Review Tour – Quello giusto per me di Natasha Madison

Banner Quello giusto per me.jpg

Buongiorno!

Oggi, una nuova recensione in occasione del Review Tour che ruota attorno a Quello giusto per me di Natasha Madison, edito dalla casa editrice Quixote Edizioni.
Nel banner trovate l’elenco di tutti i blog partecipanti: seguite e leggete le varie recensioni e poi commentate, dite la vostra, fatevi sentire.

Qui di seguito trovate tutte le infos, i dati, la trama e la mia personale opinione sul romanzo.
Buona lettura!


Quello Guisto Per Me Eboo (Something So Right in Italian)

Titolo: Quello giusto per me
Autore: Natasha Madison
Data d’uscita: 22 Settembre 2017
Prezzo: € 4,99 (Ebook) – € 12,48 (Cartaceo)
Editore: Quixote Edizioni

Trama: Il momento in cui tutto è cambiato non è stato come un fuoco d’artificio, bensì un incubo. Ho beccato mio marito, il mio fidanzato del liceo, il padre dei miei figli, coinvolto in una sordida relazione. È stato in quel momento che ho deciso di rinunciare agli uomini e all’amore. Non ho però tenuto conto del ragazzo d’oro dell’NHL, il bellissimo e arrogante Cooper Stone, che ha sconvolto la mia vita e il mio lavoro da cima a fondo. I miei figli sono l’unica ragione per la quale mi sveglio al mattino. L’hockey è la ragione di vita di Cooper. Arriviamo da mondi e luoghi diversi, ma quando i nostri cuori si sono scontrati, qualcosa di totalmente sbagliato si è trasformato nella cosa giusta. Lui è quello giusto per me.

Recensione: Quello giusto per me di Natasha Madison è un romanzo che, sin da subito mi ha attirato ma, allo stesso tempo, mi incuteva timore. La trama è accattivante, non si può dire altro e poi, lo sapete, io adoro gli sport romance (i romanzi della Kennedy della Campus Series hanno dato il via alla mia passione per questo sottogenere del romance contemporaneo). Tuttavia trattava un tema, quello di lei più grande di lui, che io non sempre ho apprezzato per il modo in cui veniva gestito e dosato nei vari romanzi.

Quindi mi sono avvicinata a questo libro con delle emozioni e delle tensioni contrastanti e, devo ammettere, Quello giusto per me si è rivelato, allo stesso modo, duplice.
Mi spiego meglio.
La prima parte del romanzo è prettamente fisica, molto basata sull’attrazione che scatta sin da subito tra i due protagonisti, Parker e Cooper, e che mi ha fatto un po’ storcere il naso per l’eccessivo uso del dirty talking (che io supporto, sia chiaro, ma fino ad un certo punto) e la ripetizione quasi ossessiva nelle prime pagine del termine vagina.

Nella seconda parte del libro, tuttavia, la storia si apre e io sono rimasta non solo piacevolmente sorpresa ma ho davvero adorato sia il modo di gestire il, cosiddetto, fattore età, sia la progressiva maturazione e crescita della relazione tra i due protagonisti.

Sin da subito, Parker ci appare come una donna forte, segnata dalla vita ma che ha iniziato ad indossare una maschera di protezione per non far vedere al mondo le sue ferite, le sue cicatrici. A darle man forte due figli: Matthew e Allison, diversi ma entrambi uniti in un gioco di supporto e amore.
Il lato ironico che lascia andare soprattutto con l’amica di sempre mi ha davvero resa entusiasta e vicina a questo personaggio.
Dall’altro lato abbiamo lui, Cooper, che se, inizialmente, non riusciamo a capire e a comprendere sino in fondo (anche a causa di un punto di vista focalizzato interamente, nei primi capitoli, sulla figura di Parker), poi viene fuori con credibilità, solidità e tenerezza.

Personalmente, ho trovato che il punto forte del romanzo non sia tanto il legame di coppia ma il rapporto che Cooper instaura con tutto il nucleo famigliare, con Parker ovviamente ma anche e soprattutto con Matthew e Allison. Il fatto poi che il progressivo avvicinamento e affiatamento sia ponderato e dosato, non un fattore di un paio di pagine e via, ma un elemento determinante e ben costruito, mi ha davvero reso piacevole una seconda parte di romanzo che secondo me batte la prima sia per stile che profondità.

