Non posso dimenticarti di Sarah Bernardinello – Segnalazione

Buongiorno!

Esce oggi, 23 Ottobre 2017, un nuovo romanzo edito da Quixote Edizioni. Si tratta di Non posso dimenticarti di Sarah Bernardinello, un libro che appartiene al genere m/m.

Qui di seguito trovate tutte le infos, la cover e la trama.
Buona lettura!


Non-posso-dimenticarti-DEF

Titolo: Non posso dimenticarti
Autore: Sarah Bernardinello
Data d’uscita: 23 Ottobre 2017
Prezzo: € 3,59 (Ebook)
Editore: Quixote Edizioni

Trama: Ashley Miller è un informatico di giorno e uno dei baristi di un locale gay di notte.
Una tragedia famigliare lo ha costretto ad abbandonare l’Università per mantenersi e pagare i debiti, e le vicissitudini lo hanno reso cinico e duro, ma non è sempre stato così. Brillante studente di matematica, ma nerd timido, quattro anni prima Ash ha incontrato un ragazzo capace di fargli battere il cuore come mai gli è capitato.
Purtroppo per lui, silenzi e omissioni non sono l’ideale per costruire un rapporto.
Christian Pike è un avvocato che lavora in un prestigioso studio legale di Manhattan. L’invito di un collega ad andare in un locale dove non era mai stato, si trasforma in una scoperta emozionante: il ragazzo che quattro anni prima ha crudelmente respinto a causa del suo non essere dichiarato è uno dei baristi del locale. Un ragazzo che, malgrado il tempo trascorso, non ha mai dimenticato.
Chris fa di tutto affinché Ash lo perdoni per la cattiveria e le parole crudeli di cui l’ha fatto oggetto, senza però molto successo.
Sarà l’intervento di un collega di Chris a far sì che Ash cominci a cambiare opinione su quel ragazzo che non è riuscito a dimenticare, facendo i conti con i ricordi e le proprie paure.


#GoodLuckQuixote!
#GoodLuckSarah!

Rachel

© Rachel Sandman
Annunci

Logan di Veronica Scalmazzi – Recensione in Anteprima

Buonasera!

Allora, oggi, è finalmente arrivato il grande giorno: ho il piacere di parlarvi in anteprima del primo romanzo m/m scritto da Veronica Scalmazzi, self e disponibile da OGGI, 8 Settembre 2017!
In questo post ho il piacere di raccontarvi qualcosa sul chiacchieratissimo e attesissimo Logan.
Devo ammetterlo, ho iniziato ad adocchiare questo romanzo su FB, grazie a vari post che l’autrice ha abilmente disseminato con il contagocce e, attraverso brevi estratti, mi sono immediatamente innamorata della storia e del suo potenziale.

Ho avuto poi la fortuna di leggerlo in anteprima quindi … Grazie Veronica per avermi regalato questa storia! Grazie a voi là fuori che leggerete questa mia personale riflessione e, vi avviso: preparate le carte di credito e le prepagate, Logan sta arrivando ed lo trovate qui (cliccate! Adesso!).

Buona lettura e #GoodLuckVeronica! #GoodLuckLogan!


6tag_080917-103753

Titolo: Logan
Autore: Veronica Scalmazzi
Serie: Spin-Off Destini Incrociati #2
Autoconclusivo
Data d’uscita: 8 Settembre 2017
Prezzo: € 1,99 (Ebook) – € 8,94 (Cartaceo)
Editore: Self Publishing

Trama: Sono Logan Collins e sono sempre stato alle regole, ho vissuto la mia intera esistenza indossando una maschera. Mai mostrarsi, mai cedere alla voglia di essere me stesso, ma poi è arrivato lui e tutto è cambiato. Jay Carter ha sconvolto il mio lato nascosto, mi ha sfidato e ha preso a pugni le mie bugie. Ho lottato, giuro. Ma era un match già perso in partenza. Lui era la parte nascosta di me. La mia sfida più grande. E adesso siamo fuoco che divampa fra segreti e demoni del passato. L’incontro è iniziato, la sfida aperta.


Recensione: Sono in crisi totale, davvero.
Non so da che parte cominciare e, come mi capita spesso quando un libro mi piace, e parecchio, temo di non riuscire a rendere a pieno tutte le emozioni che mi hanno travolto quindi … Respiro, con calma e pazienza, un pensiero dopo l’altro, e inizio col dirvi: preparatevi, perché Logan di Veronica Scalmazzi è uno libro d’impatto.

Partiamo dal presupposto che il lettore si immerge nel libro con un inizio in medias res che non è solo potente e tangibile … È di più!
La prima scena, infatti, vi catapulterà, prima ancora di iniziare, in un’atmosfera fatta di odio e amore, tensione e passione, il tutto avvolto in una coltre di nubi davvero potente e magnetica. Quindi, sappiatelo, se la vostra reazione sarà simile alla mia, vi ritroverete alla fine del prologo, così:

Risultati immagini per OMG WOW gif

Poi … Solo in un secondo momento, conoscerete i due protagonisti e … Addio mondo, addio social, addio fidanzato immaginario o meno … Finirete a vegetare, a vagare per la casa con il kindle in mano senza possibilità di abbandonare questa storia fino al suo finale.

Logan è immenso: un ex pugile legato alla famiglia, agli amici, ai ragazzi che frequentano la sua palestra. È un personaggio concreto, senza fronzoli, completamente immerso nella società che vive e frequenta e che, a tratti, lo limita e lo condiziona. È un uomo perennemente in lotta, non solo con il mondo ma anche, e soprattutto, con se stesso.
Jay, al contrario, è colui che all’inizio sembra il classico bad boy con lo sguardo provocante, il sorriso sornione e l’atteggiamento da ‘Sono io e mi prendo ciò che voglio, quando voglio’. Ma … Ovviamente molto altro si cela dietro quell’atteggiamento da bullo: ferite profonde, un passato nascosto, dolore, rassegnazione, rimpianto.

