Review Party – I disastri del cuore di Kylie Scott

Banner SCOTT.jpg

Buongiorno!
Oggi è con immenso piacere che, nonostante il clima ancora vacanziero e nonostante la calura estiva che sembra non volersene andare più, il blog partecipa al Review Party della nuova novella di Kylie Scott edita da Newton Compton EditoriI disastri del cuore.

Insieme ad altri blog (che trovate scritti nel banner e che vi invito a visitare), l’intera giornata sarà dedicata a questa breve novella di cui potrete sapere tutto, tutte le infos, la trama e le opinioni personali di noi lettrici in anteprima.

Pronti? Cominciamo allora!


6tag_110817-124219

Titolo: I disastri del cuore (Heart’s a Mess)
Autore: Kylie Scott
Data d’uscita: 21 Agosto 2017
Prezzo: € 0,99 (Ebook)
Editore: Newton Compton Editori

Trama: Violet ha una missione: rimettere in sesto la sua vita. O almeno quello era il piano. Andare a letto con il suo nuovo capo super sexy però è decisamente un errore. E non ha intenzione di ripeterlo. Alex ha un bar e dopo un divorzio tremendo ha finalmente ripreso in mano le redini della sua libido. Non ha nessuna intenzione di lasciarsi scappare l’oggetto dei suoi desideri. Possono avere una relazione senza che influisca sul loro lavoro. Certo che possono. Perché sicuramente non le metterà le mani addosso nell’ufficio sul retro, e decisamente non si metteranno a folleggiare in magazzino…
Violet non vuole ripetere il passato, ma non è l’unica ad avere una missione.

Infos sull’autore: Autrice bestseller del «New York Times» e «USA Today», è da sempre appassionata di storie d’amore, rock’n’roll e film horror di serie B. Vive nel Queensland, in Australia, legge, scrive e non perde troppo tempo su internet. La Newton Compton ha pubblicato Tutto in una sola notteÈ stato solo un gioco, Nessun pentimento e Doppio gioco.


Recensione: I disastri del cuore di Kylie Scott è una lettura veloce, molto veloce. Innanzitutto, è una novella che spicca, a prima vista, per brevità. Lo so, ho ripetuto per ben due righe lo stesso concetto ma sul serio, va bene non avere la lunghezza di un romanzo vero e proprio ma qui si esagera un po’!

La storia c’è, le basi anche, le premesse pure ma … Poi, per ragioni di spazio ristretto e pochi capitoli, le tematiche restano allo stato di abbozzo lasciato lì, grezzo e in parte informe, senza la minima spiegazione o il minimo approfondimento. Peccato.

La protagonista femminile, Violet, è colei che resta più nell’ombra: di lei sappiamo poco, niente flahsback per scoprire parte del suo passato appena accennato, niente cenni su famigliari o amici. Attraverso le parole della Scott, tuttavia, emerge il ritratto di una donna forte, giovane (soprattutto se la paragoniamo all’età del protagonista maschile – differenza che, tra le altre cose, resta una tematica non trattata e dal potenziale perso nel nulla), con un carattere deciso ma che nasconde fragilità e debolezze.

Alex, al contrario, emerge dalla superficie grazie al fatto di giocare in casa e dall’essere circondato da membri (molto promettenti) della sua famiglia: la Scott, con il suo stile dal sapore sensuale e irriverente, delinea ogni centimetro di questo uomo dagli occhi azzurri, con un passato che lo ha segnato alle spalle e con due fratelli, diversi l’uno dall’altro ma tutti estremamente legati tra loro.

A farla da padrone è, ovviamente, la componente sensuale ed erotica dell’evolversi della storia tra i due protagonisti. Se avete letto la The Lick Series … Beh, sapete benissimo di cosa sto parlando: scene calde, a tratti bollenti; elementi di lingerie elegante che vanno e vengono; posti insoliti ma anche no. Insomma, anche in questi pochi capitoli la Scott firma e dà il suo personale tocco, creando una narrazione magari non tra le più complete ed originali della storia ma, senza dubbio, fluente e di facile lettura.

In conclusione, mi spiace sul serio ma … Devo ripetermi. Nonostante la brevità, nonostante la sintesi … La forma e la traduzione non sono, a mio parere, adeguati: insomma, stiamo parlando di una cinquantina di pagine! Possibile che una casa editrice tra le migliori del panorama italiano non riesca a darla ai lettori in una forma pulita?
Ma …
Detto questo, se cercate un’evasione rapida ma piacevole, leggete I disastri del cuore di Kylie Scott. Leggete la storia di Alex e Violet e, come me, iniziate a farvi i film mentali su un certo cuoco del locale ed una direttrice di sala … Kylie Scott, ho bisogno della LORO storia!

Rachel

© Rachel Sandman

Review Party – Grazie per avermi spezzato il cuore di Lauren Layne

Review Party.jpg

Buongiorno!

Oggi la giornata è ricchissima di nuove uscite librose e, tra le tante, vi è un ebook che acquista forma cartacea e irrompe nelle librerie: grazie a Newton Compton Editori infatti a partire dalla data odierna, 3 Agosto 2017, potete trovare Grazie per avermi spezzato il cuore di Lauren Layne, edito dalla casa editrice Newton Compton Editori.

Una premessa: è vero, il presente romanzo di cui mi appresto a parlare è il secondo capitolo di una serie, la Redemption Series, MA io, per prima, non ho letto (mea culpa) il primo romanzo, Un amore senza fine, e NON ne ho minimamente risentito quindi … State tutti sereni e, se vi trovate nella mia stessa situazione, procedete pure senza nessuna remora o titubanza.

Qui di seguito trovate, ovviamente, tutte le infos riguardanti Grazie per avermi spezzato il cuore con la mia personale opinione. Vi invito però a fare un salto anche nei blog delle mie colleghe che, come me, hanno letto questa storia e si sono fatte un’idea (trovate il nome delle blogger coinvolte sul banner in alto).


Grazie per avermi spezzato il cuore Cartaceo

La qui presente cover è quella che troverete in libreria Tuttavia, forse voi conoscete già questa storia … Con un’altra immagine … Per saperne di più > qui

Titolo: Grazie per avermi spezzato il cuore
Autore: Lauren Layne
Serie: Redemption Series #1
Data d’uscita: 3 Agosto 2017
Prezzo: € 4,99 (Ebook) – € 9,90 (Cartaceo)
Editore: Newton Compton Editori

Trama: Quando Olivia Middleton abbandona il glamour di Park Avenue per una remota città costiera del Maine, tutti danno per scontato che l’abbia fatto per seguire il suo istinto altruista. Ma Olivia nasconde un segreto: lavorare in un’associazione che si occupa del recupero di veterani di guerra non è esattamente un atto di generosità, ma una penitenza. Il problema è che la persona che le viene affidata non è l’anziano triste e riconoscente che si aspettava di incontrare, ma un ventiquattrenne scostante che non ha alcuna intenzione di diventare lo strumento per la redenzione di Olivia. E soprattutto ha uno sguardo che paralizza. Paul Langdon non ha bisogno che uno specchio gli riveli di non essere più il quarterback che era prima della guerra. Sa che è diventato brutto dentro e fuori e ha deciso che farà di tutto per mantenere la forma di esilio che si è auto-imposto, anche a costo di perdere la sua eredità. Ma Paul non aveva fatto i conti con la splendida ventiduenne a cui è stato affidato, e che gli ricorda fin troppo tutto quello che ha perso e che non potrà mai più avere indietro. Più lei cerca di convincerlo ad abbassare le difese che si è costruito intorno, più è difficile riuscire a tenerla a distanza… Ora Paul e Olivia devono decidere: saranno in grado di aiutarsi a vicenda o sono perduti per sempre?


