Sempre e solo lei di Claire Kingsley – Recensione in Anteprima

Buonasera!

Esce oggi, 18 Luglio 2017, un nuovo romance edito dalla Quixote Edizioni. Si tratta di Sempre e solo lei di Claire Kingsley, di cui vi avevo parlato sia durante il Cover Reveal, sia durante la tappa del BlogTour con tanto di estratto.

Ma ora, è finalmente giunto il momento di parlarvi concretamente di questo romanzo.
Pronti?
Qui di seguito trovate tutte le infos, i link d’acquisto, la trama e la mia personale opinione.


Sempre e solo lei

Titolo: Sempre e solo lei
Autore: Claire Kingsley
Serie: Always #1
Edizioni: Quixote Edizioni

Prezzo: € 3,99 (Ebook)
Data d’uscita: 18 Luglio 2017

Trama: Il migliore amico di Kylie, Braxton, è l’uomo più bello che abbia mai conosciuto, con un corpo tonico e un sorriso che fa cadere le mutandine di ogni donna che incontra. Tranne Kylie. Circa. Kylie non vede l’ora di smettere di uscire con le persone sbagliate e di trovare quella giusta. Sebbene Braxton le tolga il respiro, sa che con lui sarebbero solo problemi. È solo un altro playboy, e lei è stanca di giocare. Ma Braxton non è l’uomo che pensa che sia. La ragione per cui si comporta così male con le donne è semplice: nessuna di quelle con cui sta è realmente quella che vuole. Nessuna di loro è Kylie. Braxton vorrebbe amare Kylie in ogni modo possibile, ma c’è sempre un ostacolo. Quindi rimane suo amico, guardandola frequentare uomini troppo stupidi per apprezzare quanto lei sia speciale, sempre preoccupato che il prossimo non lo sarà. Il prossimo sarà l’uomo che gliela porterà via per sempre. Amare Kylie vorrebbe dire rischiare di rovinare per sempre loro amicizia, ma perderla potrebbe essere più di quanto Braxton sia in grado di sopportare.


Recensione: Amate le storie che coprono anni di relazione? Amate i legami travagliati tra migliori amici? Amate le storie che si leggono tutte d’un fiato, con un sali scendi di emozioni che conducono, con verve e sensualità, il lettore al sospirato lieto fine?
Bene, se avete risposto in modo affermativo alle domande qui sopra, NON potete perdervi Sempre e solo lei di Claire Kingsley, edito dalla Quixote Edizioni (che ringrazio, qui, sia per avermi permesso di partecipare al Blog Tour che ruota attorno a questo titolo sia per la copia digitale).

Non potete assolutamente perdervelo perché, nonostante la prima parte mi abbia ricordato per schema, tematiche ed evoluzione il forse a voi noto Dream – Patto d’amore di Karina Halle, in seguito questa storia acquista forza, personalità e originalità.

Lo schema è il classico triangolo composto da fratello, sorella e migliore amica. Nonostante i tre formino un trio ben oliato (almeno all’apparenza), in realtà i loro rapporti sono molto complessi, intimi e articolati.

La figura preponderante dell’intero romanzo è, senza ombra di dubbio, Braxton. Massiccio, fisicamente imponente, nasconde un animo non fragile ma molto dolce e comprensivo: sulle sue spalle grava il peso del lutto dei genitori e l’amore sconfinato per la gemella, Selene (personaggio che, nonostante il finale, nonostante il ruolo da protagonista che avrà nella prossima storia della serie, ho odiato fino al midollo).
Accanto a una figura così totalizzante non poteva che esserci una donna altrettanto completa e piena di contenuti: l’autrice è stata bravissima a creare il personaggio di Kylie in modo terribilmente umano ma, allo stesso tempo, coerente e deciso.

La nota che però, permettetemi di dire, rende questo romanzo una storia DA LEGGERE è il tatto e la premura con cui Claire Kingsley ha reso il rapporto tra Braxton e Kylie. Il loro è un legame che, sin dalle prime battute, è una presenza quasi tangibile e concreta. Come ben spiega in una nota al termine del libro, l’autrice ha inserito quelle piccole note di intimità naturale, di cameratismo, di condivisione che non sono solo belle da leggere ma rendono il tutto un pacco non solo confezionato bene ma anche dal contenuto strepitoso.

Il fatto poi che la Kingsley abbia inserito veri e propri tasselli sparsi qua e là (la faccenda del caffé condiviso, ne vogliamo parlare? La naturalezza di quel gesto … Ho adorato quel pezzo!) senza dar loro peso ma raccontandoli così, come pietre levigate in un movimento incessante dello scorrere di un fiume, come parte naturale del tutto, donano alla storia una credibilità maggiore e totale.

Una nota va, inoltre, alla forma: la traduzione così come la forma sono due aspetti assolutamente curati e ben presentati (un plauso, dunque, al lavoro della casa editrice): nessun errore, nessun refuso hanno, ai miei occhi, intaccato la lettura. Cosa che, al giorno d’oggi, è ormai una rarità. Chapeau Quixote!

In conclusione, come ho già anticipato, non ho particolarmente apprezzato la figura di Selene, un po’ estrema, un po’ narcisista. Ciò non toglie, tuttavia, la mia enorme curiosità nei confronti del secondo romanzo della serie che ruoterà proprio attorno a lei: una storia che non viene minimamente accennata in questo romanzo e che quindi mi rende ancora più interessata a sapere e a conoscere dettagli sino ad ora rimasti nell’ombra sia della storia personale sia del carattere proprio di questo personaggio che, durante la lettura di Sempre e solo lei siete autorizzati a detestare (almeno un pochino!).

#GoodLuckClaire! #GoodLuckQuixote!

Rachel

© Rachel Sandman

 

Plugged di Jill Cooper – Segnalazione

Buonasera!
Oggi vi segnalo una nuova uscita targata Dunwich Edizioni. Si tratta di Plugged di Jill Cooper, il secondo capitolo della serie The Rewind Agency, disponibile da OGGI.

Qui di seguito trovate tutte le infos, la trama e i link d’acquisto.
Buona lettura!


