SALONE INTERNAZIONALE DEL LIBRO DI TORINO – VerbaVolant Edizioni

Buonasera!

Allora … Chiaramente, il #SalTo è ormai un ricordo lontano MA io non ho ancora concluso la mia personale carrellata, relativa soprattutto alle scoperte del salone.
Vi ho infatti parlato dell’incontro con la Newton Compton Editori, poi vi ho raccontato qualcosa sulla Delrai Edizioni, ho lasciato una carrellata di fotografie in una sorta di album fotografico virtuale, e infine vi ho descritto la casa editrice Il Sirente.

Oggi, però, vi voglio parlare di una di quelle piccole realtà editoriali che NON conoscevo e che ho scoperto, con molto piacere, proprio al Salone di Torino.

Vi voglio parlare un po’ di VerbaVolant Edizioni, una casa editrice davvero curiosa, molto originale e con cui ho, ufficialmente, il piacere di collaborare.

Qui di seguito vi lascio qualche breve notizia proprio relativa alla casa editrice e, in più, i dettagli sul mio personale acquisto: Le luci alle finestre, uno dei Libri da parati che è soltanto uno dei tanti prodotti presentati da VerbaVolant e che trattano il libro con formati originalissimi e davvero accattivanti.

Chi è la VerbaVolant Edizioni: La VerbaVolant edizioni è una casa editrice indipendente che ama i libri, il profumo della carta e dell’inchiostro, i colori.
Si rivolge a grandi e piccini; per entrambi realizziamo i “Libri da Parati”, libri e poster d’autore insieme. Ha sede a Siracusa. Per lavorare ha bisogno della luce del nostro sole e dell’odore del nostro mare che scandisce le giornate quando è increspato dallo scirocco, quando è sereno e invitante o quando è nero e gonfio di tempesta.

Dove trovarla: Sempre in giro per l’Italia per fiere, manifestazioni, presentazioni.


Luci alle finestre
Titolo: 
Le luci alle finestre

Autore: Alessio Di Simone

Illustratore: Alessandro Di Sorbo

Prezzo: € 12,00

Data d’uscita: 1 Dicembre 2016 

Editore: VerbaVolant Edizioni

Collana: Libri da Parati

Descrizione: Mio nonno, da giovane, era un grande esploratore. È stato in moltissimi posti. Arabia. Islanda. Asia. Africa. Questo è il racconto di un viaggio, però all’incontrario.
Un grande palazzo, di sera, e un nonno che alla finestra racconta una storia al suo nipotino. Tra indigeni cannibali, cinte da vendere e cammelli in incognito, la storia diventa via via sempre più fantasiosa, e il palazzo, le finestre e le stanze dietro di esse cambiano magicamente con essa, seguendo passo passo la sua traversata intorno al mondo. Fino ad aprirsi, nel finale, in uno spettacolo mozzafiato, quello del cielo stellato: sarà la fantasia del bimbo a renderlo ancora più speciale.
Un racconto illustrato che gioca con le potenzialità di svelamento dei Libri da parati, ribaltando infine la prospettiva nell’ultimissima tavola, il poster vero e proprio in grado di illuminarsi di notte grazie alla tecnica fosforescente con cui sono realizzate le costellazioni.

N.B. I Libri da parati sono albi illustrati e poster d’autore insieme, stampati su un foglio tipografico 70 x 100 cm. Dispiegando le pagine si segue la storia fino a scoprire l’ultima tavola: un poster da incorniciare e appendere alla parte.

Ed ora, tocca a voi: conoscevate già questa casa editrice? Avete alcuni suoi libri sui vostri scaffali o … appesi alle pareti? Vi interesserebbe conoscere nuovi titoli o saperne di più? Lasciate un commento qui sotto … Lasciate un segno, fatevi sentire!

Rachel

© Rachel Sandman

Salone Internazionale del Libro di Torino – Delrai Edizioni

Buonasera!

DSC_0032

Allora, dopo avervi parlato della piccola realtà della casa editrice Il Sirente e dopo avervi raccontato, in breve, l’incontro con la Newton Compton Editori (articolo che, tra l’altro, è stato modificato in parte, per volere dei piani alti), oggi vi parlo di loro …

Sono andata al Salone Internazionale del Libro con un obiettivo … Incontrare questa casa editrice che, nata da poco, ha fatto breccia nel mio panorama di lettrice, prima ancora che di blogger, soprattutto, devo dire, grazie all’opera prima di una delle sue autrici.
Forse avrete già capito di chi sto parlando e ora posso darvi conferma: questa sera vi parlo della Delrai Edizioni (e, vorrei sottolineare, si legge [delrai], NON [delrei], perché Lana Del Rey è un’altra cosa, vero?).