Recensione: Grazie per avermi spezzato il cuore di Lauren Layne è un libro che VA LETTO, senza tentennamenti o dubbi.
Ovviamente, devo avvisarvi: nonostante una confezione molto romance e dall’impatto leggero e frivolo, questo libro NON va preso con superficialità.

La storia di Paul e Olivia, infatti, è una di quelle ad impatto crescente, una sorta di La Bella e la Bestia in chiave moderna, che racconta di cicatrici più o meno visibili, di passati più o meno gravosi, di giovani in cerca di se stessi e della persona giusta che arriva, inevitabilmente, al momento che sembra sbagliato ma che poi, infine, tanto sbagliato non è.

Partiamo da lui, da Paul. Se avete amato Troppo bello per dire di no di Jessica Clare (che trovate, in promozione, a € 1,99) o Sei il mio sole anche di notte di Amy Harmon (anche questo in super offerta a € 0,99), questo nuovo eroe di carta vi conquisterà sin dalla prima sfuriata, sin dalla prima porta sbattuta in faccia. Paul Langdon è questo: irruento, chiuso in se stesso, burbero, a tratti decisamente meschino, ma non solo. È anche un giovane uomo ferito, nel corpo e, soprattutto, nell’anima; è una persona orgogliosa ma bisognosa di quell’affetto che, vuoi per un suo atteggiamento freddo e scostante, vuoi per ragioni e motivi esterni, dice di non volere ma che brama, nell’ombra.

Olivia Middleton è … Beh … Lei va descritta innanzitutto con le parole di Paul:

… Un’esplosione di gomma americana …

Il suo personaggio è ricco di sfumature che appaiono e scompaiono come le ombre del giardino della casa sperduta nel Maine più vero e grezzo. Apparentemente, Olivia è la classica ragazza di buona famiglia: superficiale, a tratti frivola, con un look perennemente immerso nel mondo dei BigBabol rosa shocking. Tuttavia anche lei, come Paul, nasconde una natura diversa, più personale e privata, un carattere forte e fragile, un atteggiamento socievole ma precario, una serie insomma di elementi celati che la rendono una protagonista di assoluto spessore e molto accattivante.

Risultati immagini per dear john gif

Il punto di forza del romanzo, per me, è il modo in cui Lauren Layne è riuscita a far interagire i suoi due protagonisti, la sua coppia d’oro: molto naturale, molto ironico, a tratti scorbutico ma estremamente vero e coerente con le personalità di Paul e Olivia.

Un altro aspetto di rilievo in questo libro è, senza ombra di dubbio, lo svolgimento della trama. Ancora una volta, non fermatevi all’apparenza: Grazie per avermi spezzato il cuore è un romance, è vero, ma è seriamente imprevedibile. Ci sono picchi, brusche svolte, avvicinamenti, litigi, ricongiungimenti, pianti … Un mix di emozioni fantastico ma, allo stesso tempo, a tratti devastante che vi porterà, seriamente, a gironzolare per casa con il kindle o il romanzo cartaceo nella disperata necessità di sapere come va a finire (e sì, lo ammetto, ve lo dico per esperienza personale).
Preparatevi dunque a passare da momenti di esaltazione, con gli occhi a cuoricino e annessi, a capitoli di devastazione e mutismo.

In conclusione, una piccola nota negativa: premesso che io ho letto la versione ebook del romanzo, la prima, quella con ancora la vecchia cover quindi non so se quella cartacea abbia subito modifiche MA, davvero, la marea di errori che, ad una semplice lettura, saltano immediatamente all’occhio, andrebbe di gran lunga evitata. Seriamente.
Così come la copertina, per me, anche l’aspetto grafico e la cura dell’editing sono elementi imprescindibili in ogni romanzo o prodotto confezionato e venduto: pertanto, la storia di Olivia e Paul va letta, ovvio, perché l’autrice Lauren Layne ha avuto attenzione e cura nei dettagli, nella psicologia dei suoi personaggi, nei rimandi delicati alla celebre fiaba, in tutto ciò che ruota loro attorno (forse, un piccolo approfondimento sulla famiglia di Alex non sarebbe stato fuorviante, ma anche così non si risente particolarmente di vuoti o inesattezze). Tuttavia, purtroppo aggiungerei, la traduzione non è a livello della storia. Per nulla.

Rachel

© Rachel Sandman

 

Review Party – Sotto la luce di mille stelle di Cinzia La Commare

RP La commare

Buongiorno!

Oggi è con immenso piacere che il blog partecipa al Review Party, l’evento che accompagna l’uscita di un nuovo romanzo made in Italyself: si tratta di Sotto la luce di mille stelle di Cinzia La Commare, già autrice di romanzi quali I colori di Juliet (di cui, personalmente, adoro la cover che vi invito ad ammirare, seguendo il link) e Tutta colpa dei Soci@l, oltre a serie quali Il Buio e Ad un bivio tra me e te.

Devo ammettere che la qui presente nuova uscita, disponibile DA OGGI in formato digitale e cartaceo, è il primo romanzo, la prima storia che leggo scritta da questa autrice quindi non potrò fare un confronto con altri suoi scritti.
Tuttavia sono davvero felice di potervi raccontare le mie sensazioni e le emozioni che la lettura di Sotto la luce di mille stelle mi ha suscitato.

Qui di seguito trovate tutte le infos, il link d’acquisto, la trama e, ovviamente, la mia personale recensione.


Cinzia Lacommare

Titolo: Sotto la luce di mille stelle
Autore: Cinzia La Commare
Prezzo: € 0,99 (Ebook) – € 6,99 (Cartaceo)
Data d’uscita: 1 Agosto 2017
Editore: Self Publishing

Trama: Blair Thomson ha ventotto anni, un’infanzia tormentata, una carriera come modella alle spalle e un’imminente matrimonio ad attenderla al ritorno dalle vacanze in Grecia. Vacanze che avrebbe dovuto fare con il suo fidanzato David Davies, stilista di fama mondiale, se non fosse che lui all’ultimo minuto viene trattenuto a Londra per lavoro. Così Blair si ritroverà svogliatamente a passare due settimane da sola a Zante, fino a quando non incontra Christophe, che in poco tempo diventerà l’unica persona sull’isola su cui lei senta di poter fare affidamento. Lui è seducente, sfacciato e del tutto intenzionato a tentarla con le sue spiccate doti da seduttore. Tra escursioni in barca, feste in piazza e notti passate sulla spiaggia, Christophe, approfittando dell’assenza di David, non perderà occasione per cercare di conquistare Blair che dal canto suo però non ha poche remore. I Davies l’hanno salvata da una vita disagiata quando era solo una ragazzina, hanno fatto di lei una modella acclamata e Blair nutre per quella famiglia una forte gratitudine. Ma è per questo che ha deciso di sposare David? Solo per riconoscenza? Non se lo era mai chiesto fino a prima che Christophe, in sole due settimane, arrivasse a minare ogni sua certezza. Può un uomo conosciuto in pochi giorni deviare l’intero corso del destino di Blair, che lei ha sempre creduto già programmato nei minimi dettagli?


Recensione in Anteprima: Se state cercando il giusto romanzo che faccia da sottofondo a queste giornate estive e ricche di afa, posso garantirvi che l’avete trovato!
Sotto la luce di mille stelle di Cinzia La Commare porta infatti con sé la trama perfetta, l’ambientazione ideale per questo periodo vacanziero.