Plugged Kindle.jpg

Titolo: Plugged
Serie: The Rewind Agency #2
Autore: Jill Cooper

Prezzo: € 3,99 (Ebook) – € 12,90 (Cartaceo)

Data di uscita: 17 luglio

Link di acquisto: Plugged (Ebook)


Trama: Lara Crane è bloccata nella sua mente, in un flusso di linee temporali dove la sua vita è perfetta, proprio come l’ha sempre desiderata. Ma non è reale. È stato tutto creato da coloro che vogliono usare i viaggi nel tempo per le loro ambizioni personali. Per portare a compimento i loro esperimenti e trasformarla in una mortale assassina temporale. Se Lara vuole sopravvivere e fermarli, dovrà rischiare di perdere la sua mente e la sua anima, e uscire da una prigione talmente perfetta da realizzare l’unico sogno che abbia mai avuto.

Infos sull’autore: Jill Cooper ama il tè più del caffè ed è ossessionata dall’idea di trovare la ricetta perfetta. È nata nel 1977 e ha diviso la stanza con sua sorella per diciotto anni. Ha sempre amato i misteri più oscuri ma anche le grandi commedie, così cerca di includere entrambi gli aspetti in tutto ciò che scrive, in un modo o nell’altro. Vive a Danvers, Massachusetts, con due gatti, un bambino, un marito e un taxi giallo del 1964. La sua vita è caotica, ma divertente.


#GoodLuckJill! #GoodLuckDunwich!

N.B. Se siete interessati alla serie ma vi siete persi il primo capitolo, ecco qui il link d’acquisto in cui trovate tutte le infos -> Quindici Minuti (The Rewind Agency Vol. 1).

Rachel

© Rachel Sandman

Non ricordo ma ti amo di Paola Garbarino – Recensione

Buongiorno!

Oggi, è con piacere che vi parlo di un libro che è nel mio kindle da parecchio (grazie alla generosità dell’autrice) e che, finalmente, sono riuscita a leggere. Oggi vi racconto Non ricordo ma ti amo di Paola Garbarino, un libro self made in Italy.
Qui di seguito trovate tutte le infos, il link d’acquisto, la trama e la mia opinione.

Buona lettura!


Non ricordo ma ti amo.jpg

Titolo: Non ricordo ma ti amo

Autore: Paola Garbarino

Prezzo:  € 2,99 (Ebook) – € 12,99 (Cartaceo)

Editore: Self Publishing

Trama: Cosa potrebbe succedere se un artista playboy si scontrasse con una giovane wonderwoman travestita da insegnante delle scuole medie?
William è così abituato alle ragazze che gli cadono ai piedi, che non può credere di essere stato brutalmente liquidato con battute al vetriolo da Luna, la coinquilina della sua ultima conquista di cui non ricorda neanche il nome. Resta talmente affascinato da lei da farla diventare la sua prossima scommessa. Comincia a raccogliere notizie e a cercare d’incontrarla con ogni pretesto, mentre Luna è determinata a non lasciar entrare nella propria vita un tipo come lui… ma William ha dei segreti che solo lei riesce a intravedere oltre quella maschera di superficialità e strafottenza e, inevitabilmente, ne rimane attratta. Forse anche per lui la scommessa non andrà come aveva previsto.
Ed è così che i sentimenti emergono oltre la scorza, l’attrazione può sfociare nell’amore.
Ma il destino sembra non essere ancora pronto per loro. William riapre gli occhi in un letto d’ospedale: non ricorda più nulla degli ultimi tre anni, nemmeno la ragazza con cui sta da più di un anno. Un brutto incidente in moto ha spezzato a metà il filo della sua vita, la sua vita con Luna.
Vale la pena cercare di ricordare e rivangare il passato o è meglio ricominciare da zero e costruirsi un nuovo futuro? Se siamo ciò che viviamo, ciò che abbiamo vissuto, chi diventiamo senza i nostri ricordi?

Una storia travolgente e divertente, commovente e romantica. Un amore che corre in bilico tra il passato e il presente, un dialogo aperto tra i due protagonisti William e Luna, che lentamente dovranno imparare di nuovo a conoscersi e ad amarsi.

Mi stringe fortissimo, affondando la faccia nel mio collo.
Restiamo così per un lungo momento, estemporaneo, mentre il temporale ricomincia, forte, i tuoni squassano il nostro silenzio ma fanno meno rumore del mio cuore.
Riprendo possesso del suo volto, lo ricopro di baci e lui resta lì a goderseli, con gli occhi socchiusi, bellissimo.
“Hai sempre detto che non ti piacevo.” sussurra, ancora con gli occhi serrati.
“E tu hai sempre detto che ero una bugiarda.”


Recensione: Non ricordo ma ti amo è un libro MERAVIGLIOSO. Penso, sul serio, che in questo romanzo Paola Garbarino si sia superata, creando una storia formata da una serie di tasselli emotivi comunemente conosciuti, incastrati a formare un puzzle dalle linee originali e uniche.

Ma, andiamo con ordine e partiamo dal principio.
Ho amato, sin da subito, le citazioni più o meno brevi che introducono ogni capitolo. Sono delle piccole tracce che, inizialmente, appaiono sfuocate ma che, leggendo le pagine a cui sono collegate, acquistano spessore e vita (al termine del libro, mi è venuto davvero voglia di conoscere questa graphic novel di Neil Gaiman dal titolo – ditemi voi se non è destino questo! – Sandman!).Kit Harington

In secondo luogo, la coppia protagonista è assolutamente reale e genuinamente tormentata. William, con il suo essere ombroso e playboy, pare essere uscito da un classico new adult pieno di cliché ma, leggete bene qui, il lato artistico e sensibile, che viene fuori nel suo lavoro, attraverso i suoi disegni, e il suo animo più autentico sono un tocco di eleganza che la Garbarino ha gestito con maestria mai stucchevole o eccessiva.Rose Leslie
Il personaggio di Luna, al contrario, parte con una descrizione dai tratti fragili e si irrobustisce piano piano, grazie sia allo sviluppo narrativo sia ad una maturazione che rende la protagonista di Non ricordo ma ti amo una delle ragazze di carta migliori dell’ultimo periodo.