Questi due insieme sono una delle migliori accoppiate lette nell’ultimo periodo: entrambi hanno un carattere forte incrinato da cicatrici più o meno visibili, entrambi sentono e respirano la tensione e l’attrazione che aleggia tra loro, entrambi sono gelosi marci, lasciatemelo dire.
La gelosia è uno degli aspetti che, durante lo svolgimento della storia, l’autrice ha sviscerato maggiormente e ha fatto proprio un ottimo lavoro: ogni scena è un tassello per la successiva e l’impulsività che regna, che sovrasta, molto spesso, il buon senso e il quieto vivere, dona originalità e tensione ad una narrazione già di per sé movimentata. Un’unica piccola pecca, forse, il non approfondire fino in fondo la questione legata ad un certo Brian: cioè, io mi aspettavo una vera e propria scena tra lui e Logan, ad un certo punto la pretendevo proprio!

Ma, chiariamo: se vi aspettate un classico romanzo in cui due si conoscono, si avvicinano, si innamorano, litigano e poi tornano insieme … Sbagliate di grosso!
Veronica Scalmazzi ha creato, davvero, una linea narrativa da montagne russe in cui impariamo a conoscere i personaggi quando loro, ormai, sono già vittime della passione che li governa, in un’unione che divampa, più volte nella trama, e che dà ai personaggi spessore, rendendo la relazione tra Logan e Jay realistica e, lo devo dire, molto molto molto HOT.
Risultati immagini per so hot gif

La componente sensuale e sessuale tra i due è resa in modo magistrale: mai una scena volgare, tutto ben dosato, tutto nel momento perfetto. Ma Logan non è solo questo!

In questo romanzo, come forse avrete già capito, ho trovato spessore psicologico, ho trovato accelerazioni e capovolgimenti narrativi che non mi sarei mai aspettata e che mi hanno lasciata (non solo letteralmente) a bocca aperta fino al finale … [N.B. Stavo per strangolarti, Veronica! Te lo dico qui, pubblicamente! Ma si fanno questi scherzi?]

Ragazzi, non potete capire. Logan e Jay vi faranno ridere, piangere, sognare ad occhi aperti e voi vi troverete, inevitabilmente, a fare il tifo e a supportare il club Mai una gioia vestendo i panni di una cheerleader fuori campo (come non condividere le uscite della cara Cassie?).

In conclusione, vi avverto: l’epilogo è uno dei più dolci mai letti, la perfetta chiusura del cerchio. Inoltre, è totalmente in linea con il percorso di maturazione attraverso cui sia Logan sia Jay passano e che li coinvolge su più linee portandoli tra frenate e accelerazioni inaspettate ad un epilogo che è già un aggancio a quella che, credo, sarà la storia che inizierete a bramare appena poserete il vostro kindle.

Vi lascio, infine, con un’ultima chicca: il booktrailer ufficiale di Logan di Veronica Scalmazzi. Se ancora avete dei dubbi, se ancora non sapete se leggere davvero questo libro o meno, guardate questo video e poi … Correte su Amazon è acquistate Logan!

Rachel

© Rachel Sandman

Review Tour – Un gancio al cuore di Manuela Chiarottino

Senzanome.png

Buongiorno!
Oggi, è con immenso piacere che il blog partecipa al Review Tour legato ad una nuova uscita made in Italy e appartenente alla categoria del self publishing: sto parlando di Un gancio al cuore, nuovo romanzo firmato Manuela Chiarottino (vi ricordate? Vi ho già parlato di lei, in occasione dell’uscita del suo romance edito dalla Triskell Edizioni, Un amore a cinque stelle) che uscirà tra due giorni, il 10 Settembre 2017.

In questa occasione, festeggiamo l’approssimarsi dell’uscita di questo romanzo m/m attraverso un approfondimento legato alla trama e alla storia narrata, seguito poi, come sempre, dalla mia personalissima opinione su Un gancio al cuore.

Siete pronti?
Buona lettura!


Gancio

Titolo: Un gancio al cuore
Autore: Manuela Chiarottino
Data d’uscita: 10 Settembre 2017
Prezzo: € 3,49 (Ebook)
Editore: Self Publishing

Trama: Tirare pugni a un sacco, sfogando tutto ciò che ha dentro, è per Byron l’unica maniera di dimenticare. Dimenticare un passato solitario, un presente in cui arranca, un futuro grigio e piatto che gli sta piombando addosso senza freni. Non c’è carriera, per lui, né nobiltà alcuna nel pugilato, bensì una scappatoia, una via per guadagnare il necessario utile a lui e sua nonna per abbandonare la povertà. E sua madre… be’, lei continua ad andare e venire dalla casa del suo “fidanzato” e per Byron è meglio non pensarci. Tutto sembra destinato a rimanere così, quindi, statico e deprimente, fino a quando nella palestra di John non entra Brandon, l’angelo nero, un ex pugile dallo sguardo enigmatico e il sorriso irriverente. Per Byron è il cataclisma, ma non è l’unico a sentirsi trasportato dagli eventi: Brandon rimane folgorato dal ragazzo ancor prima di averlo messo a fuoco. Può l’amore cambiare del tutto le carte in tavola? Possono i vinti diventare vincitori, se ci credono davvero? E i colpi della vita possono fare male più di quelli ricevuti in pieno viso?


Approfondimento: chi era Emile Griffith?