Risultati immagini per zante grecia

La storia di Blair e Chris parte in un’atmosfera che mi ha ricordato un po’ la magia che aleggia in film quali L’isola dell’amore (titolo originale Griechische Küsse, film tedesco del 2008) e 4 amiche e un paio di jeans (The Sisterhood of the Traveling Pants, film del 2005 con Blake Lively, Alexis Bledel e America Ferrera).
L’ambientazione greca, i profumi del mare e della salsedine, la pelle ambrata degli isolani e i piatti tipici di una terra mediterranea dal sapore unico permettono, sin dai primi capitoli, di fare un vero e proprio viaggio che per chi, come me, è ancora ancorato a casa in attesa del meritato riposo, è un vero e proprio tuffo immaginario nel blu.

20561866_1937323006484150_53505075_nIl personaggio di Chris è … Magnetico. Lo si conosce poco, si lascia andare poco, parla poco ma, grazie a piccoli gesti dosati e ad un’irruenza quasi sgarbata, decisa e senza dubbio virile, riesce ad ammaliare anche il lettore più scostante.
Blair, al contrario, è una protagonista a tratti imperturbabile o, per meglio dire, incerta: da un lato, il suo carattere remissivo e la sua accondiscendenza, fin troppo tollerante, mi hanno fatto storcere un po’ il naso per alcune scelte che, da una ragazza, una donna di 28 anni proprio non mi aspettavo. 20561957_1937322976484153_1979058122_nPoi però ho proseguito la lettura e, grazie ad un approfondimento non eccessivo dell’autrice sulla storia personale di questa modella scozzese dai capelli rossi e dagli occhi grigi, mi sono in parte ricreduta: c’è un motivo per cui lei è così legata al mondo della moda, alla sua carriera e alla famiglia Davies, ragion per cui il suo atteggiamento succube ha un senso logico e definito e sono, infine, riuscita a vederla sotto una luce differente.

La scrittura di La Commare è fluida, con accenni di ironia mista ad un filo narrativo che sa di fiaba e che procede, spedito, a tratti forse troppo, verso un epilogo che io, personalmente, ho trovato un po’ affrettato.
Sia il capitolo conclusivo della vicenda che il salto temporale finale avrebbero, secondo me, avuto bisogno di più respiro in modo che sia il lettore che i personaggi stessi potessero, finalmente, godere appieno della situazione che hanno atteso a lungo e che poi, in un paio di pagine, viene loro sottratta.

In conclusione, il romanzo Sotto la luce di mille stelle è un romanzo tenero, dolce ma, al contempo, ricco di spunti e di approfondimenti psicologici non indifferenti. I personaggi si uniscono e creano legami solidi, oggetto di colpi di scena presenti ma mai eccessivi o esagerati. Le descrizioni dell’isola e delle spiagge che i protagonisti visitano sono piccoli quadri curati nel dettaglio, tanto che io stessa, nonostante non sia mai stata in Grecia, mi sono ritrovata parte integrante del quadro dipinto, spettatrice sorridente, seduta a lato, con in mano un immaginario bicchiere di ouzo e con, in sottofondo, musica proveniente da un recente passato.

#GoodLuckCinzia!

Rachel

© Rachel Sandman

 

Blitz Release & Giveaway – Black Rose di Sagara Lux

Black Rose It's live

Buongiorno! Oggi il blog ospita il Blitz Release del nuovo romanzo di Sagara Lux. In questo post trovate tutte le infos e i dati di Black Rose.

Cover Black Rose

Titolo: Black Rose

Autore: Sagara Lux

Serie: The darkest night

Genere: Dark-Romance

Data di pubblicazione: 23 Luglio 2017

Link d’acquisto: Amazon

Pagine: 224 (versione cartacea)


Trama: Mai desiderare quel che potrebbe distruggerti.Lilian Leroy non ha mai desiderato di svegliarsi in una stanza non sua, in compagnia di un uomo completamente nudo che non ricorda nemmeno di avere incontrato. Non ha mai desiderato di finire coinvolta nei giochi di potere che legano suo padre a un misterioso uomo venuto dalla Russia.
Ma ha desiderato lui, Sergej.
Dal primo momento in cui lo ha visto.
Sergej non ha mai desiderato nulla per sé. Ha sempre e soltanto eseguito gli ordini, almeno finché non gli è stato chiesto di fare l’unica cosa che non avrebbe mai voluto: distruggere qualcuno.
Distruggere lei.
Tre uomini. Due donne. Una notte.
La più oscura di sempre. Quella che cambierà le loro vite.


Se siete particolarmente curiosi, al link qui di seguito trovate il primo capitolo che potete leggere GRATUITAMENTE ->  Black Rose – Capitolo I

GIVEAWAY

Se volete tentare la fortuna … Cliccate sul link per partecipare -> a Rafflecopter giveaway

#GoodLuck!

Rachel

Review Party – Ritorno alla casa dei ricordi di Helen Pollard

party 27 luglio.PNG

Buonasera!
Oggi … La giornata e super ricca e, dopo la tappa del BlogTour di Strange Love di Paola Garbarino e le segnalazioni di casa LeggerEditore, si arricchisce con un Review Party firmato Newton Compton Editori.

In questo ultimo post di giornata, vi parlo con piacere di un romanzo davvero ricco, pieno di storie, di ambienti, di tradizione: oggi facciamo un salto o, per meglio dire, torniamo a La Cour des Roses (vi ricordate, si tratta della graziosa pensione di La piccola casa dei ricordi perduti) e andiamo a scoprire che ne è stato di Emmy, Rupert, Alain e gli altri con una recensione di Ritorno alla casa dei ricordi di Helen Pollard, edito da Newton Compton Editori (che ringrazio per la copia digitale del romanzo).

Buona lettura!


Risultati immagini per ritorno alla casa dei ricordi amazon

Titolo: Ritorno alla casa dei ricordi
Autore: Helen Pollard
Serie: Ricordi Perduti #2
Data d’uscita: 27 Luglio 2017
Prezzo: € 2,99 (Ebook) – € 10,00 (Cartaceo)
Link d’acquisto: Amazon
Editore: Newton Compton Editori

Trama: Cielo azzurro, un nuovo amore e un bicchiere di Bordeaux… Cosa si può chiedere di più? Emmy Jamieson ha deciso di lasciarsi la vecchia vita alle spalle e di trasferirsi a La Cour des Roses, una splendida pensione in mezzo a vigneti francesi, che sarà lei a gestire. La prima prova alla quale far fronte è l’arrivo dell’eccentrica famiglia Thomson, che ha prenotato una vacanza per festeggiare le nozze d’oro. Emmy si sente all’altezza della sfida, soprattutto perché può contare su Alain, il bel ragazzo dell’amministrazione, dagli occhi color caramello. Non ha però fatto i conti con l’ingombrante presenza di un blogger davvero insopportabile, che si aggira nudo per la pensione, né con il ritorno di Gloria, la moglie fedifraga del proprietario, che ha qualcosa da ridire sul nuovo ruolo di Emmy. Ma anche la situazione finanziaria e l’insospettabile Alain si rivelano ben presto diversi da quanto aveva immaginato… Possibile che il futuro da sogno che Emmy immaginava stia per crollare?


Recensione in anteprima: Allora, io detesto ripetermi ma se mi seguite, come spero, e avete già letto la mia recensione del primo romanzo della serie di Helen Pollard, vi avviso: inizialmente, mi devo ripetere.
Perché, vedete, come già in La casa dei ricordi perduti, anche in questo secondo capitolo, Ritorno alla casa dei ricordi, ho trovato un atteggiamento ambivalente nella trama: di nuovo, infatti, la prima parte della storia è estremamente lenta e, vuoi per scelte narrative, vuoi per un’eccessiva presenza di persone rinchiuse in pochi capitoli, ho seriamente faticato a procedere nella lettura che, al contrario, risulta scorrevole, accattivante e piacevolissima, grazie anche a note musicali e di colore, dalla metà in poi.