In terzo piano, la scelta di narrare la storia con uno sfasamento temporale, con salti, ritorni e accelerazioni che mi hanno, da un lato, ricordato il mio amatissimo Emerald Gloom di Elle Caruso, ha reso la storia non solo originale ma tesa al punto giusto, in un costante bisogno di conoscere e sapere dettagli che si troncano, per poi tornare, più avanti, mai abbastanza presto ma sempre, a posteriori, al momento giusto.

Infine, la forma. Molti lettori e anche qualche blogger fuggono al solo sentir parlare di self perché li reputano prodotti non curati, o quanto meno non ai livelli dei romanzi editati da case editrici più o meno note. Io sono del parere, come sapete, che un romanzo è fatto dall’idea e dallo scrittore che pone le parole su carta e che poi, da solo o con aiuti (questo non è rilevante), riesce a limarlo sino alla (quasi) perfezione. Ecco, Paola Garbarino riesce in questa operazione difficilissima e lo fa con grazia ed eleganza, nonostante tratti tematiche forti come lutti, tradimenti e apparenti ossessioni. Non risparmia nulla, affonda il coltello in tutte le piaghe e ferite aperte dei suoi personaggi (e del lettore!) per farli riemergere poi, più forti di prima, un po’ come una fenice che risorge dalle proprie ceneri.

In conclusione, vi posso dire che leggere Paola Garbarino non è una passeggiata: non troverete mai la classica storiella che vi farà passare due orette in tranquillità, scordatevelo! Non ricordo ma ti amo è un sali scendi di vorticosi sentimenti che attorcigliano le viscere, fanno star male, vorrebbero portarti a urlare ma poi si fondono, a formare un finale degno di un film, in cui tutto viene spiegato, in cui tutto (anche ciò che meno avresti pensato di comprendere) acquista senso, in cui vorresti stringere la mano all’autrice per averti regalato una storia come quella di William e Luna.

N.B. Qui di seguito vi lascio un breve estratto, una riflessione che il protagonista, William, elabora nel corso del romanzo: Non ricordo ma ti amo non è solo un romance, è molto di più, e il pensiero sulla società in cui viviamo che vi propongo qui di seguito ne è la dimostrazione.
Buona lettura!

Siamo una generazione del cazzo, abituata alle cose veloci, da fast-food, convinta di essere forte, di saper volare, combattere mostri e trovare tesori, perché ci lobotomizzano coi videogame; illusi di poter comunicare in mille modi mentre invece ce ne restiamo al sicuro dietro lo schermo di un cellulare o di un pc; abbiamo perso il senso della realtà, dell’attesa, del mettersi in gioco, di rischiare il proprio cuore e metterci la faccia in prima persona. Odio i social network, tutti si fanno i cazzi di tutti ma in fondo non gliene frega niente di nessuno, si vive solo per facciata, si posta una foto solo perché sia piacizzabile, senza viverla, senza ricordare un benemerito nulla del posto o della persona. I Social sono delle arene peggiori di quelle dove i gladiatori si massacravano e sono vuote, false. Presto saremo recensibili con stellette da una a cinque e i nuovi reietti saranno gli impopolari, perderanno il diritto di voto, gli verrà negato l’accesso a determinate aree e non potranno ambire a certe cariche professionali. E io sarò uno di loro … 

Rachel

© Rachel Sandman

La piccola libreria dei cuori solitari di Annie Darling – Segnalazione

Buongiorno!

Oggi voglio parlarvi di un libro che ho scovato da sola: non me l’ha consigliato un’amica, né una casa editrice, né l’autore.
Non so se capita anche a voi ma, talvolta, gironzolando nel web, alcuni titoli e copertine saltano agli occhi anche del navigatore più distratto e attraggono.
Ecco … Questo è un po’ ciò che è successo a me con questo romanzo, La piccola libreria dei cuori solitari di Annie Darling, edito dalla casa editrice Sperling & Kupfer.

Qui di seguito trovate il link d’acquisto (in questo caso, di prenotazione), le infos, la trama e la cover che tanto mi è piaciuta!
Ovviamente … Attendo i vostri pareri in merito: commentate il post o piacciate l’articolo, se vi va.


51xf4NLk6yL._SY346_.jpg

Titolo: La piccola libreria dei cuori solitari

Autore: Annie Darling

Prezzo: € 9,99 (Ebook) – € 17,90 (Cartaceo)

Data d’uscita: 18 Luglio 2017

Editore: Sperling & Kupfer

Trama: Nel cuore di Londra c’è una piccola libreria chiamata Bookends. Per quanto vecchia e malandata, è sempre stata un fantastico mondo di storie e di sogni per Posy Morland, sin da quando era bambina. Fino a farle da casa e da famiglia. Ma ora che l’anziana proprietaria, Lavinia, è morta lasciandole in eredità il negozio, Posy si ritrova a fare i conti con la realtà insieme ai colleghi: restano solo pochi mesi per pagare i debiti, rilanciare la libreria e scongiurarne la chiusura. Posy avrebbe già un piano: farne il paradiso dei romanzi d’amore, il punto di riferimento per tutte le lettrici romantiche. Ma il nipote di Lavinia, Sebastian, imprenditore senza scrupoli, è convinto che puntare tutto sui gialli sia la strategia vincente sul mercato. Mentre tra i due la battaglia si fa sempre più accesa, Posy sfoga la propria collera nella scrittura. Pagina dopo pagina, intesse una trama di ambientazione ottocentesca dove tra i protagonisti – identici, guarda caso, a lei e Sebastian – scatta inaspettatamente la passione. E se la fantasia fosse già realtà? Nella vita, come nel romanzo, starà a Posy scegliere il finale.


Buona lettura!

Rachel

© Rachel Sandman

Il mio sbaglio più grande di Penelope Douglas – Recensione

Buongiorno.

Allora, oggi voglio parlarvi di una lettura che risale ormai a qualche settimana fa, Il mio sbaglio più grande, ovvero l’ultimo romanzo di Penelope Douglas che ho potuto leggere grazie alla Newton Compton Editori.

Chiarisco subito: ho dovuto attendere un po’ per scrivere il qui presente post perché questo romanzo mi ha completamente destabilizzato, seriamente.
Ma, vi assicuro, ora sono calma (più o meno) e posso garantirvi (forse) un minimo di coerenza per quanto riguarda la mia opinione sulla suddetta storia.

