Divisi in una Notte di Jennifer A. Nielsen – Recensione

nielsen

Titolo: Divisi in una Notte
Autore: Jennifer A. Nielsen
Traduttore: Marco Astolfi
Data d’uscita: 30 Ottobre 2019

Prezzo: € 10,20 (Cartaceo su Amazon)
Editore: Giunti Junior

Trama: Gerta ha dodici anni quando la sua famiglia viene improvvisamente separata dalla costruzione del muro di Berlino. Lei, sua madre e suo fratello maggiore Fritz vivono a Berlino Est, mentre suo padre e suo fratello minore, che si erano recati all’Ovest in cerca di lavoro, non possono tornare indietro. Da allora niente sarà più come prima e Gerta, come i suoi amici e i suoi vicini di casa, si trova prigioniera nella sua stessa città.Per quattro lunghi anni Gerta cerca di sopportare questa separazione, si sforza di vivere in un luogo in cui i soldati rivolgono le armi contro i propri concittadini, non si può dire ciò che si pensa né leggere cosa si desidera… finché un giorno, Gerta scorge il padre, in piedi su una piattaforma che si erge oltre il muro, che mima un’antica canzone in cui i contadini scavano, scavano…Che la stia invitando a fare altrettanto?

nielsen

Recensione: Il 9 Novembre 1989 il Muro di Berlino cadde o, quantomeno, terminò la sua funzione strategica. Il governo della Germania Est annunciò l’approvazione delle visite verso l’Ovest. A seguito di questa svolta, i cittadini si riversarono per le strade, in festa, arrampicandosi sul muro, spaccandone alcuni pezzi, gioendo per una libertà e un’unità ritrovata.
Questo libro racconta ciò che fu … Prima di quel giorno.

Jennifer A. Nielsen ha scritto un capolavoro, un libro che racconta una storia che rimarrà, questo è certo, tra le mie preferite dell’anno.
Divisi in una notte è il racconto della vita di Gerta, una dodicenne costretta a vivere a Berlino Est con la madre e il fratello maggiore. Il padre e l’altro fratello sono rimasti nella zona Ovest, costretti a vivere lì una volta eretta la separazione tra i due lati della città. Una famiglia come tante, e non la sola, che viene spaccata in una notte.

Divisi in una notte descrive quel periodo di separazione, fatto di anni trascorsi a camminare rasente il muro che, piano piano, diventa parte integrante di una realtà cittadina quotidiana. Racconta l’amore e le amicizie dei ragazzi che, adolescenti, ricercano libertà e occasioni, ribellione anche, attraverso i testi ascoltati di nascosto di un gruppo noto come i Beatles, attraverso il mercato nero in cui possono acquistare prodotti vietati quanto banali … Come può essere una banana.

Divisi in una notte parla della vita di Gerta, giovane donna piena di voglia di vivere, ricca di ideali, fatta di cuore e sentimenti, colma di rivoluzione.
Gerta non è un personaggio facile: sembra ottusa, talvolta rabbiosa, troppo matura per quella che è la sua età. Ma Divisi in una notte ha la straordinaria capacità di mettere tutto nero su bianco, di far riflettere, di far pensare, di emozionare. Ed ecco che Gerta diventa la ragazza che vorresti essere anche tu, ecco che Fritz diviene il fratello maggiore che avresti sempre voluto avere, ecco che la madre si scopre forte più che mai nonostante l’apparenza fatta di silenzi.

Divisi in una notte è un romanzo che tutti i professori di ogni scuola e grado dovrebbero far leggere ai ragazzi perché racconta la macrostoria, quella vera, quella che si studia sui libri quasi a fine anno perché è moderna, quasi contemporanea (nonostante siano passati ormai 30 anni, sembra in un certo senso ieri), attraverso la lente di ingrandimento della microstoria. Divisi in una notte è un’opera d’arte, un manifesto che urla e grida e scuote animo e cuore. È un libro che ho divorato in un paio di giorni e che mi ha fatto sospirare, piangere, soffrire, sognare.

Divisi in una notte parla di ieri ma mette in guardia sull’oggi. Perché la storia si ripete e là dove una volta si era divisi fisicamente, forse oggi lo siamo, allo stesso modo, in maniera meno visiva ma egualmente forte.

Rachel

© Rachel Sandman

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...