Allora, come potete ben dedurre leggendo la trama, il romanzo Un gancio al cuore di Manuela Chiarottino è ambientato nel mondo della boxe e non, badate bene, quella tra bande o di strada, bensì quella che mira al professionismo attraverso sudore, pugni dati in una palestra storica e architettonicamente non da catalogo di interni, allenamento duro e puro.
Durante la storia, sentirete citare più volte il nome di Emile Griffith. Ma chi è costui?
Devo dire che l’autrice è stata grandiosa e ha posto una nota a fine romanzo che, in qualche modo, inquadra questo personaggio ma io, qui, ho deciso di darvene una piccola anticipazione.
Emile GriffithEmile Griffith nasce il 3 Febbraio del 1938 a Saint Thomas (isola caraibica delle piccole Antille, appartenente all’arcipelago delle Isole Vergini americane).
A segnare la sua vita, un anno: il 1958. In quello stesso anno, da dilettante, ottiene il New York Golden Gloves e diventa pugile professionista.
La sua carriera durerà fino al 1977 ma sarà un episodio a pesare, maggiormente rispetto agli altri: il 24 Marzo 1962 il match valido per il campionato mondiale dei pesi welter, disputato contro Benny Paret, (pugile cubano soprannominato The Kid), ha una conclusione tragica.

Griffith ridusse l’avversario in stato di incoscienza e questi morì dopo nove giorni. A Griffith fu mossa l’accusa di aver volontariamente infierito sull’avversario anche a causa di presunte dichiarazioni offensive riferite alla sua bisessualità.

Griffith rimase comprensibilmente sconvolto dall’accaduto ma, nonostante ciò, in seguito conquistò il titolo di campione del mondo dei pesi medi, battendo Dick Tiger.
Soltanto nel 2005, fece coming out dichiarando la propria bisessualità in un’intervista a Sports Illustrated.
Dopo aver sofferto di una sindrome da demenza pugilistica negli anni duemila e aver passato un periodo difficile, anche a livello economico, morì il 23 Luglio 2013 all’ospedale di Long Island nello stato di New York.

E dopo questo piccolo approfondimento … Veniamo alla mia opinione!


Recensione: Un gancio al cuore di Manuela Chiarottino è un romanzo che colpisce su più fronti.
Innanzitutto, io ho apprezzato davvero moltissimo il fatto che per tutta la prima parte, in cui si descrive il progressivo avvicinamento tra i due protagonisti, non si sia mai posto l’accento sul loro essere entrambi uomini ma si sia, piuttosto, sottolineato il loro essere: sono due persone con crepe più o meno simili che si trovano, quasi per caso, iniziano a cercarsi e si scontrano, inevitabilmente. Non tutti i romanzi m/m hanno questa delicatezza e accuratezza, lo devo ammettere.

Inoltre, la caratterizzazione dei due è eccezionale: da un lato, come ho accennato prima, Byron e Brandon hanno dei lati simili, ferite profonde che derivano da un passato non comune ma che li rende, sin da subito, affini senza nemmeno saperlo. Sono però i lati che divergono, i loro caratteri così cristallini e puri a delinearli ancor di più e a renderli ognuno un piccolo mondo tridimensionale creato e mostrato su carta.

Byron è, con la sua giovinezza, la personificazione dell’irruenza: c’è la rabbia, che cova in lui come una serpe in seno, come una voragine che cresce sempre più; c’è la disperazione; c’è la violenza. Byron è vittima di un legame materno inesistente e di una vita che gli ha chiesto troppo, che ha gravato troppo sulle sue spalle larghe.
Brandon, al contrario, è un uomo maturo, che si è fatto da solo e che, nonostante gli sbagli, gli errori, i passi falsi, è cresciuto e ha raggiunto una stabilità.

Ho amato come la Chiarottino ha fatto evolvere la loro storia, prima su un piano prettamente fisico, gradualmente su un piano più emozionale e personale. L’inserimento poi di tatuaggi significativi, veri e propri simboli su pelle (dettaglio che, come forse già saprete, io personalmente amo alla follia), ha dato quel tocco di originalità e modernità nuova, una nota di colore immersa nel mondo grigio scuro del pugilato.

I marinai si tatuavano a casa prima di partire, poi una seconda volta nel porto di destinazione e alla fine quando avevano fatto ritorno a casa. Averne un numero pari significa essere lontani dal posto che ami, da casa.

In conclusione, l’ambientazione e la tematica della boxe sono presenti ma non scendono mai nel noioso o nello statico: ogni descrizione, ogni gancio, ogni allenamento ha un seguito, ha un motivo, ha una sua coerenza ed essenza. I dettagli con cui l’autrice fa emergere il sapore e l’odore di un mondo particolare come quello delle palestre, del pugilato, dei guantoni, sono reali e intensi, tanto che in alcuni punti ti sembra davvero di essere parte integrante della realtà descritta.
Quindi, leggete questo libro se volete immergervi in una storia fatta di contrasti, virile e delicata insieme, in cui a farla da padrone è lo stile dell’autrice che non perde mai la sua profondità e il suo realismo.

#GoodLuckManuela!

Rachel

© Rachel Sandman

Troppo vicino di R. Phoenix – Segnalazione

Buonasera!

Allora, si sa, ormai le piattaforme digitali sono nostre fedeli compagne di acquisti e contengono liste lunghe lunghe di libri da leggere e non solo. Ma capita, talvolta, che queste piattaforme non funzionino a dovere e che quindi un romanzo come quello che sto per presentarvi esca così, senza la dovuta presentazione, senza il dovuto sostegno.

È infatti già ONLINE e disponibile Troppo vicino, libro scritto da R. Phoenix e edito dalla casa editrice Quixote Edizioni.
Mi rivolgo quindi, qui, a voi, cari lettori e lettrici: NON FATEVI SCAPPARE QUESTA STORIA!

Qui di seguito vi lascio la cover (originalissima, a mio parere), la trama (vi avviso, per correttezza: all’interno del romanzo troverete argomenti quali violenza domestica e abusi, quindi … #BeReady) e il link d’acquisto, oltre ovviamente a tutti i dati del caso.
Buona lettura e … mi raccomando: spargete la voce!