Non so spiegarmi, sinceramente, il motivo: la Pollard scrive bene, in modo davvero descrittivo e ricco, rendendo la materia che tratta presenza viva e il profumo della tradizione una costante dei suoi libri ma, forse, l’eccessiva necessità di creare tempeste in un mare altrimenti calmo e pacifico mi ha fatto, nei primi capitoli, storcere un po’ il naso e sospirare, più volte.

Chi ha letto il primo romanzo conoscerà già i personaggi che popolano questo piccolo paesino francese e, come me, si sarà ormai affezionato alle loro storie e alle loro personalità strampalate.
Devo dire che l’autrice è stata brava nello sviluppo dei caratteri: la protagonista resta Emmy, il cui punto di vista è la lente attraverso qui il lettore vede e si immerge nella storia. A differenza del libro precedente però, troviamo ora una donna meno docile, più consapevole di se stessa ma ancora piena di crepe che rischiano, ad ogni spiffero di vento, di aprire voragini e insicurezze. La Pollard guida il suo personaggio in modo egregio e reale, non trasformandola dunque in un’eroina senza macchia e senza paura ma gestendo con cura il suo processo di crescita iniziato sul finire di La piccola casa dei ricordi perduti e proseguito in questo romanzo.

Al suo fianco, spiccano le due figure maschili per eccellenza: Rupert e Alain.
Se il primo mi ha, ad un certo punto, deluso (almeno parzialmente) e, durante lo svolgimento narrativo, ha perso un po’ della solidità granitica e quasi ineccepibile di cui era stato circondato nel primo capitolo, Alain, dal canto suo, mantiene tutto lo charme, la grazia, la delicatezza e la forza che aveva solo lasciato percepire in precedenza.
Non capisco, davvero, la scelta dell’autrice di abbandonarlo sullo sfondo nella parte iniziale perché il personaggio del commercialista dagli occhi color caramello è uno dei più accattivanti, ricchi, attraenti, con un bagaglio emotivo e personale interessante. Bah … Non ho sinceramente compreso a pieno questa mossa, così come non ho condiviso il ritorno della antagonista per eccellenza, quella Gloria che già si detesta nel primo libro e, di certo, non si fa perdonare in questo: la cara signora torna per un paio di capitoli in questo libro con un solo scopo: creare scompiglio e fare danni. Bravissima qui la Pollard a rendere detestabile questo suo personaggio: una caratterizzazione quasi all’estremo ma, di certo, realistica e ben omologata al contesto e allo sviluppo narrativo.

In conclusione, due appunti. In primis, la scrittura di questa autrice è davvero di livello: le parti descrittive riescono davvero a farti fare un viaggio nelle atmosfere e nei paesaggi descritti tanto che, ad un certo punto, sembra quasi di sentire il profumo delle ortensie e quello delle rose mischiarsi e uscire dal kindle.
Inoltre, un ulteriore plauso va alla sua scelta di approfondire due caratteri che, nel primo romanzo, erano rimasti un po’ in disparte, in attesa del loro momento: le storie di Ellie e, soprattutto, quella del vecchio Jonathan. Una chicca davvero unica e, allo stesso tempo, delicata e d’impatto.

Speriamo che, come è successo tra il primo e il secondo, verrà pubblicato presto in Italia anche il terzo romanzo di questa serie: ormai voglio vedere come andrà a finire e … Gli accenni a due possibili coppie che sembrano crearsi sul finire di Ritorno alla casa dei ricordi fanno ben sperare per una trama scoppiettante.

Rachel

© Rachel Sandman

BlogTour & Giveaway – Strange Love di Paola Garbarino

20227908_482017595489315_1203522582_o.jpg

Buongiorno a tutti!
Allora, oggi siamo arrivati all’ultima tappa di questo BlogTour che spero abbiate seguito e apprezzato (ci ritroveremo però ancora DOMANI per la proclamazione del vincitore del Giveaway). Questa volta tocca a me raccontarvi il nuovo romanzo di Paola Garbarino, Strange Love – Per una sola notte, attraverso una recensione in assoluta anteprima!

Grazie infatti all’autrice, ho avuto il piacere di leggere la storia di Tommy e Azzurra prima della sua pubblicazione che, tra l’altro, avviene OGGI!
Quindi, prima di fiondarvi su qualsiasi piattaforma che permetta l’acquisto di questo romanzo, vi invito a leggere questo post che è un viaggio … O, meglio, è il mio viaggio tra le pagine di questo che, sul serio, si preannuncia uno dei migliori romance dell’anno.

Quindi, se la presentazione di Veronica vi ha intrigato, se gli estratti di Paola vi hanno incuriosito, se il taglio giornalistico di Sara vi ha coinvolto, se i personaggi descritti da Chiara vi hanno fatto innamorare e se la musica descritta da Giorgia vi ha fatto sognare … Ora è il momento di immergerci nella storia vera e propria, augurare #GoodLuck a Paola Garbarino e … Beh, basta chiacchierare! Ecco a voi il mio scatto, la trama e la mia Recensione in Anteprima.


6tag_240717-160854

Titolo: Strange Love – Per una sola notte
Autore: Paola Garbarino
Data d’uscita: 27 Luglio 2017
Prezzo: € 2,99 (Ebook)€ 12,99 (Cartaceo)
Editore: Self Publishing

Trama: Può, una sola notte, cambiare la nostra esistenza, anche quando andiamo avanti senza sapere ciò che lasciamo indietro?
Tommy conosce Azzurra, a 17 anni, durante l’Heineken Jammin’ Festival, nel giorno della terribile tromba d’aria che provoca feriti e fa annullare il resto del concerto, compresa la
performance dei Pearl Jam, per la quale entrambi erano lì coi rispettivi amici. I due ragazzi trascorrono un’appassionata notte in un albergo ma, al mattino, lei se ne va senza svegliarlo.
Dieci anni dopo, appena arrivato all’Acquario di Genova per lavorarvi come biologo, Tommy incontra Azzurra, con un bambino che gli somiglia in modo impressionante.


Recensione: Avete presente quelle storie che, appena arrivate all’ultima pagina, già avete voglia di ricominciare da capo? Quelle che sembrano non lasciarti mai, quelle che, anche durante la lettura, hai bisogno di rileggere, ancora una volta?
Ecco … Strange love – Per una sola notte di Paola Garbarino racconta una storia avvolta in un’ atmosfera magica che avvolge, coinvolge, incanta e ammalia.

Io vi avviso: leggere questo romanzo vi renderà succubi dei suoi personaggi e non vi farà staccare da questa storia fino alla sua perfetta conclusione e, forse, neanche allora riuscirete ad abbandonarla e a lasciarla andare del tutto.

La forza principale di questo romanzo sono, come spesso accade con i libri di questa autrice, i personaggi: Tommy e Azzurra sono due figure imponenti che, sin da subito, anche attraverso le loro debolezze e immaturità, hanno spessore, coerenza, impatto.
L'immagine può contenere: una o più persone e persone in piediLa loro è una storia che parte quando entrambi sono giovani, istintivi, irrequieti. Entrambi si incontrano quando non si aspettano nulla e si avvicinano l’un l’altro, in uno scontro che sa tanto di fuoco d’artificio, di fascio di luce che scocca in mezzo ad un cielo stellato, di un colpo di fulmine o, forse è il caso di dire, un colpo di tromba d’aria.

Si ritrovano a distanza di anni, quando ormai, entrambi, sono cambiati, maturati forse, i loro caratteri si sono evoluti e i loro occhi e le loro vite hanno assunto sfumature diverse, crepe profonde, brusche frenate e repentine accelerazioni.

