicura, simile all’essere uno scrittore. Noi tutti, più o meno, lavoriamo a casa per conto nostro. Non ci sono quindi politiche e regole d’ufficio, e da quando scrivo romance, non c’è molta diversità rispetto ai miei colleghi autori. La maggior parte di noi è donna. Ora, sui social media, c’è una netta differenza. George R.R. Martin, Stephen King, and Neil Gaiman possono dar voce alle loro opinioni abbastanza liberamente e senza perdere lettori. Le persone li rispettano per questo. Possono, ugualmente, dire la loro per quanto riguarda gli altri autori. La maggior parte delle donne invece non può farlo. Se lo facessimo, saremmo viste come streghe. Siamo costrette a seguire in pubblico una linea guida e mai apparire come invidiose, perché un uomo può mantenere un comportamento, che sarebbe visto come infantile se tenuto da una donna. La pressione di dover sostenere la figura pubblica è molto alta per un’autrice donna. Anche J.K. Rowling deve trattare gli haters con humor. Deve far ridere le persone invece di dire chiaramente la verità o altrimenti il pubblico la vedrebbe come una persona immatura. In futuro spero di essere capace di essere me stessa senza temere che qualcosa che ho detto sarà frainteso. Lavora sodo affinché tu possa presentare ed essere te stessa, giusto?]

Penelope Douglas

[autrice di Mai per amoreDa quando ci sei tuLa mia meravigliosa rivincita, Non riesco a dimenticartiOdiami come io ti amo]


Hmmm … honestly I don’t use my gender as a classifier for what I do. I’m an author…plain and simple. I don’t write for one gender or the other … even though what I write is so heavily marketed to women. Honestly being any kind of writer in 2017, if it is your profession, is finding the fine line between what is marketable, sell-able and on trend … and making that something you want to write. Making a story that is for BOTH you as the creative force and one that will appeal to the consumer. Being an author is as much about passion as it is promotion and persuasion anymore.

[Traduzione: Hmmm … Onestamente non uso il mio genere come un classificatore per ciò che faccio. Sono un autore … chiaro e semplice. Non scrivo per un genere o per un altro … Anche se ciò che scrivo è pesantemente indirizzato per un pubblico femminile. Onestamente essere un qualsiasi tipo di scrittore nel 2017, se è la tua professione, consiste nel trovare la giusta linea verso ciò che è vendibile, attraente o alla moda … e rendere questo qualcosa ciò che tu vuoi scrivere. Creare una storia che è sia per te stessa in quanto forza creativa sia un qualcosa che attrae il consumatore. Essere un autore è quindi passione tanto quanto promozione e persuasione, allo stesso tempo.]

Jay Crownover

[autrice di Oltre le leggi dell’attrazione e della Tattoo Series, Bad Love e della Saints of Denver Series]


Thank you so much, Pen and Jay, to give me these answers and to make my first #March8th of this blog so international and so amazing!

Grazie a tutti voi che avete contribuito a questa iniziativa, grazie a tutti voi che avete letto tutte le ‘tappe’, grazie a TUTTI, indistintamente.

E oggi, più che mai, vorrei sottolineare come le donne, insieme, possono creare cose meravigliose. #PinkPower

Rachel

© Rachel Sandman