Come sempre, qui di seguito trovate il mio scatto, le infos con trama e link d’acquisto e la mia recensione o, per meglio dire, il mio personalissimo pensiero (si salvi chi può!).


Douglas

Titolo: Il mio sbaglio più grande (Corrupt)
Autore: Penelope Douglas
Serie: Devil’s Night Series #1
Prezzo: € 5,99 (Ebook)€ 8,42 (Cartaceo)
Data d’uscita: 10 Aprile 2017
Editore: Newton Compton Editori

Trama: Si chiama Michael Crist. È il fratello maggiore del mio ragazzo ed è come quei film dell’orrore che guardi coprendoti gli occhi. È bellissimo, forte, e assolutamente terrificante. Non mi vede neppure. Ma io l’ho notato. L’ho visto, l’ho sentito. Le cose che ha fatto, i misfatti che ha nascosto. E non so quanto ancora riuscirò a tenere segrete le cose che gli ho visto fare.
Si chiama Erika Fane, ma tutti la chiamano Rika. È la ragazza di mio fratello ed è sempre in giro per casa nostra, sempre a cena con noi. Riesco sempre a percepire la sua paura, e anche se non possiedo il suo corpo, so di avere la sua mente. È l’unica cosa che voglio. Almeno finché non andrà da sola al college. Nella mia città. Indifesa. L’occasione è incredibilmente allettante. Perché tre anni fa per colpa sua alcuni miei amici sono finiti in prigione, e ora sono usciti. Abbiamo aspettato. Siamo stati pazienti. E ora tutti i suoi incubi stanno per avverarsi.


Recensione: Attenzione, attenzione. Urge subito un chiarimento: per tutti coloro che hanno amato questo libro, davvero, vi chiedo scusa, ma qui troverete la mia personalissima opinione quindi, tranquillizzatevi, vogliamoci bene comunque e permettetemi di dire che, di nuovo, io NON riesco a capire le scelte narrative di Penelope Douglas.

Allora, non siamo ai livelli di sconcerto della storia di Jax e KC della Fall Away Series (di cui vi ho parlato qui) ma … Dannazione, perché, Douglas mi fai questo?
Respiro profondo …

Avete presente quando un libro vi prende sin dalle prime pagine e, nonostante alcuni dettagli che vanno un po’ interpretati e determinate scene leggermente fuori asse e fuoco, vi sentite coinvolti e non vedete l’ora di scoprire come finisce? Bene … A me è successo questo, leggendo Il mio più grande sbaglio, fino ad un certo punto.

Ho apprezzato, lo ammetto, il protagonista maschile perché, al pari di Bax di Bad Love della Crownover, Michael non si mostra mai per quello che non è, va dritto come un carro armato in discesa e non si preoccupa dell’opinione della gente, della sua famiglia, di nessuno. Semplicemente è se stesso e la Douglas, in questo, lo caratterizza perfettamente, in un’aura cupa e nera che non si dirada nemmeno nel finale, mai.

Ma la caratterizzazione della protagonista fa acqua da tutte le parti, accidenti!
Oltretutto, come si fa ad accettare una determinata scena (qui, chi ha letto, alla parola sauna mi capirà immediatamente) se questa è incastrata all’altezza del capitolo 25, ciò significa quasi alla fine, all’80% della lettura del libro in formato digitale? No, voi che avete amato questa storia, me lo dovete spiegare.

Perché tutta la coerenza e la potenza del sentimento che, indissolubilmente, lega i due protagonisti, in quel contesto decade, così come la personalità della protagonista che, da ragazza forte, deraglia, inevitabilmente, e appare come una crocerossina di dubbio gusto le cui scelte non avranno, assolutamente, conseguenze: basti pensare che, nel capitolo successivo a questa sciagura, lei è tutta serena e non si pone nemmeno il problema che possano esserci ripercussioni nei rapporti interpersonali dei protagonisti.

Sul serio? Ma dove siamo?

Douglas … Perché? Ma, volevi così male a Rika, alla tua protagonista, che l’hai completamente disintegrata, riducendo la sua spina dorsale al pari di una sogliola lessa? Ma … Veramente?
Pensare che hai delineato personaggi tosti e coerenti con il loro percorso quali Tate, Madoc, Jared e Fallon (detto tra noi, ragazzi, io devo ancora leggere Aflame, ovvero Odiami come io ti amo, ma ora sono terrorizzata! Non affossarmi Jared e Tate, Douglas, te ne prego!). Cosa ti è passato nella testa quando hai creato Rika? O meglio, perché diavolo l’hai dovuta abbassare al livello di una povera missionaria in cerca di una buona azione a cui sottomettersi?

Aiuto! Ragazzi, io ho sinceramente fatto fatica a terminare questo romanzo che, nonostante avesse tutte le premesse di portare alla ribalta una nuova coppia di protagonisti di carta di primo livello, crolla, inesorabilmente, nella parte finale che, sebbene suggellata da un epilogo dai tratti che, oserei dire, sono addirittura teneri rispetto a tutto il resto che lo circonda, non riesce a risollevare le sorti di una narrazione che ha subìto un blackout enorme a un metro dal traguardo.

Un vero peccato, secondo me. Un’occasione persa per un dark romance di entrare tra i miei libri preferiti e un ennesimo punto di domanda sulla Douglas che, ora, ho seriamente paura a leggere ancora!

Rassicuratemi sul finale della Fall Away Series se potete, vi prego!

Rachel

© Rachel Sandman

Pazzo di te di Cat Grant – Segnalazione

Buonasera!

Oggi, vi segnalo un libro che esce DOMANI grazie alla casa editrice Triskell, nella collana Rainbow che, come ormai saprete, raccoglie i romanzi m/m che noi tutti amiamo moltissimo.
Si tratta di Pazzo di te di Cat Grant, il terzo capitolo di Icon Men che, nonostante ciò, si può benissimo leggere da solo perché composta da una serie di libri AUTOCONCLUSIVI.

