Tutta colpa delle meduse di Ali Benjamin – Segnalazione

Buonasera!

Oggi, vi invito davvero a leggere con attenzione questo post, non tanto per l’articolo in sé ma per il libro oggetto della segnalazione: si tratta di Tutta colpa delle meduse di Ali Benjamin, un romanzo edito dalla casa editrice Il Castoro.

La critica lo ha celebrato con recensioni a cinque stelle e non ha esitato a definirlo “un capolavoro”. È un romanzo best seller del New York Timesfinalista al National Book Award“Miglior libro dell’anno per Publishers’ WeeklyTime MagazineAmazon e Booklist, tradotto in 20 lingue e diventerà presto un film. Cuore del romanzo, il tema della perdita e del lutto affrontato attraverso uno straordinario racconto umano di resilienza e di ostinazione a vivere. Voce narrante la piccola Suzy Swanson, protagonista indimenticabile di una storia che lascia il segno.
Qui di seguito trovate tutte le infos e i dati relativi (compresa la data d’uscita che vi invito a segnarvi sul calendario) a Tutta colpa delle meduse, insieme alla trama e alla cover.
Buona lettura!

Tutta colpa delle meduse.png

Titolo: Tutta colpa delle meduse
Autore: Ali Benjamin
Traduttore: Alessandra Orcese

Data d’uscita: 21 Settembre 2017

Prezzo: € 13,50 (Cartaceo)

Editore: Il Castoro

Età di lettura: dai 12 anni

Trama: Suzy Swanson sa un sacco di cose che gli altri non sanno. Sa che ogni anno sulla Terra 150 milioni di persone vengono punte da una medusa. Sa quanto dormono le formiche ogni giorno. Ma, soprattutto, sa di avere fatto una cattiveria tremenda alla sua ex migliore amica, Franny Jackson. E vorrebbe tanto poter rimediare. Però sa anche che è impossibile, perché la vita di Franny è stata spezzata all’improvviso mentre nuotava nello splendido mare d’estate. Suzy non si dà pace e si convince che la causa sia stata la puntura di una rara medusa. Mentre decide di non parlare più fino a quando avrà dimostrato la sua teoria, Suzy comincia a guardarsi attorno con occhi diversi che le rivelano piccole sorprese e piccoli gesti, oltre all’amore e alla speranza di cui ha disperatamente bisogno per riuscire a perdonarsi.

Una storia commovente, poetica e ironica insieme, capace di parlare ai ragazzi come agli adulti, toccando delicatamente corde profonde. Una storia che resta scolpita dentro i cuori dei lettori.
Infos autore: ALI BENJAMIN è scrittrice e giornalista. È co-autrice di Positive, un libro che racconta la storia di Paige Rawl, adolescente sieropositiva, e di The Keeper, best seller del «New York Times» di Tim Howards. È membro della New England Science Writers. Vive nella campagna del Massachusetts con il marito, due figlie e un pastore australiano di nome Mollie. Tutta colpa delle meduse è nato dalla sua passione per il mondo della natura e per la scienza.

Allora … Che ne pensate? Lo leggerete? Lo comprerete ai vostri figli? Lasciate un commento qui, se vi va.

Rachel

© Rachel Sandman
Annunci

Logan di Veronica Scalmazzi – Recensione in Anteprima

Buonasera!

Allora, oggi, è finalmente arrivato il grande giorno: ho il piacere di parlarvi in anteprima del primo romanzo m/m scritto da Veronica Scalmazzi, self e disponibile da OGGI, 8 Settembre 2017!
In questo post ho il piacere di raccontarvi qualcosa sul chiacchieratissimo e attesissimo Logan.
Devo ammetterlo, ho iniziato ad adocchiare questo romanzo su FB, grazie a vari post che l’autrice ha abilmente disseminato con il contagocce e, attraverso brevi estratti, mi sono immediatamente innamorata della storia e del suo potenziale.

Ho avuto poi la fortuna di leggerlo in anteprima quindi … Grazie Veronica per avermi regalato questa storia! Grazie a voi là fuori che leggerete questa mia personale riflessione e, vi avviso: preparate le carte di credito e le prepagate, Logan sta arrivando ed lo trovate qui (cliccate! Adesso!).

Buona lettura e #GoodLuckVeronica! #GoodLuckLogan!


6tag_080917-103753

Titolo: Logan
Autore: Veronica Scalmazzi
Serie: Spin-Off Destini Incrociati #2
Autoconclusivo
Data d’uscita: 8 Settembre 2017
Prezzo: € 1,99 (Ebook) – € 8,94 (Cartaceo)
Editore: Self Publishing

Trama: Sono Logan Collins e sono sempre stato alle regole, ho vissuto la mia intera esistenza indossando una maschera. Mai mostrarsi, mai cedere alla voglia di essere me stesso, ma poi è arrivato lui e tutto è cambiato. Jay Carter ha sconvolto il mio lato nascosto, mi ha sfidato e ha preso a pugni le mie bugie. Ho lottato, giuro. Ma era un match già perso in partenza. Lui era la parte nascosta di me. La mia sfida più grande. E adesso siamo fuoco che divampa fra segreti e demoni del passato. L’incontro è iniziato, la sfida aperta.


Recensione: Sono in crisi totale, davvero.
Non so da che parte cominciare e, come mi capita spesso quando un libro mi piace, e parecchio, temo di non riuscire a rendere a pieno tutte le emozioni che mi hanno travolto quindi … Respiro, con calma e pazienza, un pensiero dopo l’altro, e inizio col dirvi: preparatevi, perché Logan di Veronica Scalmazzi è uno libro d’impatto.

Partiamo dal presupposto che il lettore si immerge nel libro con un inizio in medias res che non è solo potente e tangibile … È di più!
La prima scena, infatti, vi catapulterà, prima ancora di iniziare, in un’atmosfera fatta di odio e amore, tensione e passione, il tutto avvolto in una coltre di nubi davvero potente e magnetica. Quindi, sappiatelo, se la vostra reazione sarà simile alla mia, vi ritroverete alla fine del prologo, così:

Risultati immagini per OMG WOW gif

Poi … Solo in un secondo momento, conoscerete i due protagonisti e … Addio mondo, addio social, addio fidanzato immaginario o meno … Finirete a vegetare, a vagare per la casa con il kindle in mano senza possibilità di abbandonare questa storia fino al suo finale.