Devo dire che, in questo particolare frangente, ho amato come Paola Garbarino abbia reso il personaggio di Azzurra, la più controversa della coppia, colei che accenna ad aprirsi e poi si ritrae, senza garbo, semplicemente correndo via e chiudendosi dentro la sua corazza spessa e dura.

Sapevo che la sua anima punk era ancora lì, sotto quei vestiti seri, dentro di lei. La mia Azzurra era lì e io riuscivo a vederla, l’avevo sempre vista.

TommyHo trovato anche una mossa geniale il fatto che l’intera vicenda, ad eccezione di un punto (che NON vi dirò perché è una di quelle perle che la Garbarino lascia e incastra perfettamente nel meccanismo delle sue storie), sia raccontata da Tommy (un personaggio che, lasciatemelo dire, è assolutamente SPETTACOLARE!): è lui la voce narrante, è lui il punto attraverso il quale noi, lettori, conosciamo e vediamo le scene, gli episodi. Grazie a lui e solo a lui riusciamo tuttavia a percepire le sensazioni di entrambi e non solo.

Normalmente, come lettrice e scrittrice dilettante, amo e adoro il doppio punto di vista, perché lo trovo più completo e totalizzante, ma, arrivata al termine di Strange love, non mi sono sentita privata di qualcosa, anzi.
La storia probabilmente non sarebbe la stessa, non avrebbe reso allo stesso modo se avessimo vissuto il tutto da più punti focali. Tommy dona al lettore, al suo personaggio, ad Azzurra, tutto se stesso e crea un album ricco di canzoni legate, una all’altra, sino allo spettacolo finale. Tommy crea coerenza in una trama ricca e che, vista da più occhi, avrebbe rischiato di sfilacciarsi.

Una nota di cui non posso non parlare è lui, Orlando. Già solo il nome di questo piccolo frugoletto dai capelli rossi e lentiggini è tutto un programma e preannuncia scintille. Anche qui, tuttavia, la grandezza della Garbarino sta nel descriverlo e nel delinearlo come un bambino della sua età, senza renderlo una macchietta. La spiegazione poi, nella parte finale, del vero motivo per cui la madre ha scelto, per lui, un nome tanto particolare è assolutamente una delle tante ciliegine sulla torta con le quali ormai l’autrice è abituata a viziarci.

«Sistemeremo tutto.»
«Io non posso sistemare niente, sono solo un bambino.» bofonchiò.

In conclusione, mi sento in dovere di parlarvi di Principessa. Allora, uso volutamente il vezzeggiativo con cui la troverete ad un certo punto del romanzo perché il suo nome prenderà piede, piano piano o immediatamente, nella mente dei lettori più scaltri e acuti ma solo da un certo capitolo in avanti nel libro. Il suo personaggio è odioso, negativo: sul serio, ad un certo punto mi sono ritrovata io, da sola, con la bocca spalancata, il kindle in mano e una rabbia nei confronti di questo personaggio di carta non indifferente. Tuttavia, come qualche volta accade, ci ho pensato su e … Davvero è così disprezzabile? Vorrei spiegarvi tante cose ma, senza anticiparvi nulla o spoilerarvi cose future, lei è ovviamente l’antagonista e la cattiva della situazione. Ciò nonostante, in un discorso più ampio e nella totalità della storia, è veramente carnefice o è vittima, talvolta, anche di se stessa?

Non so, mi sono ritrovata, a distanza di giorni dal termine della lettura, a pensarci su e a dedurre che, forse, alcune cose le avrei fatte anche io quindi … Non può essere poi così male, no?

Ecco, questo per dirvi che la grandezza della Garbarino sta in questo: come anche in altri suoi romanzi (Non ricordo ma ti amo, ad esempio), parla di vita reale, senza abbellimenti scenici o dolci diabetici serviti capitolo dopo capitolo. Gli stessi aspetti estremi quali il tradimento, in amicizia o in amore, il dramma, il destino, assumono, nei suoi libri, una sfumatura di chiaroscuro, con toni che vanno dal nero al bianco e restano lì, in un limbo non giudicabile ma spesso giudicato.
Quindi, leggete questo romanzo, fatevi travolgere dai suoi personaggi, dalla storia di Tommy e Azzurra, riflettete su di loro, approfondite i concetti e applaudite, ancora una volta, Paola Garbarino per averci regalato una nuova entusiasmante storia.

Tommy e Azzurra


Vi ricordo qui, in coda, che c’è un GIVEAWAY in cui, per un fortunato lettore, c’è in palio una copia ebook di questo romanzo. Per partecipare non dovete far altro che completare il modulo che trovate qui -> Modulo Giveaway (seguite tutte le regole, mi raccomando!).

#GoodLuck!

A domani per la proclamazione del vincitore/vincitrice!
Prima di chiudere, un GRAZIE immenso a Paola Garbarino per avermi permesso di realizzare questo BT per il suo romanzo, grazie a Veronica, Paola, Chiara, Sara e Giorgia che, anche con poco preavviso, si sono gettate in questa avventura e mi hanno aiutato tantissimo: siamo state un gruppo fantastico, ragazze, lasciatemelo dire! #GirlPower!

Rachel

© Rachel Sandman

Review Party – Il tuo sorriso controvento di Elle Eloise

L'immagine può contenere: 1 persona, occhiali_da_sole e sMS

Buongiorno!
Oggi, finalmente, è giunto il mio turno di parlarvi di uno dei romanzi più ricchi, controversi, entusiasmanti e corposi di questi ultimi mesi … Grazie ad un Review Party di eccezione, oggi sul blog vi racconto le mie impressioni sull’ultimo romanzo di Elle Eloise, il terzo capitolo della How to disappear completely series.

Siete pronti per lasciarvi inondare dalle emozioni e dalle storie di Il tuo sorriso controvento?
Buona lettura …


Elle Eloise

Titolo: Il tuo sorriso controvento
Autore: Elle Eloise
Serie: How to disappear completely #3
Data d’uscita: 4 Luglio 2017
Prezzo: € 2,99 (Ebook)€ 16,50 (Cartaceo)
Editore: Delrai Edizioni

Trama: Francesco Marras è affascinante, irresistibile e arrogante, il tipico ragazzo da cui una come Olivia Rocca dovrebbe stare lontana, ma è impossibile per lei evitare di incontrarlo: è il suo vicino di casa, dirimpettaio fastidioso e ingombrante. Lei non ha mai avuto una relazione, a malapena riesce a sostenerne lo sguardo di un uomo perché la mette a disagio, ma gli occhi di Francesco le parlano di malizia e desiderio , la fanno sentire donna quando non ha mai provato sensazioni simili, troppo timida per poter rispondere all’interesse maschile. Il sorriso e la confidenza di Francesco fanno breccia nel cuore di Olivia, già colpito da esperienze difficili, e la convincono a iniziare un viaggio incredibile alla scoperta dell’amore e di legami indelebili che segnano la vita passata e presente. Un On The Road per gli USA che la sconvolgerà e le farà capire che anche un ragazzo perfetto come Francesco può nascondere segreti e bugie.

Dalla penna best seller di Elle Eloise , il terzo romanzo della serie How to Disappear Completely , che ha conquistato migliaia di lettori in Italia. Il tuo sorriso controvento è una storia di emozioni e sensazioni tangibili, dove l’amore conquista e supera qualsiasi limite e orizzonte definito.