Troppo Vicino Ebook Cover

Titolo: Troppo vicino (Too close)
Autore: R. Phoenix
Traduzione: Mirta Augusto
Data d’uscita: 31 Agosto 2017
Prezzo: € 3,99 (Ebook)
Editore: Quixote Edizioni

Trama: La vita di Skylar Orion è stata complicata fin da quando sua madre ha abbandonato lui e sua sorella Evie. Arrivare a fine mese sembrava impossibile, finché Tate Chandler non li accoglie, un cavaliere dalla scintillante armatura che fa in modo che la loro vita sia più di un semplice sopravvivere.
Ma Tate non è l’uomo che sembra essere, e persino il suo bisbigliare “vi voglio bene” e i suoi generosi regali fanno ben poco per lenire il dolore che lui stesso causa. Sapendo di non poter dare a sua sorella tutto ciò che merita senza l’aiuto di Tate, Skylar rimane con lui, facendo affidamento su terribili giochi di parole e un pessimo senso dell’umorismo, per continuare la farsa.
Farebbe di tutto per sua sorella, anche se ciò significa comportarsi da adulto responsabile e tornare nella sua vecchia scuola per incontrare Dexter Weston, l’attraente insegnante di matematica capace di rendere interessante perfino l’algebra.
Volano scintille fra loro, ma a causa della sua dipendenza da Tate, Skylar non è libero di seguire il proprio cuore. Ciò che vuole è il meglio per Evie, ma riuscirà a non lasciarsi sfuggire l’opportunità di trovare l’amore che guarisce piuttosto che ferire?


Cosa ne pensate?
Vi attira? Lo leggerete?
Fatemi sapere, come sempre, la vostra opinione!

#GoodLuckQuixote! #GoodLuckRPhoenix!

Rachel

© Rachel Sandman

Il principe prigioniero di C.S. Pacat – Recensione

Buongiorno!

Oggi, 30 Luglio 2017, è un mesiversario di tutto rispetto! Non sapete di cosa sto parlando? Beh … È un mese esatto che, grazie alla Triskell Edizioni, è arrivato in Italia uno dei romanzi più particolari, d’impatto e chiacchierati del panorama mondiale: sto parlando de Il principe prigioniero di C.S. Pacat.
Personalmente non conoscevo questa storia, né tanto meno il clamore che la serie Captive Prince ha ottenuto e raccolto oltreoceano ma, grazie alla mia partecipazione al BlogTour organizzato dalla casa editrice (con cui ho il piacere di collaborare ormai da un po’), ho iniziato a entrare in questo romanzo m/m, prima in punta di piedi e poi, incuriosita, con sempre maggior interesse e curiosità grazie, soprattutto, ad un gruppo FB (si, ragazze del Captive Prince – Italian Readers, sto parlando proprio di voi!).

Ho atteso un mese, capite bene … UN MESE … Per scrivere questa recensione perché a mio parere Il principe prigioniero entra, di diritto, nella top Ten dei migliori libri del 2017 e merita, sul serio, ogni sforzo per cercare di rendere al meglio e nel modo più completo possibile questa storia sia per voi che lo avete già amato e, come me, attendete disperatamente il secondo capitolo (Triskell!!! Abbi pietà!!), sia per coloro che invece non conoscono o non sanno nulla di questo mondo creato da C.S. Pacat e ne sentono parlare ora, qui, per la prima volta.

Quindi … Questa recensione sarà un po’ diversa dalle solite. Ho scelto, in questo caso, di non tediarvi con le informazioni tecniche del volume (che, se proprio volete avere a portata di mano, trovate qui) e i vari link d’acquisto per immergerci, invece, immediatamente in quelle che sono le sensazioni che io ho vissuto durante la lettura.
Ho voluto, poi, come vedrete chiaramente se scorrerete questo post, aggiungere dettagli fotografici (per lo più, presi in prestito dal fornitissimo gruppo di FB di cui vi ho accennato sopra) e musicali perché … Non so, questo libro ha una potenza intrinseca che merita tutto ciò che riesco e posso dare.


Mappa

Dunque … Partiamo.
Innanzitutto, Il principe prigioniero è un romanzo che sta, a mio parere, in bilico tra due generi: il fantasy e lo storico. Ovviamente, l’intera ambientazione in cui si svolgono le vicende è inventata e creata ad arte, un po’ come i mondi de Il trono di spade o de Il signore degli anelli che, penso, chiunque qui abbia almeno sentito nominare o letto nel suo percorso di lettore e che appartengono al genere fantastico.
Tuttavia è presente anche un lato storico e alcuni dettagli che, inevitabilmente, non si possono non collegare all’Antica Roma, alla Magna Grecia, alle società dei gladiatori, ai palazzi dallo stile dorico, agli orpelli decorativi, ai marmi lucidi e splendenti. Sembra, quasi, in alcuni tratti ed episodi, di rivedere il Satyricon di Petronio, mostrato in chiave cinematografica da Fellini e riportato, ora, sotto una veste moderna e parzialmente nuova.

In questo primo capitolo della serie, il lettore conosce in modo esclusivo la società di Vere, il regno di Laurent. L’intero ambiente è lucente, a tratti asettico, esagerato nel lusso e nello sfarzo, materiale, un po’ come il suo principe insomma.