In conclusione, leggete questo romanzo e se, come me, vi ritrovate a non provare empatia sin da subito, non disperate: la meraviglia arriverà, eccome se arriverà. Un ulteriore punto a favore di Quello giusto per me è, infine, il romanzo che lo seguirà (e che spero che la Quixote Edizioni) porterà in Italia: si tratta di una nuovissima storia con protagonista … Matthew! Cioè, vi rendete conto di quanto la cosa sia geniale?
Io personalmente non vedo l’ora di leggerlo e di conoscere la SUA storia: un eprsonaggio così ricco di sfumature e rabbia già accennate in questo, non può che garantire un romanzo coi fiocchi.

Buona lettura!
A presto.

Rachel

© Rachel Sandman
Annunci

Review Tour – Un gancio al cuore di Manuela Chiarottino

Senzanome.png

Buongiorno!
Oggi, è con immenso piacere che il blog partecipa al Review Tour legato ad una nuova uscita made in Italy e appartenente alla categoria del self publishing: sto parlando di Un gancio al cuore, nuovo romanzo firmato Manuela Chiarottino (vi ricordate? Vi ho già parlato di lei, in occasione dell’uscita del suo romance edito dalla Triskell Edizioni, Un amore a cinque stelle) che uscirà tra due giorni, il 10 Settembre 2017.

In questa occasione, festeggiamo l’approssimarsi dell’uscita di questo romanzo m/m attraverso un approfondimento legato alla trama e alla storia narrata, seguito poi, come sempre, dalla mia personalissima opinione su Un gancio al cuore.

Siete pronti?
Buona lettura!


Gancio

Titolo: Un gancio al cuore
Autore: Manuela Chiarottino
Data d’uscita: 10 Settembre 2017
Prezzo: € 3,49 (Ebook)
Editore: Self Publishing

Trama: Tirare pugni a un sacco, sfogando tutto ciò che ha dentro, è per Byron l’unica maniera di dimenticare. Dimenticare un passato solitario, un presente in cui arranca, un futuro grigio e piatto che gli sta piombando addosso senza freni. Non c’è carriera, per lui, né nobiltà alcuna nel pugilato, bensì una scappatoia, una via per guadagnare il necessario utile a lui e sua nonna per abbandonare la povertà. E sua madre… be’, lei continua ad andare e venire dalla casa del suo “fidanzato” e per Byron è meglio non pensarci. Tutto sembra destinato a rimanere così, quindi, statico e deprimente, fino a quando nella palestra di John non entra Brandon, l’angelo nero, un ex pugile dallo sguardo enigmatico e il sorriso irriverente. Per Byron è il cataclisma, ma non è l’unico a sentirsi trasportato dagli eventi: Brandon rimane folgorato dal ragazzo ancor prima di averlo messo a fuoco. Può l’amore cambiare del tutto le carte in tavola? Possono i vinti diventare vincitori, se ci credono davvero? E i colpi della vita possono fare male più di quelli ricevuti in pieno viso?


Approfondimento: chi era Emile Griffith?

Allora, come potete ben dedurre leggendo la trama, il romanzo Un gancio al cuore di Manuela Chiarottino è ambientato nel mondo della boxe e non, badate bene, quella tra bande o di strada, bensì quella che mira al professionismo attraverso sudore, pugni dati in una palestra storica e architettonicamente non da catalogo di interni, allenamento duro e puro.
Durante la storia, sentirete citare più volte il nome di Emile Griffith. Ma chi è costui?
Devo dire che l’autrice è stata grandiosa e ha posto una nota a fine romanzo che, in qualche modo, inquadra questo personaggio ma io, qui, ho deciso di darvene una piccola anticipazione.
Emile GriffithEmile Griffith nasce il 3 Febbraio del 1938 a Saint Thomas (isola caraibica delle piccole Antille, appartenente all’arcipelago delle Isole Vergini americane).
A segnare la sua vita, un anno: il 1958. In quello stesso anno, da dilettante, ottiene il New York Golden Gloves e diventa pugile professionista.
La sua carriera durerà fino al 1977 ma sarà un episodio a pesare, maggiormente rispetto agli altri: il 24 Marzo 1962 il match valido per il campionato mondiale dei pesi welter, disputato contro Benny Paret, (pugile cubano soprannominato The Kid), ha una conclusione tragica.