Recensione: Il tuo sorriso controvento di Elle Eloise è un romanzo che paragonerei ad un ventaglio: è composto da numerose stecche che, piano piano, si congiungono, si uniscono insieme per poi aprirsi, capitolo dopo capitolo, fino ad abbagliare il lettore con la magnificenza del dipinto raffigurato sulla tela che sostengono.

Ho iniziato questo libro in modo più pacato rispetto ai precedenti (Apri gli occhi e comincia ad amare e Tu che colori la mia ombra) perché, a differenza soprattutto di Paolo (personaggio che ho amato da subito, con cui ho sofferto e ho vissuto a pieno), Francesco era una figura non solo negativa (da un punto di vista narrativo, si intende) ma, per me personalmente, alquanto asettica e poco interessante.

Mi sono quindi calata in questa storia provando, inizialmente, una certa titubanza e aspettandomi il peggio.
Ma, come sempre, la scrittura di Elle Eloise crea magia, magia allo stato puro, e mi sono ritrovata avvolta in una spirale magnificamente straziante, con due protagonisti che si compensano come i piatti di una bilancia in totale equilibrio, in una storia dai suoni e sapori tanto reali da essere, in alcuni brani, in particolare, decisamente tangibili.

Risultati immagini per carey mulligan

Partiamo però da lei, dalla protagonista di questo viaggio, Olivia Rocca.
Questa giovane donna è, in assoluto, uno dei personaggi di carta più reali mai letti. Olivia è una ragazza fragile, problematica, insicura, piena di ansie e con un passato che grava sul suo corpo minuto e ferito nel profondo.
Allo stesso tempo, è una di quelle figure che non puoi non amare: io, personalmente, mi sono immediatamente avvicinata a lei, alle sue dinamiche, alle sue incongruenze, fino ad apprezzare la sua crescita lenta e dosata, ad incitare le sue scelte e ad invitarla a sorridere, ogni pagina un po’ di più della precedente.
Il suo personaggio cresce, matura, fino a comprendere quanto, in realtà, il suo carattere sia forte, la sua personalità mite ma netta, i suoi sentimenti puri e leali.
Ho apprezzato, tantissimo, il tatto e la premura con cui l’autrice ha toccato il lato sensuale di Olivia: non c’è una virgola fuori posto, non una nota stonata, nulla. Nei romanzi, molto spesso, si calca la mano e si preme l’acceleratore sull’evoluzione del lato sessuale ed erotico della coppia: qui, soprattutto visto il bagaglio emotivo ed emozionale che entrambi si portano sulle spalle, Elle Eloise riesce a descrivere a 360° l’unione tra questi due ma lo fa coerentemente con i suoi personaggi e strutturando una linea narrativa lineare e coerente.

Risultati immagini per cillian murphy youngDall’altro lato, come detto, abbiamo lui, Francesco Marras, una nostra vecchia conoscenza (così come Olivia, direi: i lettori attenti dei romanzi di Eloise ricorderanno sicuramente il suo piccolo cameo in Tu che colori la mia ombra. Se non l’avete colto, andate a rileggere subito la storia di Noemi e del MIO Paolo!).
In un certo senso, il protagonista maschile di questo romanzo compie un percorso opposto rispetto alla sua controparte femminile: il Francesco della prima metà del libro è solare, intraprendente, a tratti decisamente sfacciato, incurante di ciò che le persone pensano di lui, e va a scontrarsi con l’immagine e il Francesco che si delinea da un certo punto in avanti. Non vi dirò ovviamente il punto né tanto meno i motivi che danno il via a questo mutamento ma, ancora una volta, con questa scelta e con le giuste parole, Elle Eloise ha messo su carta la vita vera, la realtà, senza pizzi e merletti inutili e superflui.

E dopo aver analizzato, in poche parole, Olivia e Francesco … Non mi resta ora che parlarvi di Fra e Liv, di loro due insieme, come coppia. Penso, sul serio, che loro due siano il legame più equilibrato tra quelli di Elle Eloise: dopo Sara e Isaak, dopo Noemi con Paolo, Olivia e Francesco sono, davvero, le due facce della stessa medaglia.
L’autrice tende, generalmente, a creare storie che hanno, come protagonisti, figure al limite, rivestite con armature arrugginite e crepate che lasciano intravedere la luce ma la racchiudono, per gran parte della storia, con spessi strati di nubi fatti di dolore, lutti, frustrazione, incomprensione. Per la prima volta, tuttavia, non vi è un punto stabile (come potevano essere, almeno apparentemente, Isaak e Noemi). Tra Liv e Fra vi è una sorta di passo di danza che lascia, in alcuni frangenti, il controllo a lui, per cederlo poi, in alcuni passaggi, a lei.
Forse l’accostamento con la danza non rende a pieno ciò che voglio trasmettere: forse sarebbe meglio paragonare il loro rapporto ad un viaggio in macchina (paragone non casuale, aggiungerei).
L’auto che scorre indisturbata sul nastro d’asfalto incandescente che è la vita e che vede, ad una curva, Liv alla guida, piccola e delicata solo all’apparenza, giovane donna autoritaria che, tuttavia, ad un incrocio non ha alcuna remora a cedere il passo, a sedersi sul lato del passeggero e a lasciare a Fra il volante. Il loro è un rapporto che cresce piano piano e che si consolida, capitolo dopo capitolo, creando solide radici fatte di fiducia, stima, affetto e poi, solo dopo, in tempi differenti, amore.

Detto ciò, vi devo avvisare … Il tuo sorriso controvento non è un libro facile: volete una storia d’amore ideale, con protagonisti che vanno subito al sodo, con un lieto fine garantito, con una storia rapida e in discesa? Bene … Leggete altro.
Se, invece, cercate un libro dove la psicologia dei personaggi è perfettamente resa, i vari tasselli del mosaico appaiono, uno dopo l’altro, con lentezza a volte straziante ma indubbiamente realistica, con una coppia perfetta, dove le due parti si sostengono, come i tronchi di due alberi carbonizzati ma uniti, per sempre … Beh, allora, in questo caso, non perdetevi la storia di Fra e Liv. Non perdetevi Il tuo sorriso controvento di Elle Eloise.

19598510_1684210125220003_6079885088232900854_n.jpg

N.B. In questo libro appare lui, Paolo, ed è una scena piccola, minuscola, ma meravigliosa! Fidatevi: dopo averla letta, avrete tutti voglia di andare a prendervi un gelato … Così per dire …

Rachel

© Rachel Sandman

BlogTour & Giveaway – Un cattivo ragazzo come te di Huntley Fitzpatrick

19875717_1668895133144981_1242666935_o.jpg

Buongiorno e benvenuti in questo BlogTour targato De Agostini Young Adult, a cui è collegato un Giveaway che mette in palio una copia cartacea del romanzo Un cattivo ragazzo come te di Huntley Fitzpatrick.
Oggi ho il piacere di ospitare la tappa relativa ai Personaggi che incontrerete in questo romanzo.

Siete pronti per un DreamCast fantastico?
Iniziamo …

Allora … Credo sia giusto partire dai due protagonisti, coloro attorno a cui ruotano le vicende narrate, la storia e la linea, per così dire, romantica del libro: sto parlando, ovviamente, di Timothy Mason e Alice Garrett.

Tim è un ragazzo di 17 anni (ok, 18 tra quattro mesi, per essere precisi). Ha capelli rossi, il volto pieno di lentiggini e occhi grigi. La sua vita non è stata facile, anzi: nonostante la giovane età, è costretto ad affrontare problemi quali dipendenza, indipendenza e ormoni adolescenziali (questi sì, tipici dell’età in cui si trova).
Alice Garrett è, al contrario, una ragazza di 19 anni con capelli castano scuro. Come Tim, si trova a dover fronteggiare una situazione più grande di lei: su tutto, la situazione famigliare non serena, sia su un piano economico che emotivo.