Logan è immenso: un ex pugile legato alla famiglia, agli amici, ai ragazzi che frequentano la sua palestra. È un personaggio concreto, senza fronzoli, completamente immerso nella società che vive e frequenta e che, a tratti, lo limita e lo condiziona. È un uomo perennemente in lotta, non solo con il mondo ma anche, e soprattutto, con se stesso.
Jay, al contrario, è colui che all’inizio sembra il classico bad boy con lo sguardo provocante, il sorriso sornione e l’atteggiamento da ‘Sono io e mi prendo ciò che voglio, quando voglio’. Ma … Ovviamente molto altro si cela dietro quell’atteggiamento da bullo: ferite profonde, un passato nascosto, dolore, rassegnazione, rimpianto.

Questi due insieme sono una delle migliori accoppiate lette nell’ultimo periodo: entrambi hanno un carattere forte incrinato da cicatrici più o meno visibili, entrambi sentono e respirano la tensione e l’attrazione che aleggia tra loro, entrambi sono gelosi marci, lasciatemelo dire.
La gelosia è uno degli aspetti che, durante lo svolgimento della storia, l’autrice ha sviscerato maggiormente e ha fatto proprio un ottimo lavoro: ogni scena è un tassello per la successiva e l’impulsività che regna, che sovrasta, molto spesso, il buon senso e il quieto vivere, dona originalità e tensione ad una narrazione già di per sé movimentata. Un’unica piccola pecca, forse, il non approfondire fino in fondo la questione legata ad un certo Brian: cioè, io mi aspettavo una vera e propria scena tra lui e Logan, ad un certo punto la pretendevo proprio!

Ma, chiariamo: se vi aspettate un classico romanzo in cui due si conoscono, si avvicinano, si innamorano, litigano e poi tornano insieme … Sbagliate di grosso!
Veronica Scalmazzi ha creato, davvero, una linea narrativa da montagne russe in cui impariamo a conoscere i personaggi quando loro, ormai, sono già vittime della passione che li governa, in un’unione che divampa, più volte nella trama, e che dà ai personaggi spessore, rendendo la relazione tra Logan e Jay realistica e, lo devo dire, molto molto molto HOT.
Risultati immagini per so hot gif

La componente sensuale e sessuale tra i due è resa in modo magistrale: mai una scena volgare, tutto ben dosato, tutto nel momento perfetto. Ma Logan non è solo questo!

In questo romanzo, come forse avrete già capito, ho trovato spessore psicologico, ho trovato accelerazioni e capovolgimenti narrativi che non mi sarei mai aspettata e che mi hanno lasciata (non solo letteralmente) a bocca aperta fino al finale … [N.B. Stavo per strangolarti, Veronica! Te lo dico qui, pubblicamente! Ma si fanno questi scherzi?]

Ragazzi, non potete capire. Logan e Jay vi faranno ridere, piangere, sognare ad occhi aperti e voi vi troverete, inevitabilmente, a fare il tifo e a supportare il club Mai una gioia vestendo i panni di una cheerleader fuori campo (come non condividere le uscite della cara Cassie?).

In conclusione, vi avverto: l’epilogo è uno dei più dolci mai letti, la perfetta chiusura del cerchio. Inoltre, è totalmente in linea con il percorso di maturazione attraverso cui sia Logan sia Jay passano e che li coinvolge su più linee portandoli tra frenate e accelerazioni inaspettate ad un epilogo che è già un aggancio a quella che, credo, sarà la storia che inizierete a bramare appena poserete il vostro kindle.

Vi lascio, infine, con un’ultima chicca: il booktrailer ufficiale di Logan di Veronica Scalmazzi. Se ancora avete dei dubbi, se ancora non sapete se leggere davvero questo libro o meno, guardate questo video e poi … Correte su Amazon è acquistate Logan!

Rachel

© Rachel Sandman

Review Tour – Un gancio al cuore di Manuela Chiarottino

Senzanome.png

Buongiorno!
Oggi, è con immenso piacere che il blog partecipa al Review Tour legato ad una nuova uscita made in Italy e appartenente alla categoria del self publishing: sto parlando di Un gancio al cuore, nuovo romanzo firmato Manuela Chiarottino (vi ricordate? Vi ho già parlato di lei, in occasione dell’uscita del suo romance edito dalla Triskell Edizioni, Un amore a cinque stelle) che uscirà tra due giorni, il 10 Settembre 2017.

In questa occasione, festeggiamo l’approssimarsi dell’uscita di questo romanzo m/m attraverso un approfondimento legato alla trama e alla storia narrata, seguito poi, come sempre, dalla mia personalissima opinione su Un gancio al cuore.

Siete pronti?
Buona lettura!


Gancio

Titolo: Un gancio al cuore
Autore: Manuela Chiarottino
Data d’uscita: 10 Settembre 2017
Prezzo: € 3,49 (Ebook)
Editore: Self Publishing

Trama: Tirare pugni a un sacco, sfogando tutto ciò che ha dentro, è per Byron l’unica maniera di dimenticare. Dimenticare un passato solitario, un presente in cui arranca, un futuro grigio e piatto che gli sta piombando addosso senza freni. Non c’è carriera, per lui, né nobiltà alcuna nel pugilato, bensì una scappatoia, una via per guadagnare il necessario utile a lui e sua nonna per abbandonare la povertà. E sua madre… be’, lei continua ad andare e venire dalla casa del suo “fidanzato” e per Byron è meglio non pensarci. Tutto sembra destinato a rimanere così, quindi, statico e deprimente, fino a quando nella palestra di John non entra Brandon, l’angelo nero, un ex pugile dallo sguardo enigmatico e il sorriso irriverente. Per Byron è il cataclisma, ma non è l’unico a sentirsi trasportato dagli eventi: Brandon rimane folgorato dal ragazzo ancor prima di averlo messo a fuoco. Può l’amore cambiare del tutto le carte in tavola? Possono i vinti diventare vincitori, se ci credono davvero? E i colpi della vita possono fare male più di quelli ricevuti in pieno viso?


Approfondimento: chi era Emile Griffith?

