Review Party – La teoria imperfetta dell’amore di Julie Buxbaum

La teoria imperfetta dell'amore.jpg

Buongiorno!

Oggi, un appuntamento targato De Agostini. Infatti, è con immenso piacere che vi parlo in anteprima di La teoria imperfetta dell’amore, romanzo di Julie Buxbaum, in uscita domani in formato digitale e in tutte le librerie.

Se siete curiosi di saperne di più, di conoscere la trama e di leggere la mia opinione su questo particolarissimo libro … Scorrete il post!
Good Luck Julie! Good Luck DeA Planeta!


Teoria imperfetta

Titolo: La teoria imperfetta dell’amore
Autore: Julie Buxbaum
Data d’uscita: 4 Settembre 2018
Prezzo: € 6,99 (Ebook) – € 14,90 (Cartaceo)
Editore: De Agostini

Trama: A volte basta cambiare prospettiva per dare senso al mondo. Da quando suo padre è morto in un incidente d’auto, Kit non è più la stessa. Non ha più voglia di ridere, scherzare o confidarsi con le amiche di sempre. L’unica cosa che desidera è chiudere fuori il mondo intero e voltare pagina. Per questo decide di lasciare il tavolo affollato a cui si siede ogni giorno in mensa e prendere posto a quello di David. David, che gira per i corridoi della scuola con le cuffie nelle orecchie e non parla con nessuno. David, che è un genio della fisica ma quando si agita trema come una foglia. I due non potrebbero essere più diversi, ma lentamente quei pranzi in solitudine diventano un appuntamento fisso, atteso, e tra sguardi e parole sussurrate, Kit e David imparano a essere amici. Forse qualcosa di più. Fino a quando David decide di aiutare Kit a ricostruire che cosa è successo il giorno in cui suo padre è morto. Perché David non sopporta le questioni irrisolte, non sopporta le equazioni lasciate a metà. E farebbe di tutto per ricomporre i pezzi del cuore infranto di Kit. Ma il sentimento che li lega sarà abbastanza forte per resistere alla verità?

E se amore e amicizia fossero due risultati diversi della stessa equazione? 


Recensione in Anteprima: La teoria imperfetta dell’amore è un romanzo … Strano. Ma, strano in senso buono, fidatevi.
La storia che Julie Buxbaum ha scritto è senza dubbio particolare ma dolce e delicata, un po’ come una piccola piuma bianca che fluttua nell’aria e poi si ferma, proprio sulla punta del vostro naso.

David e Kit sono due protagonisti talmente differenti l’uno dall’altro da essere perfetti nelle loro rispettive imperfezioni.
Inutile girarci intorno, ve lo confesso sin da ora … Ho adorato David in ogni suo aspetto, in ogni sua sfumatura, in ogni sua uscita ad effetto, in ogni sua battuta non battuta, in tutto insomma.
David è un protagonista maschile unico: la sua mente ragiona in modo diverso rispetto a come la gente classificherebbe un qualsiasi adolescente, usando il termine normale (termine che in questo romanzo si staglia in tutta la sua altezza imperfetta e mostra le lacune e le crepe). David è un assoluto genio nei calcoli, negli esperimenti e nelle teorie fisiche; ama le coppie di numeri primi (il 137 e il 139, per la precisione, sono i suoi preferiti) e gira per i corridoi munito di un paio di cuffie che gli permettono di immergersi nel mondo della musica, lasciando fuori i rumori del mondo scolastico.

Ho amato il modo in cui l’autrice presenta David al lettore in modo naturale, senza abbellimenti scenici, presentandolo semplicemente per come è, senza pregi o difetti ma con dati di fatto. Il tono che usa, nei suoi confronti, nei capitoli che sono focalizzati su di lui, che vedono il mondo attraverso i suoi occhi attenti, mi ha davvero costretto a lasciare ogni altra cosa per andare avanti e procedere in questa lettura coinvolgente.

Kit, dal canto suo, è una ragazza popolare, ben integrata in quella che è la piramide sociale della scuola che frequenta, parte di un gruppo di amiche e amici più o meno compatto. Un evento terribile le sconvolge la vita, la scuote, sin dalle fondamenta e la fa alzare dal solito tavolo per raggiungere quel ragazzo che troppo spesso è rimasto ai margini, troppo spesso si è seduto da solo.

Ho davvero apprezzato l’andamento narrativo di questo romanzo, le emozioni contrastanti che la Buxbaum è riuscita a porre su carta e a rendere quasi tangibili. Gli eventi descritti e il comportamento umano vi porteranno a stringere i denti durante lo scorrere delle pagine, a riflettere, a pensare, ma anche a sorridere o ridere di gusto, a sospirare.
Non mi ha convinto a fondo il finale, un po’ affrettato, un po’ buttato lì senza una fine vera ma forse, a pensarci bene, La teoria imperfetta dell’amore è solo un pezzo della storia di Kit e David, racconta un frammento delle loro vite, non la totalità dell’esistenza.

Pertanto, vi invito a leggere e a far leggere questo libro, una lettura ideale sia per giovani lettori sia per adulti. Un romanzo che racconta le emozioni attraverso una lente nuova; un romanzo che racconta la vita di adolescenti ma non solo; un romanzo che parla al cuore.

Rachel

© Rachel Sandman
Annunci

2 pensieri su “Review Party – La teoria imperfetta dell’amore di Julie Buxbaum

  1. Baba Desperate Bookswife ha detto:

    Ciao Rachel, anche io ho amato questo romanzo, trovo che lo stile dell’autrice sia una delle carte vincenti. Spesso si leggono libri che trattano argomenti simili, ma la Buxbaum ci riesce alla grande, con stile e comunica con i propri lettori, più o meno giovani che siano. E complimenti, hai scritto proprio una bella recensione 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...