LaurentMa passiamo ora ad analizzare proprio lui, Laurent, colui che è forse il personaggio più strano, particolare, complesso di questo primo volume di C.S. Pacat.
Che dire di lui? All’inizio lo si odia, è impossibile fare altrimenti. Davvero, nei primi capitoli questa figura pare una statua di marmo con la ferocia intrinseca di Black Jack Randall della saga di Outlander (un episodio in particolare, chi ha letto entrambe le storie capirà a cosa mi riferisco, ha facilitato il parallelo tra i due personaggi di carta). Il fatto poi che l’intera storia sia raccontata dal punto di vista e dalla voce di Damen facilita, ovviamente, il disprezzo che l’autrice è davvero stata brava a creare attorno a questa figura androgina, fredda, irreprensibile. Ovviamente, proseguendo con la lettura (e, presumo, soprattutto nei prossimi volumi della serie), la prima opinione va, via via, sgretolandosi come una foglia d’autunno e il futuro Re di Vere lascia vedere sprazzi della sua personalità più umani, senza mai perdere però eccessivamente il controllo.

aa.pngDall’altro lato, come preannunciato, abbiamo Damen che è l’esatto opposto: dove Laurent è bianco, Damen è nero; dove uno è scostante e altero, l’altro è impetuoso, passionale, fisico.
Nonostante i suoi nobili natali, troviamo colui che è protagonista del racconto in una situazione di schiavitù, in una società che non è la sua, in uno stato di sottomissione mal vissuta (è un eufemismo, direi!) e circondato da giochi di potere, intrighi e congiure che aleggiano come farfalle all’apparenza innocue ma che avvelenano non solo i corpi ma soprattutto gli animi di uomini all’apparenza ineccepibili.

Questi due sono i protagonisti della serie Captive Prince, Damen e Laurent, due opposti, due lati di una medaglia, due personalità che nascondono fili che hanno nodi di un passato comune, due caratteri che si scontrano ma già lasciano trasparire qualcos’altro.
Perché, è vero: in questo primo romanzo non capita nulla di concreto tra i due ma le scene sensuali non mancano, così come gli episodi che, nonostante coinvolgano terze persone, lasciano intravedere due fiamme che stanno per divampare, il cui incendio non potrà essere domato.

In conclusione, lo stile di C.S. Pacat. Sublime. Elegante. Perfetto.
Non può essere descritto altrimenti. La Pacat tratta argomenti forti, eccessivi, per alcuni forse addirittura censurabili, ma lo fa in modo delicato, con una grazia unica e con un tocco paragonabile ad una carezza sul viso di un bambino. Seriamente, le scene e la narrazione sono strabilianti ma non avrebbero MAI avuto l’impatto e la forza espressiva che invece possiedono grazie alla penna di questa autrice.

Quindi … Spero di avervi incuriosito e spero di aver reso giustizia ad un romanzo davvero UNICO che va letto, senza se e senza ma, senza attendere seguiti o altro, vivetelo ORA e poi, quando sarà il momento, riprendetelo. Respirate a pieni polmoni queste storie e iniziate a conoscere i personaggi secondari che, sono sicura, assumeranno spessore e contorni nei prossimi capitoli. Vivete e camminate accanto a Damen e Laurent, una coppia che ancora coppia non è ma che cresce e, con tocchi lievi e sfumature appena accennate, già a partire da questo romanzo, Il principe prigioniero, assume spessore e concretezza.

Se ancora non siete convinti, se ancora non siete riusciti a immergervi in questo mondo, vi lascio dopo avervi forse rintronato di parole, dopo il supporto fotografico, con un video meraviglioso sia per tagli fotografici e stacchi, sia per scelta musicale. Guardatelo e poi correte ad acquistare e a leggere Il principe prigioniero di C.S. Pacat (edito da Triskell Edizioni).

N.B. Il video contiene spoilers ma, a mio parere, non sono comprensibili se non da coloro che hanno già letto il libro quindi … Fate voi! Ma, se mi ascoltate, NON vi dovete perdere questo video: GUARDATELO!

#AspettandoIlSecondo #TriskellPerFavore #Aiuto #HoBisognoDelSeguito #DamenLaurent #CaptivePrinceAddicted

Attenzione! Questo romanzo e la sua coppia protagonista creano DIPENDENZA pertanto, se volete evitare di entrare nel vortice di Captive Prince e ci tenete a mantenere la vostra sanità mentale, state lontani da questo articolo e dal romanzo, ripeto STATE LONTANI … Ops … Forse dovevo avvisarvi prima? 

Rachel

© Rachel Sandman

Spencer Cohen 2 di N.R. Walker – Recensione in Anteprima

Buongiorno!

Da oggi potete finalmente trovare, in tutti gli store online, il secondo capitolo di una delle serie m/m più potenti e delicate dell’anno: sto parlando di Spencer Cohen 2 di N.R. Walker, edito da Triskell Edizioni, all’interno della ormai nota collana Rainbow.

Qui di seguito trovate tutte le infos (compresi i link d’acquisto), la trama, il mio scatto e, ovviamente, la mia opinione sul libro.
Come sarà continuata la storia di Spencer e Andrew? O, meglio ancora, sarà continuata?

#BuonaLettura!


6tag_240717-160916

TITOLO: Spencer Cohen 2
AUTORE: N.R. Walker
TRADUTTORE: G. Di Salvo
SERIE: The Spencer Cohen Series #2

USCITA: 28 Luglio 2017

PREZZO: € 4,99 (eBook)
Link d’acquisto: Spencer Cohen 2

EDITORE: Triskell Edizioni
Collana: Rainbow

Trama: Dopo il passaggio da finti fidanzati a una relazione vera e propria, Spencer Cohen e Andrew Landon cercano di non affrettare le cose. Sanno che tra loro potrebbe nascere qualcosa di speciale e non vogliono rovinare tutto, nonostante la terribile tensione sessuale nell’aria.
Spencer sta imparando ad aprirsi, condividendo il suo passato con Andrew, e ha paura di esporsi troppo, anche se non riesce a trattenersi dal farlo. Allo stesso tempo, è ben consapevole che si sta innamorando di Andrew. Quest’ultimo, d’altra parte, non vuole gettarsi di nuovo a capofitto in una relazione, ma andarci piano non fa altro che accrescere fin troppo rapidamente l’affetto reciproco che li lega.
Mentre vivono questa nuova relazione, Spencer teme che Andrew darà di matto nell’apprendere che ha accettato un nuovo incarico. Ben presto, però, scopre non solo che si tratta di un lavoro insolito, ma che le cose non sono nemmeno come sembrano. Quando tutto prende una piega inaspettata, Spencer e Andrew uniscono le forze per aiutare il nuovo cliente e dovranno anche decidere se sono pronti a fare un ulteriore passo avanti.