Se vi siete persi le prime due storie, vi lascio, qui di seguito, la trama e il link d’acquisto (che vi invito a usare, subito, perché sono davvero storie originali e ben scritte):

  1. La prima cosa vera -> Trama: Cameron è l’escort più richiesto di New York. Ha una sola regola: mai lasciar entrare nessuno. Ma quando adesca il pubblicitario Trevor Barclay al bar di un hotel, il sorriso timido dell’uomo e i suoi occhi verdi fanno dimenticare a Cameron tutte le sue regole.
    I loro incontri appassionati lasciano Cameron scosso, senza fiato… e innamorato per la prima volta nella sua vita.
    Ma come può dire a Trevor che il primo uomo con cui sta dopo sedici anni vende il proprio corpo per vivere?
    Prezzo Ebook: € 3,37 [IN PROMO!] – Prezzo Cartaceo: € 8,84 [IN PROMO!]
  2. Ogni notte -> Trama: Potete chiamarmi Mike, o Diva Michelle nei fine settimana, quando mi esibisco all’Icon, il bar che io e il mio amico Cameron gestiamo. Il fatto che io me ne vada in giro in abito da sera e tacchi alti non fa di me una femminuccia, però. Ho il corpo, i sentimenti e i desideri di un uomo. E per di più un uomo che sa quel che vuole: ovvero Ryan.
    Un solo sguardo al nostro nuovo impiegato, con quel suo bel fisico e il faccino da ragazzo della porta accanto, e mi sono subito innamorato perdutamente di lui. Mi ha spezzato il cuore ogni volta che mi ha rifiutato… finché una notte non è finito tra le mie braccia, alla ricerca disperata di quel conforto che soltanto io posso dargli.
    Ogni notte la nostra passione brucia tra le coperte, ma Ryan nasconde qualcosa. È stato ferito nel passato, e porta cicatrici sia fuori che dentro di sé. Non mi permette di raggiungere quella sua parte segreta. Vorrei dargli tutto, ma se non riesce a fidarsi di me e a parlarmi dei dolori del suo passato, che speranza può mai esserci per il futuro?
    Prezzo Ebook: € 3,37 [IN PROMO!] – Prezzo Cartaceo: € 10,40

Ma ora … Veniamo finalmente a Pazzo di te, la nuova uscita, disponibile da domani, 5 Luglio 2017.


Pazzo di te

Titolo: Pazzo di te (A fool for you)

Autore: Cat Grant

Traduttore: Grazia Di Salvo

Serie: Icon Men #3

Prezzo: € 3,99 (Ebook)

Editore: Triskell Edizioni

Collana: Rainbow

Trama: Chase “Sexy” Aubrey suona la chitarra blues come nessuno ha mai fatto. A Brian Barclay, tastierista ventenne, è bastato assistere alle sue esibizioni nei nightclub di New York per rimanerne affascinato.
Brian, però, è fedele al suo ragazzo Kit… almeno finché lui non lo tradisce e non gli ruba tutte le canzoni che hanno scritto insieme. Senza un posto dove andare, Brian corre da suo padre, divorziato, che vive con il partner, Cameron, ma la tensione tra padre e figlio è evidente.
Brian ha bisogno di un amico e Chase è perfetto per il ruolo, così come per aiutarlo a scaldare le lenzuola. La passione tra i due è rovente, finché Brian non scopre il passato che Chase tiene nascosto e da cui scappa da anni.
E quando il passato minaccia il presente, Brian non può fare a meno di chiedersi se l’amore della sua vita si sia preso gioco di lui.


Buona lettura!

Rachel

 © Rachel Sandman

BlogTour & Giveaway – Sempre e solo lei di Claire Kingsley

banner.jpg

Buongiorno!

Oggi il blog apre la giornata con un BlogTour davvero scoppiettante, con annesso giveaway. Allora, questa è solo la prima di un vero e proprio viaggio alla scoperta di Sempre e solo lei di Claire Kingsley, romanzo edito da Quixote Edizioni di cui, qui, troverete un primo estratto.

Se vi siete persi il Cover Reveal con annesse tutte le infos, vi invito a cliccare sul link e a rimirare la copertina scelta dalla casa editrice (non male, vero?).

Ma ora, veniamo al sodo e, dopo la trama, troverete qui l’estratto che vi invita all’interno del mondo creato dalla Kingsley.
Buona lettura!

Trama: Il migliore amico di Kylie, Braxton, è l’uomo più bello che abbia mai conosciuto, con un corpo tonico e un sorriso che fa cadere le mutandine di ogni donna che incontra. Tranne Kylie. Circa. Kylie non vede l’ora di smettere di uscire con le persone sbagliate e di trovare quella giusta. Sebbene Braxton le tolga il respiro, sa che con lui sarebbero solo problemi. È solo un altro playboy, e lei è stanca di giocare. Ma Braxton non è l’uomo che pensa che sia. La ragione per cui si comporta così male con le donne è semplice: nessuna di quelle con cui sta è realmente quella che vuole. Nessuna di loro è Kylie. Braxton vorrebbe amare Kylie in ogni modo possibile, ma c’è sempre un ostacolo. Quindi rimane suo amico, guardandola frequentare uomini troppo stupidi per apprezzare quanto lei sia speciale, sempre preoccupato che il prossimo non lo sarà. Il prossimo sarà l’uomo che gliela porterà via per sempre. Amare Kylie vorrebbe dire rischiare di rovinare per sempre loro amicizia, ma perderla potrebbe essere più di quanto Braxton sia in grado di sopportare.