Allora, come potete ben dedurre leggendo la trama, il romanzo Un gancio al cuore di Manuela Chiarottino è ambientato nel mondo della boxe e non, badate bene, quella tra bande o di strada, bensì quella che mira al professionismo attraverso sudore, pugni dati in una palestra storica e architettonicamente non da catalogo di interni, allenamento duro e puro.
Durante la storia, sentirete citare più volte il nome di Emile Griffith. Ma chi è costui?
Devo dire che l’autrice è stata grandiosa e ha posto una nota a fine romanzo che, in qualche modo, inquadra questo personaggio ma io, qui, ho deciso di darvene una piccola anticipazione.
Emile GriffithEmile Griffith nasce il 3 Febbraio del 1938 a Saint Thomas (isola caraibica delle piccole Antille, appartenente all’arcipelago delle Isole Vergini americane).
A segnare la sua vita, un anno: il 1958. In quello stesso anno, da dilettante, ottiene il New York Golden Gloves e diventa pugile professionista.
La sua carriera durerà fino al 1977 ma sarà un episodio a pesare, maggiormente rispetto agli altri: il 24 Marzo 1962 il match valido per il campionato mondiale dei pesi welter, disputato contro Benny Paret, (pugile cubano soprannominato The Kid), ha una conclusione tragica.

Griffith ridusse l’avversario in stato di incoscienza e questi morì dopo nove giorni. A Griffith fu mossa l’accusa di aver volontariamente infierito sull’avversario anche a causa di presunte dichiarazioni offensive riferite alla sua bisessualità.

Griffith rimase comprensibilmente sconvolto dall’accaduto ma, nonostante ciò, in seguito conquistò il titolo di campione del mondo dei pesi medi, battendo Dick Tiger.
Soltanto nel 2005, fece coming out dichiarando la propria bisessualità in un’intervista a Sports Illustrated.
Dopo aver sofferto di una sindrome da demenza pugilistica negli anni duemila e aver passato un periodo difficile, anche a livello economico, morì il 23 Luglio 2013 all’ospedale di Long Island nello stato di New York.

E dopo questo piccolo approfondimento … Veniamo alla mia opinione!


Recensione: Un gancio al cuore di Manuela Chiarottino è un romanzo che colpisce su più fronti.
Innanzitutto, io ho apprezzato davvero moltissimo il fatto che per tutta la prima parte, in cui si descrive il progressivo avvicinamento tra i due protagonisti, non si sia mai posto l’accento sul loro essere entrambi uomini ma si sia, piuttosto, sottolineato il loro essere: sono due persone con crepe più o meno simili che si trovano, quasi per caso, iniziano a cercarsi e si scontrano, inevitabilmente. Non tutti i romanzi m/m hanno questa delicatezza e accuratezza, lo devo ammettere.

Inoltre, la caratterizzazione dei due è eccezionale: da un lato, come ho accennato prima, Byron e Brandon hanno dei lati simili, ferite profonde che derivano da un passato non comune ma che li rende, sin da subito, affini senza nemmeno saperlo. Sono però i lati che divergono, i loro caratteri così cristallini e puri a delinearli ancor di più e a renderli ognuno un piccolo mondo tridimensionale creato e mostrato su carta.

Byron è, con la sua giovinezza, la personificazione dell’irruenza: c’è la rabbia, che cova in lui come una serpe in seno, come una voragine che cresce sempre più; c’è la disperazione; c’è la violenza. Byron è vittima di un legame materno inesistente e di una vita che gli ha chiesto troppo, che ha gravato troppo sulle sue spalle larghe.
Brandon, al contrario, è un uomo maturo, che si è fatto da solo e che, nonostante gli sbagli, gli errori, i passi falsi, è cresciuto e ha raggiunto una stabilità.

Ho amato come la Chiarottino ha fatto evolvere la loro storia, prima su un piano prettamente fisico, gradualmente su un piano più emozionale e personale. L’inserimento poi di tatuaggi significativi, veri e propri simboli su pelle (dettaglio che, come forse già saprete, io personalmente amo alla follia), ha dato quel tocco di originalità e modernità nuova, una nota di colore immersa nel mondo grigio scuro del pugilato.

I marinai si tatuavano a casa prima di partire, poi una seconda volta nel porto di destinazione e alla fine quando avevano fatto ritorno a casa. Averne un numero pari significa essere lontani dal posto che ami, da casa.

In conclusione, l’ambientazione e la tematica della boxe sono presenti ma non scendono mai nel noioso o nello statico: ogni descrizione, ogni gancio, ogni allenamento ha un seguito, ha un motivo, ha una sua coerenza ed essenza. I dettagli con cui l’autrice fa emergere il sapore e l’odore di un mondo particolare come quello delle palestre, del pugilato, dei guantoni, sono reali e intensi, tanto che in alcuni punti ti sembra davvero di essere parte integrante della realtà descritta.
Quindi, leggete questo libro se volete immergervi in una storia fatta di contrasti, virile e delicata insieme, in cui a farla da padrone è lo stile dell’autrice che non perde mai la sua profondità e il suo realismo.

#GoodLuckManuela!

Rachel

© Rachel Sandman

Ladri del cielo – Irene di Elena Sole Vismara – Recensione

Buonasera a tutti!

Oggi torno ad immergermi nel mondo dei self e del made in Italy con la recensione di un romanzo che è il secondo capitolo di una serie che sta tra il fantasy e il romanceLadri del cielo, di Elena Sole Vismara.
Irene, uscito il 7 Luglio di quest’anno e di cui vi ho già accennato qui, è il seguito di Luc, libro che vi ho già raccontato qui sul blog e che mi aveva piacevolmente sorpreso e colpito.

Sarà accaduto lo stesso anche con questo nuovo episodio della storia tra Irene e Luc?
Scorrete il post per scoprirlo!