Recensione in Anteprima: 

16830304_1282588828490443_665215861_n4b4f7b011bfba2617d2fcdb8d1421d49

Ve li ricordate? Sì, sono sempre loro … Spencer e Andrew, i protagonisti di una serie di romanzi targata Triskell e firmati dalla mente geniale di N.R. Walker.
Vi ho già parlato, in precedenza, del primo romanzo della serie ma in questo secondo capitolo, signori e signore, si entra finalmente nel vivo! In TUTTI i sensi (sì, avete capito bene!).

L’ambientazione è quella che già conosciamo: una Los Angeles che vede un’alternanza costante e mai snervante tra appartamenti, locali e residenze più o meno già note.

In questo secondo romanzo, tuttavia, la relazione tra i due protagonisti entra nel vivo e, devo ammettere, nonostante io mi aspettassi uno sviluppo in quel senso, l’autrice, ancora una volta, si caratterizza per realismo ed eleganza e dona ai lettori ciò che avrebbero sempre desiderato e qualcosa in più.
Perché se, indubbiamente, la componente sensuale qui entra in gioco, e alla grande, vi è anche un approfondimento psicologico non indifferente che dona alla nostra coppia protagonista uno spessore e un affiatamento assolutamente meraviglioso.

Ad avermi convinto, sempre più, è il personaggio di Andrew (sì, sono assolutamente innamorata di questo ragazzo di carta! Lo adoro!): un uomo dall’aspetto nerd, dai toni pacati e riservati, dalla gestualità misurata che però nasconde un carattere forte, per nulla timido e assolutamente deciso e fermo nel suo modo di agire e parlare. Un insieme di contrasti che però non stridono tra loro ma, anzi, danno spessore e realismo ad un personaggio davvero stratosferico.

Dall’altro lato, Spencer fa un enorme passo avanti e cresce, ma non ancora del tutto. In questo secondo romanzo, è lui, nuovamente, la sola voce narrante ed è lui a portare il fardello di un passato per nulla facile che, ancora porta inevitabilmente strascichi sul presente. Ho ammirato però come l’autrice abbia dosato il suo aprirsi con Andrew senza accelerare il processo ma centellinandolo, come giusto che sia, lasciando che Spencer faccia un passo avanti ma non del tutto.

In questo senso, un aiuto lo si ha attraverso l’andamento e il ritmo pressoché quotidiano del filo narrativo: ci sono davvero pochi salti temporali e, quando si presentano, sono minimi quindi il lettore è spettatore di una pellicola, oserei dire, continua, di un film che si srotola davanti ai suoi occhi passo dopo passo, senza stacchi o brusche frenate.
Attorno alla coppia protagonista, i personaggi secondari prendono piano piano possesso di qualche angolo narrativo, rimanendo tuttavia sempre sullo sfondo. Sono presenze che però si sentono: offrono il loro supporto e sia gli amici di Spencer quanto la famiglia di Andrew danno quel tocco in più di completezza ad una storia davvero bellissima, dolce e delicata.

Ma, in conclusione, parliamo di quello che so, voi tutti volete sapere: ci siamo lasciati nel primo romanzo con Spencer e Andrew che, se vogliamo ben contare, arrivano a darsi un bacio e mezzo. Cosa accadrà in questo secondo capitolo? Beh … Non sta di certo a me dirvelo ma vi avviso:

Risultati immagini per OMG gif

Risultati immagini per OMG gif

Risultati immagini per so sexy gif

E dopo questo mio discorso, molto costruttivo, serio, edificante e prolisso … Vi saluto e vi dico: leggete Spencer Cohen 2, leggete la serie della Walker curata nel dettaglio in una veste fantastica (grazie Grace Di Salvo!) che rende giustizia anche al dialetto australiano che parla il nostro Cohen e che, nonostante la traduzione, non perde la sua particolarità e quel piccolo di stranezza.
Ora, vi avverto, sono già in attesa del terzo! Non vedo l’ora!

#GoodLuckWalker! #GoodLuckTriskell!

Rachel

© Rachel Sandman

Cinque volte in cui il mio migliore amico mi ha baciato: e quella volta che l’ho baciato prima io di Anna Martin – Recensione

Buongiorno!

Eccomi qui a raccontarvi una nuova storia, o meglio: vi racconto le mie impressioni e sensazioni su Cinque volte in cui il mio migliore amico mi ha baciato: e quella volta che l’ho baciato prima io (sì, è un titolo mooooolto lungo!).

Allora, qualche informazione iniziale è d’obbligo: ho avuto la possibilità di leggere il romanzo di Anna Martin grazie alla Triskell Edizioni, con cui collaboro ormai da parecchio.

Qui di seguito trovate la cover, la trama e poi, di seguito, la mia recensione. Come sempre, NON abbiate paura a commentare e a lasciare un segno del vostro passaggio qui sul blog! Mi raccomando!


cinque volte in cui il mio migliore amico mi ha baciato

Titolo: Cinque volte in cui il mio migliore amico mi ha baciato: e quella volta che l’ho baciato prima io

Autore: Anna Martin

Traduttore: Stefania Trivelloni

Prezzo: € 4,99 (Ebook)

Link d’acquisto: Amazon

Data d’uscita: 5 Giugno 2017

Editore: Triskell Edizioni

Collana: Rainbow

Trama: Quando capisci che vuoi sposare il tuo migliore amico all’età di sei anni la tua vita dovrebbe prendere una direzione ben precisa, vero? Ma forse no.
Da bambino, Evan King pensava che Scott Sparrow fosse la persona più incredibile che potesse esistere. A diciassette anni quella cotta si fa più intensa, e niente è più così semplice come prima. Scott sembra più interessato al football e alle ragazze che a giocare ai supereroi, e Evan concentra le sue energie per entrare alla scuola d’arte. Un bacio dato a tarda notte dopo qualche bicchiere di troppo è qualcosa che si dovrebbe dimenticare subito, non ossessionare per i dieci anni successivi.
Quando la vita improvvisamente li fa incontrare di nuovo, la passione di Evan nei confronti di Scott si riaccende, dimostrandogli che a volte la vita fa un giro davvero strano per completare il suo corso.