Estratto:

«Buongiorno, signore,» dice Braxton.
Come cazzo fa a essere così allegro di prima mattina? Non ha bevuto da far schifo anche lui, ieri sera?
«Ciao,» dico senza sforzarmi di fingere entusiasmo mattutino, più di quanto mi sia sforzata di fingere un orgasmo ieri sera.
Braxton viene in cucina, oltrepassando Dylan come se non esistesse, prende il mio caffè e ne beve un sorso.
«Sembri uno straccio.»
«Grazie,» dico calcando bene il sarcasmo.
«Dico solo quello che vedo.»
«Ha le palle blu al femminile,» dice Selene da sopra le spalle. Mi cade la mascella e Braxton inarca un sopracciglio.
«Che cazzo?» esclama Dylan.
Braxton ride e lo guarda. «Credo che fosse il tuo segnale d’uscita, omaccione.» Si volta velocemente verso di me, con una vaga ombra di dubbio sul viso. Con quella battuta è arrivato pericolosamente vicino a rompere il nostro patto, e lo sa.
Sollevo un angolo della bocca in un sorrisetto. Ha piegato la regola, ma non l’ha spezzata. Uno da una pessima botta e via non deve essere protetto da lui. Rivolgo lo sguardo verso Dylan e gli indico la porta con un cenno della testa.
«Ci vediamo,» dico.
Dylan assume un’espressione come se volesse provare a difendere la propria virilità, ma si limita a prendere il maglione e se ne va.
Quando la porta si chiude, grugnisco e mi porto una mano alla fronte. «Cosa c’è di sbagliato in me? Seriamente, quel tipo? Selene, perché mi hai fatto fare una cosa del genere? Avresti dovuto fermarmi.»
«Eri oltre il punto di non ritorno, ieri sera,» risponde. «Detto questo, penso che tu abbia ragione. Non avrei dovuto permetterti di farlo. Non è come se tu avessi ottenuto qualcosa di buono. Solo frustrazione.»
«Sei ancora… frustrata?» chiede Braxton inarcando un sopracciglio. Sento un fremito nello stomaco che finisce dritto tra le mie gambe e ricomincio a pulsare. «Sto bene.»
«Vai e pensaci tu,» dice Selene. «Accendo la TV così non ti sentiremo se fai rumore.»
«Dio, Selene, sei seria?» chiedo. «Non ho nessuna intenzione di pensarci con voi seduti qua fuori.»
Selene ride. «Oh, dai, siamo noi. Abbiamo tutti quanti sentito uno degli altri due far sesso, a un certo punto. Posso sopravvivere. E Braxton è mio fratello, quindi è veramente nauseante.»
«Non mi hai mai sentito fare sesso,» dice Braxton.
«Uhm, stai scherzando? Ma certo che ti ho sentito.»
«Quando?»
«Troppe volte per mettermi a contarle,» risponde. «Sin dal liceo. Portavi sempre a casa quella stessa ragazza.»
Braxton ride. «Le cose dell’adolescenza non contano. Gli adolescenti sono imbranati e idioti.» Mi sorride. «Beh, io non lo ero. Ma ero più rumoroso di quanto fosse necessario.»
Roteo gli occhi. «Sono sicura che sei stato fantastico dalla prima volta.»
Scrolla le spalle. «È così.»
Non so perché, ma non ne dubito.
«Capisco di aver iniziato io, ma possiamo smettere di parlare di Braxton e di sesso?» chiede Selene.
Braxton si siede su uno sgabello e beve un altro sorso del mio caffè, poi me lo porge nuovamente. «Perché? A me piace parlare di me e del sesso.»
«Se non la smetti, inizierò a parlare di me e del sesso,» rimarca lei.
La fissa. «Touché.» Poi rivolge il suo sguardo bollente verso di me. «E tu, Ky? Hai bisogno che ti aiuti ad alleviare la tensione? Scommetto che posso farcela in dieci secondi netti.» Si lecca le labbra e le sue dita hanno un breve spasmo.
Trattengo appena il fiato e bevo un po’ di caffè per nascondere l’improvviso brivido che mi percorre la schiena. «No, sto bene così.»
«Sicura?» dice con un sorrisetto.
I nostri sguardi rimangono incatenati per un lungo momento e mentirei se dicessi di non essere tentata. Un pochino. Ma solo perché sono così eccitata, e sono abbastanza sicura che potrebbe veramente metterci dieci secondi netti.
Poi vedo la faccia di Selene. Sta guardando il fratello nello stesso modo in cui l’ultima ragazza di Braxton guardava me. Sguardo omicida.

Troverete altri estratti, nel corso della giornata, sui blog M/M e dintorniLe Fiamme di PompeiNali’s Shelter e bookstoread.

Vi ricordo, inoltre, che il BlogTour non finisce qui, anzi:

  1. Estratto – 4 Luglio 2017
  2. Personaggi – 11 Luglio 2017
  3. Recensione – 18 Luglio 2017 [giorno dell’uscita]
  4. Citazione con Teaser – 25 Luglio 2017
  5. Intervista – 1 Agosto 2017

Ed infine … Vi lascio, qui di seguito, il link con il modulo da compilare per partecipare al GIVEAWAY organizzato grazie alla Quixote Edizioni: un fortunato vincitore si porterà a casa un pacco contenente una copia cartacea di Sempre e solo lei più un braccialetto con i charms (che potete vedere nella foto, lassù in alto).

Le regole sono le seguenti:
– Mettere mi piace alla pagina Quixote Edizioni;
– Mettere mi piace alla pagina dell’Autrice (QUI);
– Condividere il post del blog sul proprio profilo Facebook;
– Diventare Lettore Fisso del mio blog.
Il Giveaway sarà attivo da oggi 4 Luglio fino al 1 Agosto. Il vincitore verrà annunciato sulla pagina Facebook della Quixote Edizioni il 2 Agosto.

Seguite il link per completare la partecipazione al #Giveaway -> a Rafflecopter giveaway … E #GoodLuck!

Rachel

© Rachel Sandman

La partita vincente di Kristen Callihan – Recensione in Anteprima

Buonasera!

Finalmente, posso parlarvi, in anteprima, del primo romanzo edito dalla Always Publishing (e la ringrazio ancora per la copia ebook) che troverete disponibile da OGGI in formato digitale e cartaceo: La partita vincente di Kristen Callihan, il primo libro della Game On Series che, ci tengo a sottolineare, è assolutamente autoconclusivo (ogni libro racconta, infatti, la storia di una coppia differente).

In questo post troverete quindi, come ormai dovreste essere abituati, le varie infos, il mio scatto, la trama e la mia personale opinione.
Vi invito, se interessati, a utilizzare i link d’acquisto inseriti nell’articolo, in modo da rendere la mia affiliazione alla piattaforma Amazon un tantino più concreta e a supportare, di conseguenza, il mio piccolo angolo digitale.