6tag_160817-122925

Titolo: Irene
Autore: Elena Sole Vismara
Serie: Ladri del cielo #2

Prezzo: € 2,99 (Ebook) – € 12,00 (Cartaceo)
Editore: Self Publishing
Data d’uscita: 7 Luglio 2017

Trama: “È nel momento in cui tutto sembra andare per il meglio che le cose tendono a complicarsi, non è vero?
È proprio questo ciò a cui pensa Irene quando, a un passo dallo sfiorare la felicità con la punta delle dita, il passato di Luc torna a farsi sentire all’improvviso, prepotente e crudo.
Basta un attimo per far crollare ogni illusione, per porre Irene davanti a una scelta dalla quale sa in partenza di non poter uscire vincitrice, e una terribile verità emerge a tradimento, minando le basi di una fiducia costruita con tanta fatica.
Eppure non seguire quella vocina che in fondo al suo cuore non ha mai smesso di incitarla ad agire, a sottrarre Luc a un destino di sofferenza, è impossibile. Mettendo in gioco se stessa, la propria vita e forse perfino la propria anima, pur di riscattare quella di lui, Irene si imbarcherà quindi in un viaggio che la porterà nel profondo di un abisso.
Un abisso in cui scopre che niente è come sembra, nemmeno lei stessa, e da cui riemergere sarà quasi impossibile, nonostante un’inaspettata serie di aiuti. Può davvero, però, chiamare amici coloro che le sono venuti in soccorso?”


Recensione: Parlare di un libro è sempre, più o meno, complesso: quando poi mi trovo di fronte ad un romanzo che non solo è il secondo capitolo di una serie ma è, in tutto, il naturale proseguimento e la chiara continuazione di una storia precedentemente scritta (e, nel mio caso, letta) … Beh, capite bene che la faccenda si complica, e non poco!
Perché, ora, come faccio a raccontarvi ciò che vorrei senza fare spoiler che sarebbero dannosi e irrispettosi nei confronti del lavoro di Elena Sole Vismara?

Risultati immagini per how? gif

#ProfondoSospiro … Allora … Partiamo dal presupposto che Irene parte esattamente da dove ci eravamo lasciati in Luc: non c’è il minimo salto temporale, nessun distacco.

A differenza del primo capitolo però, l’ambientazione cambia: passiamo infatti dall’avere uno sfondo prettamente marittimo e dal sapore salino, ad un paesaggio fatto di monti, grotte e chi più ne ha più ne metta.
La scelta è, a mio parere, azzeccata: infatti dalla spensieratezza e, passatemi il termine, dalla superficialità vacanziera del primo libro, in Irene ci immergiamo (in vari sensi, direi) più a fondo, non solo per quanto riguarda la trama ma anche dal punto di vista della psicologia della nostra eroina che dà, per l’appunto, il nome a questo capitolo.

Sono personalmente rimasta sconvolta come nemmeno Mirtilla Malcontenta nel bagno di Hogwarts quando ho compreso, più o meno, l’andamento della storia perché, accidenti, MAI avrei potuto immaginare una tale svolta! In questo, l’autrice è stata davvero fenomenale perché qualsiasi quadro il lettore si immagini ad un tratto, state tranquilli che verrà smontato, capovolto e modificato. Pazzesca, Elena Sole, pazzesca!

Certo, l’originalità è rischiosa e se, da un lato, l’ho apprezzata sul fronte Irene che diventa, in questo modo, meno macchietta e più donna con carattere e coerenza (senza, tuttavia, mai perdere la vena ironica che la contraddistingue), meno l’ho capita nei confronti di Luc che, in questo secondo capitolo della serie, resta fin troppo spesso in penombra e rimane avvolto da una nube di incomprensione che mi ha fatto alzare gli occhi al cielo e mi ha fatto venir voglia di scuoterlo e di urlargli in faccia … Più volte, devo ammetterlo.

Risultati immagini per sono sconvolta gif

La Vismara ha fatto, indubbiamente, una mossa coraggiosa e ha completamente invertito il sentimento che il lettore prova verso la figura di Luc: se nel primo romanzo, infatti, c’è la naturale curiosità, così come interesse e tenerezza, nel secondo libro, almeno personalmente, Luc si meriterebbe una bella porta in faccia … Almeno a seguito di alcune infelicissime uscite.

Risultati immagini per door slam gif
Lasciando così in secondo piano il vero protagonista che, parzialmente, recupera e fa ben sperare per il prossimo romanzo solo nella zona cesarini, nella storia emergono nuovi nomi e volti che, capitolo dopo capitolo, agganciano l’attenzione del lettore e seminano una serie di indizi che, una volta svelati, so già mi lasceranno a bocca aperta.

Su tutti, devo ammetterlo, sono rimasta ammaliata da personaggio di Calliel che se, da un lato, non va a prendere il posto e a fronteggiare attivamente il caro e incomprensibile Luc, poco ci manca. Ragazze che state leggendo, preparatevi perché io, lo ammetto qui, pubblicamente, ad un certo punto e anche un po’ ora … Ho seriamente parteggiato per questo nuovo scintillante membro della serie Ladri del Cielo, una serie che davvero ha la capacità di farti credere una cosa e di stravolgerla il capitolo … Ma che dico, il capitolo! La pagina dopo!

Risultati immagini per love gif

In conclusione, la scrittura è, come già in precedenza, molto curata e va alla ricerca anche di termini ricercati ma non astrusi. Le descrizioni continuano, a mio parere, ad essere il punto forte dello stile della Vismara così come i paragrafi di spiegazione risultano, ancora, un po’ lenti ma necessari, indubbiamente.
Detto questo … Carissima autrice che so leggerai questa recensione … E adesso? No, vogliamo parlarne? Scrivi il terzo capitolo e vedi di farmi capire qualcosa perché, accidenti, sono in una situazione analoga (se non peggiore) rispetto a quando ho terminato Luc!
Aiuto!!

Rachel

© Rachel Sandman

Free to Love – Lotta per il tuo amore di Kirsty Moseley – Segnalazione

Buongiorno a tutti!

Oggi, partiamo subito con una segnalazione: vi parlo infatti di un libro che, personalmente, aspettavo da mesi e che chiude la duologia Free to Love di Kirsty Moseley.
Vi ricordate? A inizio anno, vi avevo segnalato Free to Love – Niente da perdere se non l’amore con un post veramente entusiasta e, a tratti forse, anche un po’ delirante.