Ed ecco come si presentava questa nuovissima e giovanissima e bellissima casa editrice al Salone di Torino!

DSC_0024.JPG

Oh … Accidenti … Ho sbagliato foto! Qui stavano ancora tutti dormendo … Un momento …

18581767_1963704470516432_3552262518138163836_n

Ecco … Questa rende meglio: voilà! Tutto il catalogo Delrai Edizioni si apre qui, davanti ai vostri occhi in tutti i suoi colori e titoli. Non credo me ne vorranno le altre ma, non posso non partire da LEI, colei che mi ha fatto conoscere questa casa editrice, mi ha fatto innamorare della sua storia e mi ha fatto entrare in sintonia con i suoi personaggi: Elle Elle ed io 3Eloise.
Conoscere e parlare con la creatrice di Apri gli occhi e comincia ad amare è stato davvero fantastico. Se ancora non avete letto questo libro, fatelo: ma non perché ve lo dico io, no. Fatelo perché merita davvero, perché la storia che racconta tocca corde personali e, allo stesso tempo, universalmente conosciute. Quindi, sì … Insomma, ascoltatemi e leggetelo, non ve ne pentirete! Tutto chiaro, vero?
Inutile dire che sono tornata a casa con la mia copia della storia di Sara e IsaaK (capisci Eloise, vero?) autografata e … Con il romanzo Tu che colori la mia ombra nuovo nuovo e pronto per essere letto e divorato in questo prossimo e imminente weekend (non vedo l’ora di conoscere meglio il mio già amatissimo Paolo!).

Delrai.jpg

Capite la meraviglia che sto per leggere? (Poca pressione, cara Eloise, davvero pochissima).

Ma ora, passiamo alle altre penne che compongono la scuderia Delrai e che ho Barbara ed ioconosciuto a Torino.
Barbara Bolzan è l’autrice della Rya Series, composta dal romanzo Fracture e dalla novità di questo Salone, ovvero Sacrifice (vi ho parlato di questo libro durante la tappa del BT curata da me). Inutile dire che chiacchierare con lei è stato stimolante e davvero travolgente: Barbara è luminosa, sempre con il sorriso sulle labbra e, diciamocelo, ormai siamo tutte fans di Rya e Nemi (compresa mia mamma, come ormai tutti sapranno) e non vediamo l’ora di scoprire il proseguimento della loro storia (facciamo partire il countdown per Settembre?). Nat ed io
Oltre a Bolzan ed Eloise, un altro nome della casa editrice era presente al Salone: lei, Natascia Luchetti. La vedete qui, di fianco a me, in una fantastica fotografia in cui domina il black power e … Volete sapere quale storia ha firmato? Dracula – L’amore non muore mai, un romanzo che prende elementi del passato e li mescola a tratti contemporanei. Parlare con lei è stato davvero spontaneo e divertente e in questa esperienza è stato impossibile non notare il contrasto tra la storia scritta e la persona dolcissima che l’ha creata.

Ora … Chi manca all’appello? Ovviamente … Ultima ma non meno importante è la persona, la mente e il Malia ed iocuore di questa casa editrice: il grande capo Malia Delrai è estroversa, chiara, una voce schietta, una combattente e un’energia onnipresente. Oltre ad essere editrice, non va dimenticato, è anche autrice: due romanzi presenti nel catalogo sono infatti firmati da lei e sono Roman Di te.
Inutile dire che è stata fantastica, se non altro perché non mi ha sbattuto e cacciato dopo la mia ennesima tappa presso lo stand Delrai!
Chapeau!

Quindi, come spero abbiate capito, la Delrai Edizioni è una casa editrice unica nel suo genere, formata da libri ma, prima ancora, da persone e personalità diverse ma accumunate da un reciproco sostegno e un reciproco supporto. È una casa editrice che cura l’aspetto umano prima di ogni altro (cosa che, oggi più che mai, è un fattore trascurato da molti) e offre opere curate nel dettaglio, senza macchie ad eccezione, ovviamente, di quelle volutamente volute (sfogliate Tu che colori la mia ombra per capire fino in fondo ciò che voglio dire).