Detto questo … Buona lettura!


la partita

Titolo: La partita vincente (The Hook Up)
Autore: Kristen Callihan
Serie: Game On #1
Data d’uscita: 3 Luglio 2017 (oggi!)
Prezzo: € 13,90 (Cartaceo) – € 5,99 (Ebook)
Editore: Always Publishing

Trama: Anna Jones è determinata a finire il college per scrollarsi di dosso le insicurezze dell’adolescenza e riuscire, finalmente, a trovare la sua strada nella vita. Nessuna distrazione, tanto impegno e un solo proposito: tenere alla larga il quarterback superstar del college che continua a lanciarle sguardi infuocati a la attrae disperatamente. Drew Baylor ha un luminoso futuro davanti a sé: quarterback di talento per un college prestigioso, è pronto al grande salto verso l’NFL. La notorietà, dentro e fuori dal campus, è parte di lui, anche se l’affascinante QB non sembra darci troppo peso. Ma non avrebbe mai pensato di incontrare, o peggio, di perdere la testa, per l’unica persona che sembra infastidita e intollerante alla sua fama. Una stella del football come Drew Baylor certamente sa come vincere una partita, ma riuscirà, a colpi di incontri bollenti, tanta dolcezza e perseveranza, a segnare il punto della vittoria nel cuore della sua irriverente Jones?


Recensione: Lo ammetto, mi sono avvicinata al romanzo con aspettative ma anche molti dubbi e qualche perplessità perché, parliamoci chiaro, ogni volta che un libro è un successone acclamato all’estero, io lo leggo e ne rimango, molto spesso, delusa e completamente indifferente.
Quindi La partita vincente di Kristen Callihan rischiava, davvero, di diventare l’ennesimo tassello in quel puzzle di libri dalle grandi promesse non mantenute: una sorta di tanto fumo, poco arrosto, non so se ho reso l’idea.

Ho iniziato a leggere questo new adult in modo distaccato e, cosa vi devo dire, ho passato always publishingdue giorni interi a girovagare per casa con il kindle perennemente acceso (grazie al cielo, la carica delle batterie è duratura): per una volta, quindi, le americane hanno tutta la mia comprensione e posso dire, ufficialmente, che Drew Baylor è un gran bel pezzo di personaggio di carta.

Ma La partita vincente si limita a questo: un protagonista carismatico che tanto mi ha ricordato i personaggi dei romanzi di Elle Kennedy con la sola differenza che, al posto dell’hockey, qui si tratta di football americano?
Vi assicuro … No! Il romanzo della Callihan racconta una storia che, a differenza di molti new adult usciti in questo periodo, privi di spina dorsale e sequenze narrative di rilievo, ha una trama solita, una coppia protagonista non banale (e con cui, devo dire, sono davvero entrata in empatia) e delle svolte ben orchestrate, tanto che ogni capitolo si ricollega all’altro in una corsa a catena che, seriamente, non vi farà posare il libro fino al tanto sospirato finale.

Ho apprezzato, ancora più di Drew forse, la figura di Anna Jones: ragazza di origini Anna Jonesirlandesi e italiane, americana del Sud, porta avanti un femminismo assolutamente moderno e una vena ironica mai stucchevole e banale. Inoltre, lo devo ammettere: mi sono rivista un sacco in tutte le sue paturnie e tentennamenti perché, ovvio, nella storia ad un certo punto ti verrebbe una gran voglia di tirarle la palla ovale in faccia per quanto è chiusa e piena di quelle che (posso dirlo?) non sono altro se non pippe mentali di prima classe … Ma io, personalmente, l’ho trovata ancora più reale, autentica e fantastica proprio per queste sue imperfezioni.

Drew è il quaterback della squadra del college. Bisogna aggiungere altro? Devo fare, qui, un plauso alla Always Publishing perché, caso più unico che raro in Italia, il modello che hanno scelto per la cover della loro prima uscita è davvero adatto e simile alla descrizione del protagonista (quindi, grazie mille per queste gioie!). Inoltre, un grazie nfl thanksgivinganche per aver fornito, prima ancora che inizi il romanzo, una lista di termini tecnici che hanno permesso anche a una come la sottoscritta (che conosce il football solo attraverso film quali Le riserve con Keanu Reeves e Il sapore della vittoria con Denzel Washington e un giovanissimo Ryan Gosling) di apprezzare e cogliere tutte le battute e le sfumature che, da ignorante in materia, non avrebbe mai potuto comprendere.

teaser

In conclusione, una nota finale va ai personaggi secondari. Oltre infatti ad una trama che si regge da sola, ricca di sali scendi e accattivante, oltre ad una copia protagonista di tutto rispetto e assolutamente a fuoco e di spessore, ci sono loro: i compagni di squadra di Drew che, sin da questo primo romanzo, promettono faville per quelle che saranno le storie che li vedranno protagonisti e che, sinceramente, non vedo davvero l’ora di leggere (Always Publishing, ti prego, non farmi attendere troppo!).
Quindi, se cercate una lettura che vi appassioni e vi faccia immergere completamente nella sua storia e nel suo mondo … Non perdetevi La partita vincente!

#GoodLuckKristen! #GoodLuckAlwaysPublishing!

Rachel

© Rachel Sandman

Non avrai segreti di Penelope Ward – Segnalazione

Buongiorno!

Oggi, è con piacere che vi segnalo l’uscita di Non avrai segreti di Penelope Ward, un nuovo romanzo edito dalla casa editrice Tre60.

Qui di seguito potete trovare tutte le infos relative al libro, la cover, la trama e un breve estratto.

Buona lettura!