Finalmente, DOMANI uscirà il secondo capitolo di questa storia, Free to Love – Lotta per il tuo amore e, di conseguenza, potrò immergermi completamente in questa trama che ha tutte le premesse per creare dipendenza.
Volete conoscere qualche dettaglio in più? Bene, allora non vi resta che scorrere questo post e … Buona lettura!


Free to loveTitolo: Free to love – Lotta per il tuo amore
Autore: Kirsty Moseley

Serie: Free to Love #2

Data d’uscita: 7 Settembre 2017

Prezzo: € 7,99 (Ebook) – € 14,11 (Cartaceo)

Editore: Tre60

Trama: È stata dura, ma ce l’ha fatta. Ellie pensa finalmente di essersi gettata alle spalle la sua storia con Jamie. Il dolore è soltanto un ricordo. Una nuova città, un nuovo ragazzo, una nuova vita. Ma quando, per un tragico evento, è costretta a tornare a casa, le sue certezze crollano. È sufficiente uno sguardo di Jamie per riaccendere il suo cuore di amore e di passione. Il dolore è da sempre l’avversario di Jamie. L’ha conosciuto per strada, in prigione. L’ha sempre affrontato e sconfitto. Ma non questa volta. Da quando Ellie se ne è andata, la sofferenza si è impadronita di lui. Lo lacera, lo tormenta. Per questo, quando rivede Ellie, giura a se stesso che non la lascerà mai più andare via. La sua vita è con lei. Ma Ellie sarà capace, in nome di un amore autentico, di far fronte al presente troppo ingombrante di Jamie? E Jamie potrà, proprio in nome di quell’amore, aprirsi a un futuro di rinascita assieme alla ragazza che ha sempre amato?

«Aveva gli occhi che brillavano e mi si avvicinò ancora di più, passandomi le dita tra i capelli. La sua bocca si posò sulla mia e il suo respiro mi solleticò il viso. Era così caldo, familiare che mi venne il batticuore. Gli fissai le labbra che avevano esplorato il mio corpo con passione, la bocca che aveva sussurrato ti amo. Un’ondata di nostalgia mi scosse e dimenticai tutto: il dolore, lo struggimento, le lacrime; era scomparso tutto in un istante, e io mi smarrii in lui.»

Info sull’autore: Kirsty Moseley vive in Inghilterra, nel Norfolk, con il marito e il figlio. Ha sempre amato raccontare storie: quando ha pubblicato su Wattpad Free to love. Niente da perdere se non l’amore, ben sei milioni di lettori l’hanno letto e amato. Così, quando un editore ha scelto di pubblicarlo in forma cartacea, Kirsty ha lavorato per migliorarlo e ampliarlo. È questa la versione arrivata in Italia, accompagnata da uno strepitoso successo internazionale. E la storia di Ellie e Jamie continua in questo romanzo, salutato dallo stesso, travolgente entusiasmo.


Che ne pensate? Darete una possibilità a questo libro? Lo leggerete? Avete già letto il primo? Fatemi sapere!

Rachel

© Rachel Sandman

Troppo vicino di R. Phoenix – Segnalazione

Buonasera!

Allora, si sa, ormai le piattaforme digitali sono nostre fedeli compagne di acquisti e contengono liste lunghe lunghe di libri da leggere e non solo. Ma capita, talvolta, che queste piattaforme non funzionino a dovere e che quindi un romanzo come quello che sto per presentarvi esca così, senza la dovuta presentazione, senza il dovuto sostegno.

È infatti già ONLINE e disponibile Troppo vicino, libro scritto da R. Phoenix e edito dalla casa editrice Quixote Edizioni.
Mi rivolgo quindi, qui, a voi, cari lettori e lettrici: NON FATEVI SCAPPARE QUESTA STORIA!

Qui di seguito vi lascio la cover (originalissima, a mio parere), la trama (vi avviso, per correttezza: all’interno del romanzo troverete argomenti quali violenza domestica e abusi, quindi … #BeReady) e il link d’acquisto, oltre ovviamente a tutti i dati del caso.
Buona lettura e … mi raccomando: spargete la voce!


Troppo Vicino Ebook Cover

Titolo: Troppo vicino (Too close)
Autore: R. Phoenix
Traduzione: Mirta Augusto
Data d’uscita: 31 Agosto 2017
Prezzo: € 3,99 (Ebook)
Editore: Quixote Edizioni

Trama: La vita di Skylar Orion è stata complicata fin da quando sua madre ha abbandonato lui e sua sorella Evie. Arrivare a fine mese sembrava impossibile, finché Tate Chandler non li accoglie, un cavaliere dalla scintillante armatura che fa in modo che la loro vita sia più di un semplice sopravvivere.
Ma Tate non è l’uomo che sembra essere, e persino il suo bisbigliare “vi voglio bene” e i suoi generosi regali fanno ben poco per lenire il dolore che lui stesso causa. Sapendo di non poter dare a sua sorella tutto ciò che merita senza l’aiuto di Tate, Skylar rimane con lui, facendo affidamento su terribili giochi di parole e un pessimo senso dell’umorismo, per continuare la farsa.
Farebbe di tutto per sua sorella, anche se ciò significa comportarsi da adulto responsabile e tornare nella sua vecchia scuola per incontrare Dexter Weston, l’attraente insegnante di matematica capace di rendere interessante perfino l’algebra.
Volano scintille fra loro, ma a causa della sua dipendenza da Tate, Skylar non è libero di seguire il proprio cuore. Ciò che vuole è il meglio per Evie, ma riuscirà a non lasciarsi sfuggire l’opportunità di trovare l’amore che guarisce piuttosto che ferire?


Cosa ne pensate?
Vi attira? Lo leggerete?
Fatemi sapere, come sempre, la vostra opinione!

#GoodLuckQuixote! #GoodLuckRPhoenix!

Rachel

© Rachel Sandman

Costretto a uccidere di Andrew Peterson – Segnalazione

Buongiorno!

Allora … Dopo il successo di Il primo da uccidere, primo capitolo della serie, Nathan McBride torna a sorprendere gli amanti dell’action thriller, alle prese con una caccia all’uomo mozzafiato in cui cacciatore e preda si scambieranno spesso di ruolo, arrivando a coinvolgere anche i più alti livelli del governo degli Stati Uniti.
Oggi, qui sul blog vi segnalo Costretto ad uccidere di Andrew Peterson, edito da Amazon Crossing.