Non mi resta che dire … Al prossimo Salone, autrici Delrai [e sì, ragazze, scusate ma questa è una promessa (o una minaccia): sarò ancora accozzata come una cozza allo scoglio al vostro stand, sappiatelo]!

Rachel

© Rachel Sandman

Destiny di Lindsey Summers – Recensione in Anteprima

Buonasera!

Come promesso, eccomi qui per parlarvi del titolo di punta del Salone del Libro di Torino relativamente alla Newton Compton Editori: si tratta, come forse avrete già compreso, di Destiny – Un amore in gioco di Lindsey Summers.

Nonostante i numerosi gadgets che la casa editrice ha gentilmente offerto (t-shirt, telo di spugna e borsa, tutto rigorosamente targato Destiny), non sono rimasta ammaliata da questa storia, anzi.

Qui di seguito trovate la fotografia con la copia omaggio del romanzo e i vari gadgets, le infos, la trama e la mia personalissima opinione.

Buona lettura!

Ricordatevi di lasciare un segno del vostro passaggio qui sul blog, commendando o mettendo un like.


Destiny 2

TITOLO: Destiny (Textrovert)

AUTORE: Lindsey Summers

USCITA: 25 Maggio 2017

PREZZO: € 4,99 (Ebook) – € 10,00 (Cartaceo)

Link d’acquisto: qui

EDITORE: Newton Compton Editori


TRAMA:

Per Keeley sarebbe stato già un disastro aver preso il telefono sbagliato, l’ultimo giorno di scuola appena prima di partire per le vacanze estive. Ma il disastro si trasforma in una vera catastrofe quando scopre di aver preso per errore quello dell’odioso, egocentrico Talon, che tra l’altro è appena partito per il ritiro di football… con il suo telefono. Con riluttanza, i due decidono di inoltrarsi reciprocamente i rispettivi messaggi per una settimana. E così, giorno dopo giorno, Keeley inizia a conoscere un altro lato di Talon, che non le dispiace per nulla. C’è molto oltre la facciata dell’atleta sbruffone che la maggior parte delle persone vede. E inizia a esserci molto di più anche nel cuore di Keeley riguardo a Talon. Troppo. Messaggio dopo messaggio, riesce a esprimersi come non le era mai capitato, e sente che potrebbe davvero diventare la persona che ha sempre voluto essere. E quando i due finalmente, dopo sette lunghi giorni, si incontrano per scambiarsi i telefoni, scocca la magica scintilla. Ma, mentre Keeley ha giocato a carte scoperte, Talon nasconde un segreto che li riguarda. Qualcosa che potrebbe cambiare la loro relazione. E quando Keeley lo verrà a sapere, potrà fidarsi ancora di lui?


RECENSIONE:

La mia reticenza e il mio generale scetticismo nei confronti dei prodotti editoriali provenienti da Wattpad credo che ormai siano cose note e risapute.

Devo dire che Destiny di Lindsey Summers non è riuscito a farmi cambiare idea ma, anzi, ha dimostrato, ancora una volta, come questi prodotti editoriali del momento non siano, a mio parere, romanzi fatti e finiti ma abbiano al contrario bisogno di un lavoro di parziale riscrittura che, puntualmente, non viene mai fatto.

Allora, la storia si legge, anche velocemente, e scorre via senza lasciare traccia. Lo svolgimento è abbastanza prevedibile: una serie di eventi causa-effetto si susseguono in modo macchinoso e un po’ piatto. La narrazione, di per sé carina e leggera, non presenta quei flussi e quegli alti e bassi che amo e che rendono più accattivante la lettura.

I dialoghi sono, bisogna dirlo, il punto di forza di questa storia: gli scambi, per così dire, telefonici ancor più di quelli vis à vis. Questi ultimi hanno quel tono di spensieratezza tipico dei personaggi giovani e adolescenti come sono i protagonisti di Destiny ma trattengono un tono di superficialità fin troppo elevata e marcata.

Parlando poi di loro, i personaggi, devo dire che, ad eccezione (in parte) della coppia protagonista, Keeley e Talon, le figure marginali e secondarie sono altamente scorbutiche, antipatiche e per nulla empatiche: su tutti Zach, il fratello gemello della protagonista, ma soprattutto lei, Nicky, la presunta migliore amica di Keeley che, davvero, ho sopportato a fatica con le sue manie da prima donna rivestite da orsetto innocente di peluche. Credetemi, una ragazza di un egocentrismo tale che davvero, il più delle volte, al suo apparire sulla scena combaciavano occhiate dritte al cielo e interrogativi del tipo: “Perché, carissima Lindsey Summers, hai scelto LEI come amica della tua protagonista? No, dico, le vuoi così male?”.