Cosa lega i due? Beh … Tim ha un migliore amico, Jase Garrett (protagonista del romanzo Quello che c’è tra noi), che altri non è se non uno dei fratelli di Alice.

Ma, ovviamente, il romanzo ospita altri personaggi.
Su tutti, devo dire spiccano le rispettive famiglie dei protagonisti. Da un lato abbiamo i Mason.

Come potete ben notare, i capelli rossi sono una caratteristica di famiglia, che coinvolge la Signora Mason e Nan, la sorella di Tim che, come lui, ha lentiggini e occhi grigi. Ad essere, almeno visivamente, discostato dal gruppo, è invece il padre o, per etichettarlo come fa Tim sin dal primo capitolo, Mr. Non Sono Qui: un uomo con capelli e occhi grigi, occhiali e la tendenza a mantenere tutto sotto il suo stretto controllo.

Dall’altro lato abbiamo invece i Garrett: una vera e propria tribù umana. Avete presente il film Una scatenata dozzina? Ecco, la situazione è più o meno quella: una famiglia terribilmente chiassosa e sempre sull’orlo della crisi ma i cui componenti si amano alla follia.
Ci sono il Signor e la Signora Garrett e poi ben sette figli (più uno in arrivo): cinque maschi e tre femmine. Abbiamo Joel, Alice, Jase, Andy, Duff, Harry, George e Patsy (che, con il suo Tesolo mi ha conquistato sin da subito).

Cosa state aspettando dunque? Se ancora non l’avete fatto … Immergetevi nel mondo creato dalla Fitzpatrick e preparatevi a farvi due risate grazie, soprattutto, ai piccoli di casa Garrett.

In conclusione, vi lascio qui il calendario per seguire tutte le tappe del BlogTour.

19883821_1668894413145053_1977733456_n.jpg

Vi ricordo, inoltre, che legato a questo BT c’è un GIVEAWAY  che mette in palio una copia cartacea di Un cattivo ragazzo come te: se volete partecipare non avete altro da fare se non seguire le regole e compilare il modulo qui -> GIVEAWAY.

#GoodLuck

Rachel

© Rachel Sandman

BlogTour – Il segreto di Parigi di Karen Swan

19403735_465911270433281_847952791_o.jpg

Buongiorno!
Oggi, come potete vedere dal banner qui sopra, il blog ospita un BlogTour di una recente uscita targata Newton Compton Editori. Si tratta de Il segreto di Parigi, romanzo di Karen Swan, già nota in Italia per libri come Quell’estate da Tiffany, Natale a Notting Hill e Natale sotto la neve.

Devo confessarvi una cosa, questo romanzo mi ha incuriosito sin da quando, nell’incontro per blogger organizzato durante il #SalTo dalla Newton, avevano presentato questo libro tra le prossime uscite, sottolineando come l’intera storia fosse basata su un fatto di cronaca recente e realmente avvenuto.

Inoltre … Una storia ambientata a Parigi, è sempre intrisa di una magia speciale quindi, proprio qui, proprio oggi, sono particolarmente felice di descrivervi come la ville lumière si apre e viene descritta da Karen Swan in questo suo nuovo romanzo (già disponibile sia in formato Ebook sia in formato Cartaceo).
Ma, nonostante ciò che si potrebbe pensare, non è solo la capitale francese a fare da sfondo a questo romanzo: ecco dunque che, sempre qui, sempre in questa tappa, troverete alcuni accenni al Wiltshire, una contea dell’Inghilterra sud occidentale, a Londra e a Vienna, luoghi a cui si accenna nel libro ma che, nel loro piccolo, danno un quadro completo della storia narrata.

Pronti dunque per questo viaggio? Iniziamo …

… tutte le luci, simbolo distintivo della città, erano spente, tranne quella sulla sommità della torre che da sempre, anche di notte, ne contraddistingueva il 

profilo … [Prologo]

Come potete vedere anche voi, sin da subito l’ambientazione è tradizionale ma originale:rue de rivoli

una Parigi notturna ma completamente al buio, cosa di certo strana per la capitale europea delle luci.

 

Ma è soprattutto l’arte a farla da padrone e a spopolare in quello che è il fondale di una pièce teatrale mirabilmente orchestrata e diretta.  Numerosi sono, infatti, gli autori di dipinti famosi che, a poco a poco, si fanno spazio e creano un ambiente raffinato e tipicamente parigino.

Renoir, Canaletto, Matisse, Dalì, Pissarro, sono solo alcuni degli artisti che vengono citati in questo romanzo che viaggia tra Rue de Rivoli e altre viuzze, con l’eleganza di film anni ’50 nonostante sia ambientato ai giorni nostri.

Parigi brillava sotto il sole, le statue dorate splendevano sui ponti, e sotto il fiume luccicava mentre le barche piene di turisti passavano su e giù lungo rotte molto battute che avrebbero già da tempo scavato delle fosse sulla terraferma.

Parigi.jpg

Ma, come anticipato, Il segreto di Parigi non è solo ambientato in Francia.

WiltshireAlte siepi di faggi delimitavano il giardino posteriore […] – otto acri nella campagna del Wiltshire disseminati di prati di camomilla …

Un ambiente rurale, agreste per certi versi, che ricorda un po’ per atmosfera e familiarità, i paesaggi che ben hanno descritto Jane Austen e la letteratura inglese dell’800.

Londra, invece, non appare se non attraverso uno spazio chiuso, ma quanto mai La-sala-di-Sotheby_s-fra-Bacon-e-Richteresaustivo per la narrazione di Karen Swan.

La sala dell’asta era gremita, non c’era nemmeno una sedia libera e una grande folla se ne stava ammassata in piedi in fondo alla stanza. Tutti parlavano e ridevano fragorosamente, con i cataloghi in mano e lo sguardo fisso a valutare chi era presente […] mentre lo staff di Sotheby presidiava le offerte via telefono e via Internet dagli ampi banchi.

Infine, Vienna, denominata la città dei sogni, che appare con i suoi edifici moderni e dall’architettura squadrata tipica di Lerchenfeld, il quartiere alla moda della capitale Viennaaustriaca, dove i condomini vantano muri di vetro retinato che salivano fino al tetto e lo ricoprivano, inondando di luce gli appartamenti sottostanti.

Vienna brillava come un circuito elettrico, gli imponenti palazzi imperiali e i musei barocchi ricoperti di migliaia di luci, i tetti verde-rame oscurati per il momento del buio, il Danubio che, come un nastro di seta, si snodava nel suo percorso verso il mare.

Ma pensate che sia tutto qui? Beh … Vi sbagliate di grosso perché la cara Flora Syles, protagonista de Il segreto di Parigi, è una giramondo da non sottovalutare: infatti, durante il romanzo, farà un salto anche a New York e ad Antibes, per un finale davvero inaspettato e ricco di brio e d’amore, ma anche di raffinatezza e sensibilità.

Beh … Io ho terminato. Se questa tappa vi è piaciuta, lasciate un commento qui. Se vi siete persi le tappe precedenti e volete recuperare o, se al contrario ci avete seguito e non volete perdervi i prossimi appuntamenti, ecco qui il calendario con tutte le tappe.

19549770_469012756789799_63811573_o.jpg

Buona lettura!

Rachel

© Rachel Sandman

 

 

 

 

 

BlogTour & Giveaway – Sempre e solo lei di Claire Kingsley

banner.jpg

Buongiorno!

Oggi il blog apre la giornata con un BlogTour davvero scoppiettante, con annesso giveaway. Allora, questa è solo la prima di un vero e proprio viaggio alla scoperta di Sempre e solo lei di Claire Kingsley, romanzo edito da Quixote Edizioni di cui, qui, troverete un primo estratto.