Qui di seguito trovate tutte le infos, la trama, il link d’acquisto e qualche infos sull’autore.
Buona lettura!


image002 (1)

Titolo: Costretto ad uccidere
Autore: Andrew Peterson
Serie: Un’avventura di Nathan McBride #2

[Primo capitolo della serie: Il primo da uccidere]

Data d’uscita: 29 Agosto 2017

Prezzo: € 4,99 (Ebook) – € 9,99 (Cartaceo)
Editore: Amazon Crossing

Trama: Quando l’FBI ritrova un cadavere orribilmente mutilato nelle acque di un lago dello Utah, Nathan McBride comprende subito l’orribile verità: Montez de Oca, lo spietato torturatore nicaraguense sparito nel nulla quattordici anni prima, è tornato.
McBride è l’unica persona al mondo a essere sopravvissuta a un suo interrogatorio e ne porta ancora i segni nel corpo e nell’anima. Ora ha la possibilità di vendicarsi e di fermare allo stesso tempo un pericoloso assassino, anche a costo di mettere a repentaglio la sua stessa vita: inizia così un inseguimento in cui cacciatore e preda si scambieranno spesso di ruolo, arrivando a coinvolgere anche i più alti livelli del governo degli Stati Uniti.

Infos sull’autore: Andrew Peterson è nato e cresciuto a San Diego. Tiratore professionista, nella sua carriera ha vinto numerosi premi, guadagnandosi la qualifica di esperto per i fucili di grande potenza da parte della National Rifle Association. Ha iniziato a scrivere nel 1990 e ha venduto il primo racconto due anni più tardi. Il suo romanzo d’esordio, Il primo da uccidere, gli ha permesso di girare gli Stati Uniti visitando gli ospedali in cui sono ricoverati i veterani di guerra. Vive con la moglie Carla nella contea di Monterey, in California.


Allora, cosa ne pensate di questo nuovo romanzo? Cosa ne pensate di questo thriller? Conoscete già l’autore?
Lasciatemi un commento o un like sul post: lasciate un segno del vostro passaggio sul blog!

Rachel

© Rachel Sandman

BlogTour – Jessica Redmerski #2

Banner Redmerski - Copia

Buongiorno!

Eccoci arrivati al secondo appuntamento con questo mio personalissimo BT che ruota, essenzialmente, attorno a lei, una delle regine del romance contemporaneo e non solo, l’autrice del romanzo che più ho amato in assoluto …
Oggi parliamo ancora di Jessica Redmerski e, per l’occasione, vi propongo alcune domande a cui la scrittrice ha gentilmente risposto (ovviamente tradotte dalla sottoscritta per voi).

Buona lettura!


Sulla scrittura …

Macchina da scriver.jpg

Perché scrivi e abbracci più generi? Riesci a far funzionare la cosa?
Personalmente non riesco a trincerarmi in un solo genere. Adoro scrivere tutti i tipi di storia. Funziona? Beh … Sì e no. Sì, perché inizierei a sentirmi claustrofobica se dovessi scrivere all’interno di un unico genere per tutto il tempo. No, perché penso che confonda un po’ i miei lettori visto che scrivo tutto sotto lo stesso ‘nome autore‘. Oggi, rimpiango questa decisione. Il mio consiglio agli autori che pensano di toccare più generi è il seguente: NON fate questo errore!

Come gestisci la trama di un libro? Crei schemi, abbozzi, linee guida?
Non abbozzo né imbastisco mai perché mi piace lasciare che la storia e i personaggi mi portino dove vogliono essere portati. Alcuni autori abbozzano e per loro la cosa funziona, ma io non riuscirei proprio a farlo. Mi è sempre sembrato molto più naturale semplicemente seguire la corrente e vedere dove questa mi porta, un po’ come nella vita reale, suppongo. Alcune scene dei miei libri sono apparse prima della stesura, ma non sono state pianificate prima del tempo, e c’è una bella differenza. La sola eccezione a questo metodo è che conosco, sempre, la fine prima che io inizi la storia (ad esclusione del mio libro Dirty Eden).

C’è qualcosa che trovi particolarmente impegnativo nella tua scrittura?
Sono impaziente. MOLTO impaziente. Per me, focalizzarmi e scrivere i primi due o tre capitoli di ogni libro è davvero impegnativo perché ho la cattiva abitudine di guardare sempre il bicchiere mezzo vuoto e di focalizzarmi su tutto ciò che ancora manca e che ancora devo fare.

Qual è la parte che invece preferisci durante il processo di scrittura?
Senza dubbio … L’ultima frase. Non fraintendermi, io adoro immergermi all’interno di una storia, esporre la vita dei miei personaggi, ma non c’è niente di paragonabile ad un manoscritto teminato. È un’enorme realizzazione e soddisfazione: non credo che me ne stancherò mai.

Cosa vorresti che i lettori prendessero dalle tue storie?
Vorrei semplicemente che i lettori fossero capaci di connettersi, in qualsiasi livello, con i personaggi che creo, in modo che essi diventino non semplicemente una storia ma, piuttosto, un’esperienza.

Qual è la tua stranezza più interessante e particolare?
Non smetto mai di scrivere alla fine di una scena o frase ma, anzi, mi fermo a metà. Questo mi aiuta a prevenire il blocco dello scrittore e mantiene fresca e attenta la mia mente.

Quali sono i tuoi punti di forza nella scrittura? E quali sono, invece, le tue debolezze?
Adoro scrivere dialoghi. Vanno e vengono, scivolano in modo molto naturale per me. Penso, invece, di lottare un po’ di più con le descrizioni, perché sono impaziente e, talvolta, è come se esse mi rallentassero. Ma ho dovuto scendere a patti con me stessa: in caso contrario, i miei romanzi sarebbero formati da un’unica gigante conversazione.

Sulla vita personale …

Macchina fotografica.jpg

Qual è il tuo autore preferito e quali aspetti del suo lavoro hanno fatto maggiormente colpo su di te?
Personalmente, non ho un autore preferito – ne ho molti! Anne Rice e Neil Gaiman sono nomi che ho ammirato per molti, moltissimi anni. Amo la profondità della Rice, il suo stile descrittivo mentre adoro l’originalità delle idee di Gaiman. Ammiro anche Paullina Simons e Cormac McCarthy – ce ne sono talmente tanti! E, ovviamente, c’è J.K. Rowling, ma non devo nemmeno nominarla, no? Non è lei, ovviamente, la preferita di tutti?

