Alla Ricerca del Titolo Perduto – Episodio I di #NonSiSa

14628286_1141805282568799_1175174255_n

Non so voi ma, a casa mia, questa è una consuetudine: leggere un libro, parlarne, recensirlo, sfogliarlo a distanza di tempo e … Dimenticarsi del titolo!

Non è tutta colpa della mia memoria un po’ altalenante e difettosa ma, diciamolo: molto spesso i titoli che si scelgono in Italia ruotano attorno a fenomeni del momento o all’appartenenza di genere.

Ecco dunque che siamo subissati da libri come La biblioteca dei libri proibiti, oppure La biblioteca dei nuovi inizi, ma anche La biblioteca dei mille libri La biblioteca dei morti e via così, in un’incessante discesa quasi infernale di libri riguardanti o, quanto meno, che menzionano il luogo in cui (citazione fanciullesca) si affittano i romanzi.

Oppure, parlando di romance e del genere rosa, siamo invasi da copertine recanti il sostantivo amore coniugato nelle maniere più disparate, reso graficamente in modo più o meno originale e attaccato al volume in una cornice che nemmeno i peggiori pezzi di musica italiana di sanremese memoria.

Ma davvero è così difficile ricordarsi il titolo di un libro?

Per un motivo o per un altro, a me scivola sempre via: nonostante la trama mi sia piaciuta, nonostante apprezzi l’autore, nonostante tutto, il titolo è quasi sempre la prima cosa che dimentico.

Mi è successo proprio recentemente (e qui, chi segue la mia Pagina FB già lo sa): ho infatti perso un libro.

Mi spiego meglio: ricordavo un episodio particolare, un aneddoto presente nella storia ed era come se ce l’avessi lì, davanti agli occhi, tutta la scena fotogramma dopo fotogramma incisa nel mio cervello ma … Il titolo … Non voleva proprio saperne di venirmi in mente.

Ho coinvolto anche mia mamma in questa ricerca (cosa che, a ripensarci, fa capire quanto davvero fossi disperata perché, chiariamo subito: mia madre e i titoli dei libri, un rapporto davvero complesso e a tratti inesistente; peggio di me, non c’è dubbio!), ma niente. Nessuna si ricordava questo libro ma tutte e due sapevamo, eravamo certe di averlo letto.

Ho attirato nel tunnel dell’ #HelpMe i lettori che seguono Facebook ma, anche sul social network di Mr. Zucchina, il nulla.

Possibile che nessuno si ricordasse di un libro, un romance molto probabilmente, in cui la protagonista faceva parte di una band tutta al femminile? Possibile che la sua performance di Ever After dei Marianas Trench con lo sguardo rivolto al lui di turno, completamente a suo agio anche in un ambiente non propriamente suo, laggiù, in prima fila, fosse passata inosservata a tutti?

Il dubbio che mi è venuto, di conseguenza, coinvolgeva due possibilità: o il libro era talmente brutto che, in tutto il globo, la sola lettrice ad averlo letto ero stata io, oppure tutte, e non solamente la sottoscritta, avevamo qualche problema a collegare fatti a titoli.

Beh … Detto ciò: apro ufficialmente una rubrica! Una rubrica anomala, con cadenza #QuandoCapitaCapita, in cui potete partecipare anche voi!

In questo caso sono stata io ad avere un totale vuoto di memoria ma, chissà, la prossima volta potrebbe toccare a uno di voi! Quindi, scrivetemi!

rachelsandmanauthor@gmail.com

[Oppure inviatemi un messaggio su Facebook, se vi è più comodo.]

Descrivetemi quello che ricordate, esponete i vostri vuoti di memoria: li condividerò qua, con voi e con altri! E chissà che tra tutti non salti in mente titolo e trama, insieme questa volta!

Se qualcuno parteciperà all’iniziativa, sarò ben felice! Se sarete in tanti, dovrò inevitabilmente fare una cernita! Se siete due gatti … Beh, potrei accontentare entrambi! Se non ci sarà nessuno … Contate sui miei vuoti di memoria: quelli non mancheranno di certo!

Detto ciò, scrivete!

Ah … A proposito: il libro con la lei rockettara e il lui in giacca e camicia … Mi è venuta l’illuminazione un attimo prima di iniziare questo post! Si tratta di Giada e Ariberto di … L’importanza di chiamarti amore (manco a farlo apposta, amore è anche qui presente!) di Anna Premoli.

Non ditemi dunque che l’ho letto solo io?

Aspetto i vostri commenti e i vostri vuoti!

xoxo

Rachel

© Rachel Sandman

Annunci