RECENSIONE: Cinque volte in cui il mio migliore amico mi ha baciato è un romanzo originale per struttura e stile narrativo.

Come ben chiarisce la stessa autrice al termine della storia, infatti, la sua scelta di NON raccontare gli eventi seguendo il normale ordine cronologico e inglobando il tutto nello schema 5+1 (raccontare, cioè, cinque episodi legati da un elemento comune che poi, nell’ultimo, appare con differenze e ribaltamenti) è un chiaro omaggio al mondo delle fan fiction da cui la stessa Anna Martin proviene.

Fatta questa premessa, a mio parere doverosa, vi racconto ora le sensazioni che ho provato leggendo questo che, senza ombra di dubbio, è un romanzo davvero particolare.

Le vicende sono interamente narrate dal punto di vista del protagonista, Evan. Se, questo fatto, da un lato rende ferma e costante una storyline che, non essendo presentata cronologicamente, appare un po’ caotica, dall’altro, tuttavia, lascia alcuni interrogativi.

Evan è tutto ciò che il lettore vuole e che si aspetta: è un personaggio coerente, schivo, introspettivo, tenero, protettivo.

Accanto a lui, però, la Martin inserisce Scott e … Accidenti, lo devo proprio ammettere: CAPIRE e apprezzare Scott è una vera impresa, un po’ come andare in spiaggia ad Agosto a metà mattina e aspettarsi di trovare facilmente sdraio e ombrellone.

Non fraintendetemi: la storia è dolce senza essere stucchevole, è matura, è intrigante. Solo il personaggio di Scott resta, secondo me, poco a fuoco e, personalmente, sono rimasta basita da alcuni suoi atteggiamenti e cambi di fronte. Forse, in questo particolare caso, il doppio punto di vista avrebbe aiutato il lettore a comprendere un personaggio che dovrebbe essere il coprotagonista e che resta, invece, troppo spesso ai margini a causa dei suoi atteggiamenti scostanti e di alcune frasi infelici.

In conclusione, devo dire che Anna Martin ha avuto coraggio: ha scelto di presentare una storia con qualche cliché di base e l’ha resa moderna e nuova, grazie ad una struttura che inizialmente sconvolge ma che, in seguito, inevitabilmente, avvolge e coinvolge.

Infine, un plauso va al capitolo centrale, quello relativo al primo bacio tra i due, e all’epilogo: sono questi due quadri che, presi singolarmente, spiccano per tenerezza, empatia, eleganza, coraggio e realismo.

Rachel

© Rachel Sandman

Prossime Uscite Triskell Edizioni – Segnalazioni

Buongiorno!

Oggi vi segnalo due nuovi titoli che saranno disponibili tra pochi giorni e che andranno ad arricchire il già numeroso catalogo Triskell Edizioni della collana Rainbow.

Pronti?


19 aprileTitolo: La scoperta di Daniel (The Enlightenment of Daniel)

Autore: Eli Easton

Traduttore: Francesca Bernini

Serie: Sex in Seattle Series #2

Prezzo: € 4,99 (Ebook)

Trama: Il magnate della finanza Daniel Derenzo vive per il lavoro, fino a che il padre morente gli ricorda quanto la vita sia breve. Quando comincia a guardarsi intorno con occhi nuovi, fa una scoperta sconvolgente: sebbene abbia sempre pensato di essere etero si sente attratto dal suo socio in affari e miglior amico Nick. Alla tipica maniera degli studenti più brillanti, disseziona i suoi nuovi desideri con l’aiuto degli esperti della clinica del sesso Expanded Horizons e punta Nick con la stessa feroce determinazione che gli ha fatto ottenere molti contratti d’affari. Nick era stato innamorato di Daniel anni prima, quando erano compagni di stanza al college. Ma Daniel era etero e Nick aveva rimesso insieme i pezzi del suo cuore infranto sposando Marcia. Due figli e quattordici anni dopo, il loro matrimonio si trascina stancamente come una nave alla deriva. I figli, però, sono tutto per lui e teme che in caso di divorzio non riuscirebbe mai a ottenerne la custodia congiunta. Se riuscirà ad affidare il suo cuore a un Daniel che si sta appena riscoprendo, forse tutti quanti potranno trovare la strada del loro “vissero per sempre felici e contenti”.

Data d’uscita: 19 Aprile 2017


24 aprileTitolo: Tu sei la ragione (You Are the Reason)

Autore: Renae Kaye

Traduttore: Karen Arreghini

Serie: The Tav #2

Prezzo: € 5,99

Trama: Davo è un ragazzo nella media. Ha un buon lavoro, una casa propria e passa i fine settimana al pub. Accetta completamente di essere gay, ma non vuole essere uno di quei gay effeminati. Gli piacciono il football, le altre attività maschili ed evita accuratamente tutto ciò che potrebbe essere considerato femminile, comprese le relazioni che durano più di quindici minuti. Un giorno, l’amico e idolo gay di Davo non solo trova un fidanzato, ma adotta perfino una bambina. Davo è profondamente sconvolto e corre al pub. È proprio lì che incontra Lee, una ragazza carina dai capelli color ciliegia, con un bel vestitino e un paio di scarpe rosse a punta. Davo ne è affascinato, ma com’è possibile? Lui è gay, no? Poi Lee gli confessa di essere in realtà un ragazzo a cui a volte piace indossare abiti da donna. Stravolto da quell’attrazione così bizzarra per lui e le sue idee, Davo inizia un lungo cammino che lo porterà ad accettare se stesso senza dare importanza a ciò che pensano gli altri.