Qual è il tuo cibo preferito?
Messicano.

Qual è il tuo ragazzo letterario ideale?
Shura.

C’è un libro che ha avuto un impatto particolare su di te, non solo sulla tua scrittura ma anche sulla tua personalità?
Armand il vampiro di Anne Rice. Questo è un libro che ho letto quattro o cinque volte ed è IL libro che mi ha ispirato e mi ha spinto a provare a diventare un’autrice vera e propria.

La tua massima? La tua frase preferita?
“Love is a trick that Nature plays on us to get us to reproduce.” – Callisto – Xena Warrior Princess.
[N.B. L’amore è un trucco che la Natura usa su di noi per farci riprodurre]
Non sono contro l’amore, sia chiaro, ma sono sempre stata, non so, intimorita quasi da questa frase. Inoltre, Callisto nel telefilm era strepitosa!


A domani, con la seconda parte di questa MERAVIGLIOSA intervista a Jessica Redmerski.
Sentitevi liberi di commentare l’articolo o il post di FB: fatemi sapere se avete apprezzato l’iniziativa, cosa ne pensate, se qualche risposta vi ha colpito.

Rachel

© Rachel Sandman

Non lasciarmi andare via di Carmen Bruni – Recensione

Buongiorno a tutti!

Oggi è con immenso piacere che vi parlo di un libro uscito qualche giorno fa: un romanzo self che ho avuto la possibilità di leggere proprio grazie all’autrice, Carmen Bruni …
Una storia che, lo devo ammettere, aspettavo da quando, un po’ di tempo fa ormai, mi ero ritrovata a leggere Il mio imprevisto più bello e avevo, sin da subito, amato un personaggio di sfondo, uno di quelli che, nei romanzi, spesso ha la funzione di aiutante e/o amico dei protagonisti.

Ma … È presto per parlarvi di lui.
Prima, vi lascio qui di seguito il mio scatto, i dati e la trama.
Siete pronti a conoscere uno dei personaggi di carta più introspettivi e unici di sempre?
Venite a scoprire Non lasciarmi andare via e leggete la mia personalissima opinione sul romanzo.

Buona lettura!
Ricordatevi di lasciare sempre un segno del vostro passaggio sul blog con un commento o un like agli articoli.


6tag_220817-160339

Titolo: Non lasciarmi andare via
Autore: Carmen Bruni
Serie: Spin Off di Il mio imprevisto più bello

Data d’uscita: 24 Agosto 2017
Prezzo: € 2,99 (Ebook)
Editore: Self Publishing

Trama: È una sera come tante quando Federico entra in una stanza buia.
Con i vestiti sgualciti, già passati fra decine di mani bramose, si prepara a spogliarsi per l’ultima volta, prima di tornare a casa con il suo meritato guadagno.
Ma non sa che la sua apparente tranquillità sta per essere sconvolta per sempre.
La ragazza di cui deve accontentare i capricci non è una semplice sconosciuta. E non è lì per caso.
Lei è tormento, fuoco, dolore. Colei che ama e odia in egual misura. Lei che all’improvviso era svanita nel nulla.
Mantenere le distanze sarebbe la scelta più giusta, ma Veronica non ha intenzione di demordere, è ritornata a Roma per chiudere i conti con il passato una volta per tutte, quel passato che Federico ha distrutto quando l’ha lasciata con un misero e brutale sms.
Una passione che non si è mai spenta divamperà all’istante fra di loro. Sofferenza e desiderio prevaricheranno, spingendoli in una situazione d’insostenibile confusione, dove i segreti esploderanno come bombe.
Spinti lontani da un destino avverso e da troppi sbagli, si crederanno perduti per sempre.
Ma certe storie non finiscono mai, proprio come accade ai grandi amori.
E spesso lasciarsi andare è l’unico modo per potersi ritrovare.


Recensione: Allora … Come saprete … Ho amato Il mio imprevisto più bello in tutto: lo stile, la scrittura, la storia, i protagonisti (Arianna resta, ancora adesso, anche a distanza di tempo, una delle donne di carta meglio delineate, più indipendenti e più a fuoco del panorama della letteratura contemporanea).
Leggendo la storia tra lei e Cristian, mi ero tuttavia soffermata inevitabilmente su di lui, Federico, il migliore amico e coinquilino dell’impertinente bionda.

Quindi, capite bene che, appena ho saputo che Carmen Bruni avrebbe davvero scritto la SUA storia, non stavo più nella pelle: dovevo e volevo leggerla.
Non lasciarmi andare via è quindi arrivato come un regalo la mattina di Natale, carico di attese e di quella atmosfera ricca di aspettative mal celate che, talvolta, inevitabilmente, rischia di infrangersi al suolo, una volta scartato il pacco.

Ma NON è questo il caso!
Ragazze mie (ma anche ragazzi che state leggendo e siete all’ascolto): come posso descrivervi la meraviglia del personaggio di Federico? Come posso parlarvi in modo sensato di questa storia senza anticiparvi nulla, senza rovinarvi l’attesa e la trepidazione che la Bruni ha disseminato, capitolo dopo capitolo, in una trama ricca di colpi di scena e che necessita, più volte, di una buona dose di Maalox per la gastrite che alcuni personaggi vi porteranno, inevitabilmente, a provare?

Con calma … Un bel respiro … Partiamo … (O almeno, proviamoci).

Federico è, a mio parere, il protagonista indiscusso del romanzo: è vero, i capitoli sono scritti seguendo un punto di vista alternato che ben aiuta il lettore ad immergersi passo passo nella storia e ad entrare, piano piano, nella mente di questo uomo e di Veronica ma, permettetemi di essere di parte qui e dire che Federico surclassa tutto e tutti.
Non lasciarmi andare viaIl suo personaggio è complesso: ricco di pieghe e sfaccettature rese in modo sfumato, appena percepibili e lasciate andare in modo dosato e curatissimo.
Con realismo, calma e un briciolo di impazienza, Non lasciarmi andare via sarà una lettura che vi accompagnerà in tutte le tappe che Federico deve affrontare, senza saltare nulla, senza accelerare nulla, portando il lettore a comprendere le sue scelte di vita, a capirle, a sostenerle.