In conclusione, io ringrazio la Newton per tutto, per la maglietta che ho già sfoggiato, per la borsa in tinta, per il telo mare e spiaggia firmato Destiny ma per me questo romanzo è no, proprio perché è un NON romanzo.

È una storia carina, senza originalità, senza approfondimenti e introspezioni psicologiche, parecchio (forse troppo) lineare e credo adatta ad un pubblico giovane, davvero giovane (ma anche per loro, direi, c’è di meglio). Mi spiace, ma io non sono davvero riuscita ad immergermi e ad entrare in questo mondo rosa shocking che, invece, pare essere amatissimo da milioni di lettori su WattPad.
Resto perplessa.

Rachel

© Rachel Sandman

Salone Internazionale del Libro di Torino – Newton Compton Editori

Buongiorno!

DSC_0032

Oggi torno a parlarvi del Salone Internazionale del Libro di Torino e, dopo aver fatto un #SalTo allo stand della casa editrice Il Sirente e una panoramica fotografica dell’intera manifestazione, è il turno della Newton Compton Editori.

Con il loro evento “Incontri con l’editore”, organizzato in esclusiva per i blogger all’interno della  sala collaudo presso l’NH Torino Lingotto Congress, ha avuto inizio la mia primissima esperienza di quest’anno al Salone.

Durante la mattinata di sabato, infatti, il team della Newton ha presentato alcuni dei prossimi titoli in uscita, lasciandoci, sul finale, ben tre anteprime assolutamente top secret (lo so, probabilmente altri blog hanno già lanciato questi titoli ma io, personalmente, resto fedele e coerente con me stessa quindi: NON vi dirò nulla). Posso però anticiparvi che questi TRE titoli saranno pubblicati in autunno e che appartengono a tre generi diversi, due indirizzati ad un pubblico più giovane mentre uno (che ha una delle copertine più raffinate della storia della casa editrice) rivolto ai lettori più maturi.

Ma ora, veniamo alla carrellata di alcune prossime uscite che sono state presentate e di cui posso parlarvi:

  • Jay Crownover tornerà in libreria con Big Love, il secondo capitolo della Welcome Series (seguito di Bad Love) a fine Agosto;
  • Penelope Douglas arriverà in Italia con il suo Punk 57 il 21 Settembre 2017 (incrociamo tutti le dita affinché titolo e cover vengano cambiate! Fidatevi!);
  • Cherry Brittany C. torna finalmente con (anche in questo caso, speriamo che almeno la cover subisca della modifiche!) un nuovo romanzo, Infinite volte;
  • Ellen Berry (vedi foto sopra) arriverà con un romanzo dal titolo La libreria dei cuori infranti.

DSC_0022

La sottoscritta ha poi chiesto notizie su Jessica Sorensen e … rullo di tamburi … Posso dirvi che avremo finalmente un nuovo capitolo della serie delle Coincidenze e sarà pubblicato probabilmente in estate (sentite le urla di gioia anche lì da voi? Bene bene bene …). Vi posso poi anche dire che Claire Contreras Karina Halle saranno due autrici che torneranno a far parlare di loro: la Newton ha infatti acquistato l’intera serie di entrambe le autrici.

Concludo qui dicendovi che l’incontro è stato accompagnato, oltre che da una fantastica colazione (con tanto di caffé nero americano), da una serie di gadgets gentilmente offerti dalla Newton e che ruotano tutti su un romanzo uscito OGGI e di cui, stasera, troverete la mia recensione in anteprima.
Mi sarà piaciuto? Lo avrò amato tanto quanto ho adorato la borsa coordinata che ho sfoggiato il sabato del Salone?

Non vi resta che tornare qui, più tardi, per scoprire titolo, trama e recensione di … Ve lo dico dopo!

A più tardi!

Rachel

© Rachel Sandman

Salone Internazionale del Libro di Torino – Editrice Il Sirente

Buonasera!

IMG-20170521-WA0002

Eccomi qui, finalmente, per parlarvi un po’ del famoso SalTo, ovvero il Salone Internazionale del Libro che si è da poco concluso a Torino.