Data d’uscita: 24 Aprile 2017


Buona lettura! E buona Pasquetta a tutti!

Good Luck Triskell!

Rachel

© Rachel Sandman

Conseguenze inaspettate di Abigail Roux – Recensione in Anteprima

 Buongiorno e buon lunedì!

Oggi, è con immenso piacere che vi presento, in anteprima, un nuovo romanzo edito dalla casa editrice Triskell Edizioni, all’interno della collana Rainbow.

Mi riferisco a Conseguenze inaspettate di Abigail Roux, una storia di amicizia, amore ed onore che è il primo appuntamento di una nuova serie, Sidewinder Series, disponibile a partire da oggi, 16 Gennaio 2017, in versione ebook.

Qui di seguito trovate tutte le infos, il link d’acquisto e, ovviamente, la mia recensione.


conseguenze-inaspettate

TITOLO: Conseguenze inaspettate (Shock & Awe)
AUTORE: Abigail Roux

SERIE: Sidewinder Serie #1

USCITA: 16 Gennaio 2017
PREZZO: € 2,99 (eBook) – € 11,00 (Cartaceo)
EDITORE: Triskell Edizioni


TRAMA: Dopo essere sopravvissuto per un pelo a una sparatoria a New Orleans, l’infermiere militare dei Sidewinder, Kelly Abbott, ha dovuto sopportare un mese di ricovero prima di poter tornare a casa in Colorado. Non si è sorpreso quando un altro Sidewinder, Nick O’Flaherty, gli è rimasto accanto durante la degenza a New Orleans, e neppure quando Nick ha deciso di tornare a casa con lui per aiutarlo a rimettersi in piedi. Dopotutto, anni passati nella stessa squadra delle Forze di Ricognizione dei Marines hanno creato tra loro un legame paragonabile solamente a quello tra fratelli. Si sorprende molto, però, quando Nick asseconda un suo momento di curiosità e lo bacia. Nick conosce ogni stranezza e ogni capriccio di Kelly, perciò un bacio non rappresenta un rischio… o così crede all’inizio.

Ma quello che sarebbe dovuto essere un semplice momento di curiosità, scatena delle emozioni e dei desideri confusi che nessuno dei due è pronto ad affrontare. Adesso, Kelly e Nick devono capire cosa sono l’uno per l’altro – amici e commilitoni, o qualcosa di più profondo? – prima che il passato torni per rovinare il loro tenue futuro.


RECENSIONE:

Partiamo da un fatto: non sono una lettrice accanita del genere m/m e non perché non ami le storie trattate ma perché temo sempre di imbattermi in romanzi stereotipati, eccessivi, forzati e a tratti ripetitivi, spinti da una moda del momento che, a ondate, coinvolge sempre più spesso rami diversi della letteratura contemporanea.

Poi la Triskell mi ha presentato questo romanzo e, non so cosa ma un QUALCOSA nella trama mi ha attirata, al punto da farmi avanti e da avere l’opportunità di leggere in anteprima Conseguenze inaspettate di Abigail Roux. L’inizio di un viaggio fantastico, sul serio.

Un plauso va, sin da subito, all’autrice che, in modo del tutto inaspettato, getta il lettore in una trama già in fase di svolgimento, con un inizio in medias res che se, nelle prime battute, lascia un po’ straniti, crea in realtà un gioco a ventaglio che si apre, piano piano, pagina dopo pagina, andando ad aggiungere dettagli più o meno utili e che vanno a riempire un quadro già di per sé ben costruito e assolutamente accattivante.

I protagonisti sono due: Kelly e Nick.

Kelly è forse il personaggio che, paragonato a Nick, rende meno. La sua natura un po’ duplice, incerta ma curiosa, titubante ma decisa, mi ha reso il paragone tra lui e un’altalena costante di emozioni fin troppo facile.

Nick è sicuramente il perno attorno cui ruota tutta la storia: la linea narrativa nel suo complesso e i personaggi secondari sono tutti attratti dalla sua indole forte e accomodante insieme.

Il legame che si viene a creare tra i due è davvero ben descritto: ricco di sfumature e raccontato dal punto di vista di entrambi, pervade l’intero romanzo toccando, capitolo dopo capitolo, tutte le varie accezioni che coinvolgono un rapporto tra due persone.

Quello che ho amato particolarmente in questo romanzo è lo scorrere fantastico dei dialoghi che scivola in tutta la narrazione in modo molto naturale e muta, in maniera a tratti impercettibile, smussandosi in alcuni angoli e accentuando alcuni lati. A mio parere è davvero ben reso.

Infine, una nota per tranquillizzare tutti: personalmente non ero a conoscenza del fatto che Conseguenze inaspettate fosse il primo romanzo di una serie spin-off, Sidewinder, legata ai romanzi di Armi e Bagagli, una delle serie più acclamate e longeve (penso che sia arrivata al nono libro in lingua originale). Detto questo, non abbiate nessun timore: potete leggere e apprezzare il libro anche senza aver letto l’altra serie. In Conseguenze inaspettate, come ho già accennato, tutto appare a tempo debito, senza eccessi o brusche virate, in un ritmico e incessante progredire verso un finale assolutamente perfetto.

Quindi … Non perdetevi questo libro! Non lasciatevi scappare la storia di Kelly e Nick!

#GoodLuckAbigail! #GoodLuckTriskell!

Rachel

© Rachel Sandman