Dall’altro lato abbiamo invece lei, Veronica. Inizialmente, lo devo ammettere, ho avuto difficoltà a entrare in sintonia con questo personaggio: a tratti piatto, a tratti forse preda degli eventi e ricco di rancore e rimpianti. Ma poi, grazie come sempre allo stile di un’autrice che merita, ogni volta, di essere letta e a fondo, ho iniziato ad avvicinarmi al modo di pensare di Veronica, alle sue scelte, al suo pensiero. Finché all’ultimo capitolo, quello proprio prima dell’epilogo, quando ormai quindi tutto è svelato, tutto è chiarito (forse), tutto è limpido … Mi è apparsa in tutto il suo carattere, in tutto il suo essere donna forte ma tendente ad arrossire, sempre e comunque. Meravigliosamente fragile e candida, Veronica è stupenda e perfetta in ogni cicatrice invisibile a tutti, tranne che a Federico.

Inutile dirvi, poi, che ho semplicemente adorato i piccoli inserti in cui riappaiono Cristian e soprattutto Arianna alla quale la Bruni affida un ruolo non da poco, importante per lo svolgimento della trama di Non lasciarmi andare via ma non eccessivamente preponderante. Perfettamente dosato insomma è il ruolo di colei che anche qui si dimostra un’amica con i fiocchi e con un fidanzato … Davvero irriverente e speciale.

Una nota a piè di pagina qui la devo e voglio fare: ho amato alla follia un personaggio (tanto quanto ne ho odiato un altro, ma questa è un’altra storia e di costei NON ho proprio intenzione di parlare), una sorta di protagonista in seconda che interagisce con la coppia regina della storia, con Veronica e Federico, e lascia trasparire lati del carattere di entrambi che, altrimenti, sarebbero passati sotto silenzio. Soprattutto il rapporto tra lei e Federico svetta per dolcezza, simpatia e unicità: Carmen Bruni ha trattato questo legame con delicatezza estrema e con un tocco di realismo che è, a parer mio, quasi tangibile nello scorrere delle pagine e nell’evolversi della narrazione.

Non vi dirò di più. Forse avrete capito a chi mi riferisco, forse lo avrete già letto in altre recensioni o in alcuni post che ormai girano sui social, forse no. In tutti i casi, non sarò io, qui, ad anticiparvi un elemento così importante per il romanzo.
Una cosa ancora, tuttavia, voglio dirvela: leggete i romanzi di Carmen Bruni. Se non la conoscete, recuperate i precedenti; se invece siete al passo con le sue uscite, abbandonate qualsiasi cosa si trovi ora nel vostro kindle o sul vostro comodino e immergetevi in Non lasciarmi andare via.
Una storia di una normalità unica, una trama dolorosamente ricca di speranza, una coppia, quella di Federico e Veronica, che vi farà battere il cuore e rivedere tutte le situazioni compromettenti e negative della vita sotto una luce nuova, diversa ma non per questo meno luminosa e speciale.

#GoodLuckCarmen! #GoodLuckVeronica&Federico!

Rachel

© Rachel Sandman

La strada più difficile di Heather Burch – Segnalazione

Buonasera!
Allora … L’appuntamento con le segnalazioni oggi non si ferma e ora vi invito a tenere d’occhio questa nuova uscita targata Amazon Crossing che sarà disponibile a partire da domani, 8 Agosto 2017.

Vi ricordate Un nastro color lavanda? Un libro che, all’epoca d’uscita (era Aprile 2016), aveva avuto molto successo e favore di pubblico … Ecco, l’autrice di quella storia, Heather Burch, torna in Italia con un nuovo libro: La strada più difficile.

L’essenza della scrittura della Burch è il racconto di storie indimenticabili di amore e di guerra, di impegno e di perdita. Storie, insomma, che scaldano il cuore.
Qui di seguito trovate tutte le infos relative a questa nuova uscita (che, per la cronaca, è già presente all’interno del mio kindle grazie ad Amazon) con cover (ancora una volta, le edizioni di Amazon Crossing si dimostrano molto attente e curate in questo dettaglio grafico), trama e link d’acquisto.
Buona lettura!


image002

Titolo: La strada più difficile
Autore: Heather Burch
Data d’uscita: 8 Agosto 2017
Prezzo: € 3,99 (Ebook) – € 9,99 (Cartaceo)
Editore: Amazon Crossing

Trama: 

Di ritorno da una missione militare in Afghanistan, Ian Carlisle è deciso a mantenere la parola data al maggiore McKinley in punto di morte: trovare sua figlia e leggerle il suo diario, pagina dopo pagina. Charlee McKinley vive a River Rock, nel Missouri, ed è una giovane donna generosa, esuberante e dotata di spirito artistico. Ian, che grazie alle parole del maggiore si è innamorato di lei ancor prima di conoscerla, non ha idea se lei potrà mai ricambiare i suoi sentimenti.
Charlee voleva bene al padre, anche se lui, severo e rigoroso, disapprovava le sue scelte. Quando Ian appare nella sua vita, decide di accoglierlo. E quando comincerà a leggerle le parole poetiche e toccanti del diario di suo padre, qualcosa dentro di lei inizierà a sciogliersi. Ma come reagirà quando Ian le rivelerà un segreto sconvolgente? Charlee chiuderà il suo cuore per sempre o si abbandonerà all’amore?

Infos sull’autore: Heather Burch scrive a tempo pieno e abita nel sud della Florida, in una casa sulla spiaggia. Il suo romanzo di esordio è stato pubblicato con gli onori della critica nel 2012 e ha ottenuto l’apprezzamento di USA TodayBooklist MagazineRomantic Times e Publishers Weekly. Essendo l’unica donna della sua famiglia, Heather è affascinata dai rapporti che si instaurano tra gli uomini e soprattutto tra i soldati.


Cosa ne pensate di questa nuova uscita Amazon? Leggerete La strada più difficile?
Fatemi sapere!

Rachel

© Rachel Sandman