Se vi siete persi il Cover Reveal con annesse tutte le infos, vi invito a cliccare sul link e a rimirare la copertina scelta dalla casa editrice (non male, vero?).

Ma ora, veniamo al sodo e, dopo la trama, troverete qui l’estratto che vi invita all’interno del mondo creato dalla Kingsley.
Buona lettura!

Trama: Il migliore amico di Kylie, Braxton, è l’uomo più bello che abbia mai conosciuto, con un corpo tonico e un sorriso che fa cadere le mutandine di ogni donna che incontra. Tranne Kylie. Circa. Kylie non vede l’ora di smettere di uscire con le persone sbagliate e di trovare quella giusta. Sebbene Braxton le tolga il respiro, sa che con lui sarebbero solo problemi. È solo un altro playboy, e lei è stanca di giocare. Ma Braxton non è l’uomo che pensa che sia. La ragione per cui si comporta così male con le donne è semplice: nessuna di quelle con cui sta è realmente quella che vuole. Nessuna di loro è Kylie. Braxton vorrebbe amare Kylie in ogni modo possibile, ma c’è sempre un ostacolo. Quindi rimane suo amico, guardandola frequentare uomini troppo stupidi per apprezzare quanto lei sia speciale, sempre preoccupato che il prossimo non lo sarà. Il prossimo sarà l’uomo che gliela porterà via per sempre. Amare Kylie vorrebbe dire rischiare di rovinare per sempre loro amicizia, ma perderla potrebbe essere più di quanto Braxton sia in grado di sopportare.

Estratto:

«Buongiorno, signore,» dice Braxton.
Come cazzo fa a essere così allegro di prima mattina? Non ha bevuto da far schifo anche lui, ieri sera?
«Ciao,» dico senza sforzarmi di fingere entusiasmo mattutino, più di quanto mi sia sforzata di fingere un orgasmo ieri sera.
Braxton viene in cucina, oltrepassando Dylan come se non esistesse, prende il mio caffè e ne beve un sorso.
«Sembri uno straccio.»
«Grazie,» dico calcando bene il sarcasmo.
«Dico solo quello che vedo.»
«Ha le palle blu al femminile,» dice Selene da sopra le spalle. Mi cade la mascella e Braxton inarca un sopracciglio.
«Che cazzo?» esclama Dylan.
Braxton ride e lo guarda. «Credo che fosse il tuo segnale d’uscita, omaccione.» Si volta velocemente verso di me, con una vaga ombra di dubbio sul viso. Con quella battuta è arrivato pericolosamente vicino a rompere il nostro patto, e lo sa.
Sollevo un angolo della bocca in un sorrisetto. Ha piegato la regola, ma non l’ha spezzata. Uno da una pessima botta e via non deve essere protetto da lui. Rivolgo lo sguardo verso Dylan e gli indico la porta con un cenno della testa.
«Ci vediamo,» dico.
Dylan assume un’espressione come se volesse provare a difendere la propria virilità, ma si limita a prendere il maglione e se ne va.
Quando la porta si chiude, grugnisco e mi porto una mano alla fronte. «Cosa c’è di sbagliato in me? Seriamente, quel tipo? Selene, perché mi hai fatto fare una cosa del genere? Avresti dovuto fermarmi.»
«Eri oltre il punto di non ritorno, ieri sera,» risponde. «Detto questo, penso che tu abbia ragione. Non avrei dovuto permetterti di farlo. Non è come se tu avessi ottenuto qualcosa di buono. Solo frustrazione.»
«Sei ancora… frustrata?» chiede Braxton inarcando un sopracciglio. Sento un fremito nello stomaco che finisce dritto tra le mie gambe e ricomincio a pulsare. «Sto bene.»
«Vai e pensaci tu,» dice Selene. «Accendo la TV così non ti sentiremo se fai rumore.»
«Dio, Selene, sei seria?» chiedo. «Non ho nessuna intenzione di pensarci con voi seduti qua fuori.»
Selene ride. «Oh, dai, siamo noi. Abbiamo tutti quanti sentito uno degli altri due far sesso, a un certo punto. Posso sopravvivere. E Braxton è mio fratello, quindi è veramente nauseante.»
«Non mi hai mai sentito fare sesso,» dice Braxton.
«Uhm, stai scherzando? Ma certo che ti ho sentito.»
«Quando?»
«Troppe volte per mettermi a contarle,» risponde. «Sin dal liceo. Portavi sempre a casa quella stessa ragazza.»
Braxton ride. «Le cose dell’adolescenza non contano. Gli adolescenti sono imbranati e idioti.» Mi sorride. «Beh, io non lo ero. Ma ero più rumoroso di quanto fosse necessario.»
Roteo gli occhi. «Sono sicura che sei stato fantastico dalla prima volta.»
Scrolla le spalle. «È così.»
Non so perché, ma non ne dubito.
«Capisco di aver iniziato io, ma possiamo smettere di parlare di Braxton e di sesso?» chiede Selene.
Braxton si siede su uno sgabello e beve un altro sorso del mio caffè, poi me lo porge nuovamente. «Perché? A me piace parlare di me e del sesso.»
«Se non la smetti, inizierò a parlare di me e del sesso,» rimarca lei.
La fissa. «Touché.» Poi rivolge il suo sguardo bollente verso di me. «E tu, Ky? Hai bisogno che ti aiuti ad alleviare la tensione? Scommetto che posso farcela in dieci secondi netti.» Si lecca le labbra e le sue dita hanno un breve spasmo.
Trattengo appena il fiato e bevo un po’ di caffè per nascondere l’improvviso brivido che mi percorre la schiena. «No, sto bene così.»
«Sicura?» dice con un sorrisetto.
I nostri sguardi rimangono incatenati per un lungo momento e mentirei se dicessi di non essere tentata. Un pochino. Ma solo perché sono così eccitata, e sono abbastanza sicura che potrebbe veramente metterci dieci secondi netti.
Poi vedo la faccia di Selene. Sta guardando il fratello nello stesso modo in cui l’ultima ragazza di Braxton guardava me. Sguardo omicida.

Troverete altri estratti, nel corso della giornata, sui blog M/M e dintorniLe Fiamme di PompeiNali’s Shelter e bookstoread.

Vi ricordo, inoltre, che il BlogTour non finisce qui, anzi:

  1. Estratto – 4 Luglio 2017
  2. Personaggi – 11 Luglio 2017
  3. Recensione – 18 Luglio 2017 [giorno dell’uscita]
  4. Citazione con Teaser – 25 Luglio 2017
  5. Intervista – 1 Agosto 2017

Ed infine … Vi lascio, qui di seguito, il link con il modulo da compilare per partecipare al GIVEAWAY organizzato grazie alla Quixote Edizioni: un fortunato vincitore si porterà a casa un pacco contenente una copia cartacea di Sempre e solo lei più un braccialetto con i charms (che potete vedere nella foto, lassù in alto).

Le regole sono le seguenti:
– Mettere mi piace alla pagina Quixote Edizioni;
– Mettere mi piace alla pagina dell’Autrice (QUI);
– Condividere il post del blog sul proprio profilo Facebook;
– Diventare Lettore Fisso del mio blog.
Il Giveaway sarà attivo da oggi 4 Luglio fino al 1 Agosto. Il vincitore verrà annunciato sulla pagina Facebook della Quixote Edizioni il 2 Agosto.

Seguite il link per completare la partecipazione al #Giveaway -> a Rafflecopter giveaway … E #GoodLuck!

Rachel

© Rachel Sandman