Griffith ridusse l’avversario in stato di incoscienza e questi morì dopo nove giorni. A Griffith fu mossa l’accusa di aver volontariamente infierito sull’avversario anche a causa di presunte dichiarazioni offensive riferite alla sua bisessualità.

Griffith rimase comprensibilmente sconvolto dall’accaduto ma, nonostante ciò, in seguito conquistò il titolo di campione del mondo dei pesi medi, battendo Dick Tiger.
Soltanto nel 2005, fece coming out dichiarando la propria bisessualità in un’intervista a Sports Illustrated.
Dopo aver sofferto di una sindrome da demenza pugilistica negli anni duemila e aver passato un periodo difficile, anche a livello economico, morì il 23 Luglio 2013 all’ospedale di Long Island nello stato di New York.

E dopo questo piccolo approfondimento … Veniamo alla mia opinione!


Recensione: Un gancio al cuore di Manuela Chiarottino è un romanzo che colpisce su più fronti.
Innanzitutto, io ho apprezzato davvero moltissimo il fatto che per tutta la prima parte, in cui si descrive il progressivo avvicinamento tra i due protagonisti, non si sia mai posto l’accento sul loro essere entrambi uomini ma si sia, piuttosto, sottolineato il loro essere: sono due persone con crepe più o meno simili che si trovano, quasi per caso, iniziano a cercarsi e si scontrano, inevitabilmente. Non tutti i romanzi m/m hanno questa delicatezza e accuratezza, lo devo ammettere.

Inoltre, la caratterizzazione dei due è eccezionale: da un lato, come ho accennato prima, Byron e Brandon hanno dei lati simili, ferite profonde che derivano da un passato non comune ma che li rende, sin da subito, affini senza nemmeno saperlo. Sono però i lati che divergono, i loro caratteri così cristallini e puri a delinearli ancor di più e a renderli ognuno un piccolo mondo tridimensionale creato e mostrato su carta.

Byron è, con la sua giovinezza, la personificazione dell’irruenza: c’è la rabbia, che cova in lui come una serpe in seno, come una voragine che cresce sempre più; c’è la disperazione; c’è la violenza. Byron è vittima di un legame materno inesistente e di una vita che gli ha chiesto troppo, che ha gravato troppo sulle sue spalle larghe.
Brandon, al contrario, è un uomo maturo, che si è fatto da solo e che, nonostante gli sbagli, gli errori, i passi falsi, è cresciuto e ha raggiunto una stabilità.

Ho amato come la Chiarottino ha fatto evolvere la loro storia, prima su un piano prettamente fisico, gradualmente su un piano più emozionale e personale. L’inserimento poi di tatuaggi significativi, veri e propri simboli su pelle (dettaglio che, come forse già saprete, io personalmente amo alla follia), ha dato quel tocco di originalità e modernità nuova, una nota di colore immersa nel mondo grigio scuro del pugilato.

I marinai si tatuavano a casa prima di partire, poi una seconda volta nel porto di destinazione e alla fine quando avevano fatto ritorno a casa. Averne un numero pari significa essere lontani dal posto che ami, da casa.

In conclusione, l’ambientazione e la tematica della boxe sono presenti ma non scendono mai nel noioso o nello statico: ogni descrizione, ogni gancio, ogni allenamento ha un seguito, ha un motivo, ha una sua coerenza ed essenza. I dettagli con cui l’autrice fa emergere il sapore e l’odore di un mondo particolare come quello delle palestre, del pugilato, dei guantoni, sono reali e intensi, tanto che in alcuni punti ti sembra davvero di essere parte integrante della realtà descritta.
Quindi, leggete questo libro se volete immergervi in una storia fatta di contrasti, virile e delicata insieme, in cui a farla da padrone è lo stile dell’autrice che non perde mai la sua profondità e il suo realismo.

#GoodLuckManuela!

Rachel

© Rachel Sandman