Sarò di parte ma una cosa la devo dire: l’aria, l’atmosfera e la gente che si incontrano e aleggiano al Lingotto nei giorni del Salone sono un prodotto UNICO, un qualcosa di davvero inimitabile. E sì, ci sono alcuni aspetti “migliorabili” come, ad esempio, la totale assenza di panchine, sedie e sgabelli e la carenza di vere e proprie aree di sosta e riposo.

Sono tuttavia aspetti che, in un modo o nell’altro, possono essere superati: inutili dunque i tentativi di quei pochi che sbraitano e urlano allo scandalo. Qui, il vincitore assoluto è il Salone, sono i libri, sono i lettori, sono i Torinesi che, con uno spirito campanilistico come mai prima, sbaragliano ogni tentativo di concorrenza (i numeri parlano chiaro).

Ma ora veniamo a ME e alla MIA personale esperienza.

In questo primo post (sì, vi bombarderò fino allo sfinimento, preparatevi!), voglio parlarvi di una casa editrice in particolare che già conoscevo e che ho potuto toccare con mano proprio grazie al Salone di Torino.

Casa Editrice Il Sirente

Si tratta della Casa Editrice Il Sirente, con cui ho il piacere di collaborare già da qualche mese e che avevo scoperto così, un po’ per caso un po’ per fortuna, grazie a La Stampa (ve ne avevo accennato qui, nel secondo appuntamento con la rubrica Sfogliando il mondo).

Ho incontrato con piacere Chiarastella che è il nome con cui ho sempre interagito tramite mail e che ho finalmente conosciuto di persona. Purtroppo non sono riuscita a partecipare alle loro presentazioni con autori ma, nonostante ciò, ho portato a casa ben DUE romanzi editi da Il Il SirenteSirente. Si tratta di Taxi. Le strade del Cairo si raccontano di Khaled Al Khamissi (che mi è stato gentilmente donato e che è il primo titolo edito nella collana AltriArabi) e di Un uomo non piange mai di Faïza Guène. Quest’ultimo, in particolare, ha una copertina assolutamente affascinante: infatti, tutti i titoli di questa collana aventi la cover scura, un grigio cupo per intenderci, sono degli assoluti capolavori. Alcuni degli inserti colorati che vedete anche qui in foto sono infatti IN RILIEVO e LUCIDI. Non vi dico l’effetto dal vivo! Davvero fantastici. Lo stesso Il ragazzo di Aleppo che ha dipinto la guerra è un quadro di semplicità geniale.

WP_20170522_13_24_26_Pro.jpg

Vi lascio, infine, tutte le infos e i dati relativi ai due romanzi che, al Salone, erano, in alcuni momenti, accompagnati dagli stessi autori.


Un uomo non piange mai

Titolo: Un uomo non piange mai (Un homme, ça ne pleure pas)

Autore: Faïza Guène

Traduttore: Federica Pistono

Prezzo: € 15,00 (Cartaceo)

Editore: Il Sirente

Collana: AltriArabi Migrante

Trama: Una cronaca sensibile e divertente, un sottile ritratto di un’epoca, in cui tutti i parametri di riferimento sono in frantumi. “Un uomo non piange mai” racconta con garbo e sensibilità la storia di una famiglia algerina emigrata in Francia. Nato a Nizza da genitori algerini, Mourad Chennoun vorrebbe costruirsi un destino. Il suo peggior incubo: diventare un vecchio ragazzo obeso con i capelli sale e pepe, nutrito da sua madre a base di olio di frittura. Per evitare questo, dovrà emanciparsi da una pesante storia familiare. Ma è veramente nella rottura che diventerà pienamente se stesso?


E se fossi morto

Titolo: E se fossi morto?

Autore: Muhammad Dibo

Traduttore: Federica Pistono

Prezzo: € 15,00

Editore: Il Sirente

Collana: AltriArabi

Trama: Un mattino l’autore protagonista viene svegliato da una strana telefonata; un’amica gli comunica che un giovane dal nome Muhammad Dibo è stato ucciso nella città di Duma. Lo strano caso di omonimia costringe Muhammad a indagare e a ripercorrere i dolorosi anni siriani dal 2011 a oggi. Il romanzo è una lunga testimonianza sulla guerra civile siriana: dal suo esordio sull’onda delle rivoluzioni tunisina, egiziana e yemenita, al progressivo sgretolarsi della Siria sotto la duplice onda d’urto della macchina repressiva del potere e degli interventi stranieri. Introduzione di Donatella Della Ratta.


Alla prossima con un nuovo dettaglio direttamente dal SalTo 2017!

Rachel

© Rachel Sandman