Non avrai segreti

Titolo: Non avrai segreti (Stepbrother Dearest)

Autore: Penelope Ward

Traduzione: Ilaria Katerinov

Prezzo: € 16,40 (Cartaceo) – € 7,99 (Ebook)
Link d’acquisto: Amazon

Data d’uscita: 29 Giugno 2017

Editore: Tre60

Trama: Sin dal loro primo incontro, l’attrazione tra Elec e Greta è irresistibile. Ma se lei è dolce e gentile, lui si comporta in modo stranamente scontroso e aggressivo. Greta però non riesce a smettere di cercarlo: è sicura che sotto quella corazza di tatuaggi e muscoli lui nasconda un cuore tenero e che, dietro il suo sguardo glaciale, ci sia un desiderio feroce, capace di portarla all’estasi. Quando finalmente Greta riesce a conquistarlo, provando sensazioni a lei sconosciute sino a quel momento, una questione famigliare costringe Elec a tornare in California… Dopo sette anni, Elec e Greta s’incontrano ancora. Lei si è ricostruita una vita, mettendo da parte i sentimenti che l’hanno tenuta a lungo legata a lui. Lui ha una nuova compagna di cui sembra essere sinceramente innamorato. Ma è davvero tutto cambiato? Quando un brivido le percorre la schiena, Greta ha un cattivo presentimento: il suo cuore sta per spezzarsi ancora …

Infos sull’autrice: Penelope Ward è nata e cresciuta a Boston. I suoi romanzi sono una presenza fissa ai primi posti delle classifiche del New York Times, di USA Today e del Wall Street Journal. Quando non scrive, ama dedicare il suo tempo alla lettura, alla famiglia, agli amici e al relax con una buona tazza di caffè. Attualmente vive nel Rhode Island, con il marito e i suoi due figli.


Estratto: 

Aspettavo nervosa alla finestra del salotto, appannata dal freddo. Da un momento all’altro la Volvo station wagon di Randy avrebbe imboccato il vialetto.
Era andato all’aeroporto di Boston Logan a prendere suo figlio Elec, che avrebbe abitato con noi per un anno mentre la madre era via per lavoro.
Randy e mia madre Sarah erano sposati soltanto da un paio d’anni. Andavo abbastanza d’accordo con il mio patrigno, ma non direi che fossimo molto uniti.
Ecco il poco che sapevo del passato di Randy: l’ex moglie, Pilar, era un’artista originaria dell’Ecuador che viveva dalle parti di San Francisco, e secondo Randy era troppo permissiva con il figlio, che era una specie di punk pieno di tatuaggi.
Non conoscevo il mio fratellastro: avevo visto solo una vecchia foto, scattata poco prima che Randy sposasse mia madre. A giudicare dalla foto, aveva ereditato i capelli scuri e la pelle abbronzata dalla madre sudamericana, ma aveva gli occhi chiari e i lineamenti delicati di Randy …

Ispira anche a voi, non è vero?

Beh … Non vi resta che tuffarvi in questa nuova lettura, disponibile da OGGI in tutte le librerie e in formato digitale!

Rachel

© Rachel Sandman

Maison Rouge di Pasquale Capraro – Recensione

Buongiorno!

Oggi, grazie a Saper Scrivere, ho il piacere di parlarvi di una mia recente lettura: si tratta di Maison Rouge, un romanzo scritto da Pasquale Capraro ed edito da Astro Edizioni.

Se il titolo vi incuriosisce, se siete interessati a sapere la mia opinione o se volete conoscere tutte le infos e i dettagli di questo libro … Scorrete il post e poi, come sempre, ricordatevi di lasciare un segno del vostro passaggio sul blog!

Buona lettura!


Maison Rouge

Titolo: Maison Rouge

Autore: Pasquale Capraro

Prezzo: € 1,99 (Ebook)

Link d’acquisto: Amazon

Data d’uscita: 10 Marzo 2017

Editore: Astro Edizioni

Trama: Nella Parigi di fine Ottocento, in pieno clima bohémien, Amélie, una ragazza di campagna, giunge in città dopo essere stata notata da Madame Claire, durante una permanenza in Provenza.
Colpita dalla sua avvenenza, la donna le propone di trasferirsi a Parigi come domestica. Lì, la giovane scopre che la signora è anche tenutaria della “Maison Rouge”, un bordello di lusso.
Nel giorno del suo diciottesimo compleanno, la maîtresse Madame Claire, la introduce nella maison e la fanciulla conosce Gilbert, un affascinante borghese. Tra i due nasce l’amore, ma le convenzioni sociali del tempo e la differenza di ceto impediscono agli innamorati di vivere la loro storia. Il destino da cortigiana di Amélie l’attende …


RECENSIONE: Maison Rouge è, prima di essere un romanzo, un quadro, uno scorcio, una fotografia di un’epoca lontana, ma non così tanto forse, che prende vita attraverso i vari capitoli che scivolano davanti allo sguardo del lettore, come diapositive incastrate in un meccanismo cadenzato.

La descrizione e l’abilità dell’autore di trasformare le parole in pennellate dense e nette sono i punti forti della storia.

Ho trovato la prima parte, devo dire, poco empatica e, a tratti, eccessivamente statica: in essa spopolano le ambientazioni, i costumi, i profumi, a discapito degli stessi personaggi.

Ad un certo punto, lo devo ammettere, la mia attenzione era focalizzata sullo sfondo, sulle personalità degli artisti che appaiono qua e là, sui suoni del Moulin Rouge, piuttosto che sul reale filo conduttore del romanzo, sulla storia principale, sulle vicende legate ad Amélie.

Ad un tratto, tuttavia, grazie ad uno sviluppo di intrighi e pathos crescente, la narrazione prende vita e spiega le ali in una seconda metà di romanzo molto più veloce, accattivante, coinvolgente.

I vari piani narrativi che, inizialmente, si sovrappongono, scivolano ora uno sull’altro incastrandosi alla perfezione e creando una figura nuova che diventa davvero preponderante e che mette in ombra tutto il resto.

Lo stile dell’autore è limpido, chiaro e, nonostante ambienti molte scene in luoghi poco raccomandabili (la Maison Rouge, su tutti), non cade mai nel volgare né, devo dire, nel banale: non aspettatevi quindi scene oltremodo sensuali o dal tono spiccatamente succinto perché non troverete nulla di tutto ciò nel libro.

In conclusione devo ammettere che Maison Rouge è un romanzo dalla grande ricchezza di caratteri e spunti, in cui personalmente ho amato i riferimenti a Toulouse-Lautrec e al mondo delle danze e dello sfarzo del Moulin Rouge, ho adorato l’ammassarsi scomposto dei pittori più o meno affermati della belle époque e ho apprezzato, moltissimo, la svolta di mistero e suspense che ha saputo rendere accattivante una trama che avrebbe rischiato di accartocciarsi su se stessa e che invece si apre con svolte decisamente impensabili.

Chapeau!

Rachel

© Rachel Sandman