Amistad – La figlia della Luna di Francesca Redeghieri – Recensione

“Il romanzo di Francesca Redeghieri vi accompagnerà in un avventuroso viaggio nel passato. Una delle voci migliori e più suggestive, un debutto da non perdere per un’autrice che avrà molto da raccontarvi.”
[Adele Vieri Castellano]


Amistad

Titolo: Amistad – La figlia della luna
Autore: Francesca Redeghieri

Serie: Amazzoni #1

Data d’uscita: 11 Ottobre 2017
Prezzo: € 4,99 (Ebook su Amazon)

Editore: Emma Books

Trama: Anno 219 a. C. L’esercito romano sta espandendo la sua brama di potere e solo un uomo sembra poterne arrestare l’avanzata: Annibale. Per questo i popoli che vogliono liberarsi dall’oppressione di Roma si uniscono al grande comandante cartaginese, tra di essi le leggendarie Amazzoni. Nei ranghi di questa stirpe di donne guerriere, le cui epiche gesta le hanno rese temibili in ogni angolo del mondo conosciuto, ci sono due sorelle, non solo di spada ma anche di sangue. I loro nomi sono Amistad e Briseide. La guerra cambierà bruscamente il corso della loro vita, sconvolgendo tutto ciò in cui hanno sempre creduto, ma insegnerà loro il potere dell’amore. Il prezzo da pagare però sarà alto: l’uomo che condurrà Amistad alla scoperta di una passione dolce e inaspettata è infatti un romano, il nemico. I due si troveranno così su schieramenti opposti, in una sfida contro il fato che si prenderà gioco di loro. Sullo sfondo, l’eco di una lontana maledizione divina. Le scelte di Amistad saranno difficili da affrontare, a volte persino inammissibili. Ma quando c’è di mezzo l’amore, nulla sembra essere impossibile…

Infos sull’autore: Francesca Redeghieri ha trentotto anni e vive con il compagno e la figlia Ginevra a Novellara, in provincia di Reggio Emilia. Durante il giorno lavora come fioraia in un negozio chiamato Il Sogno, che rispecchia benissimo ciò che è, una vera sognatrice a occhi aperti. La sera, invece, quando tutti dormono, accende il suo PC ed entra nel magico mondo della scrittura. Adora leggere e scrivere quando la casa è avvolta nel silenzio, perché così i suoi personaggi hanno libero sfogo di far sentire la loro voce. All’età di diciannove anni ha pubblicato il suo primo romanzo storico: Come vento selvaggio (Beta, 2001), ambientato ai tempi degli indiani d’America. Ha una scrivania piena di cassetti e dentro di ognuno c’è una storia diversa, che aspetta solo di essere raccontata.

Recensione: Leggere il romanzo di Francesca Redeghieri equivale a compiere un viaggio in un lontano passato, fatto di realtà storica che si mescola, indissolubilmente, alle ombre del mito.

Innanzitutto, voglio sottolineare come Amistad – La figlia della luna non sia un semplice romanzo storico con risvolti romance ma sia, nella sua totalità, un libro che si erge su conoscenze e fatti storici che l’autrice usa e sfrutta a suo piacimento, senza mai snaturarli, dimostrando una maestria decisamente singolare e da rilevare.
Lo stile poi che si srotola nei vari capitoli di questo primo volume della serie Amazzoni è fluido, accattivante, ricco di sfaccettature che impreziosiscono una trama già di per sé ricca e attraente.

Al centro di tutto ciò, lei … Amistad è la protagonista assoluta del romanzo e, nonostante le numerose presenze che le fanno da spalla, da antagonisti, da ostacoli, si erge in tutta la sua caratteristica persona senza mai eccedere, senza mai esagerare. Amistad è un’amazzone, è una donna, è una guerriera.
Accanto a lei, lui … Longino, un soldato romano, un guerriero, un uomo.
Sono due pedine che lottano e si muovono sulla scacchiera della storia che li vede nemici, disposti ai lati opposti del campo di battaglia. Sono un uomo e una donna che, nonostante tutto, sono irrimediabilmente attratti uno dall’altro.

Ho apprezzato moltissimo come la storia personale di Amistad e Longino si fonda con la storia che, in alcune parti, tutti noi abbiamo studiato sui libri di storia, in maniera più o meno approfondita. Ho adorato il fatto che l’autrice sia riuscita a non perdere mai il focus della trama, bilanciando questi due elementi che rendono Amistad un romanzo impossibile da etichettare: sarebbe infatti davvero riduttivo incastrarlo in quello o in quell’altro genere letterario.

Insomma, in conclusione, Amistad – La figlia della luna di Francesca Redeghieri è un libro che racconta il passato, che narra i misteri e gli echi lontani di miti e leggende, che descrive il nascere e l’evolversi di un sentimento dirompente quale l’amore che, inevitabilmente, esiste tra Amistad e Longino.
Se siete dunque lettori appassionati di questo tipo di narrazioni, non potete perdervi questo romanzo: anche perché, alla fine, vorrete saperne di più, vorrete conoscere anche loro, Castalia e Briseide.
Ed io, infatti, ora corro a leggere proprio la sua storia … Quella dell’amazzone dai capelli color ruggine.

Rachel

© Rachel Sandman

2 pensieri su “Amistad – La figlia della Luna di Francesca Redeghieri – Recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...