Le notti di Kore di Aina Sensi – Recensione in Anteprima

Buongiorno!

Oggi, in occasione della sua uscita, vi parlo di Le notti di Kore, un racconto lungo che ho potuto leggere in anteprima grazie alla sua autrice, Aina Sensi, e che si unisce a L’ultima primavera di Kore in una serie composta da autoconclusivi, legati tra loro da rapporti familiari e ambientazione.
Pertanto, se non avete letto il precedente, fate attenzione: questo racconto può essere  sì letto separatamente rispetto a L’ultima Primavera di Kore, già uscito nella collana Senza Sfumature di Delos Digital, ma potrebbe svelare un piccolo spoiler sulla storia tra Nihiri e Brunilde. Io vi ho avvisato.

Qui di seguito trovate cover, infos, trama, link d’acquisto e la mia personalissima opinione riguardo a Le notti di Kore. Pronti?
Buona lettura!


Le notti di Kore.jpg

Titolo: Le notti di Kore
Autore: Aina Sensi
Serie: I Falò delle Amazzoni #2
Data d’uscita: 30 Gennaio 2018
Prezzo: € 1,99 (Ebook)
Editore: Delos Digital
Collana: Senza sfumature

Trama: 

Di giorno Amon è un servo, ma nel buio della notte, a due passi dal Falò del rito di Kore, può liberare il suo istinto maschile e mostrare alle amazzoni di che pasta è fatto l’uomo nero. Riuscirà a tenere testa anche a una donna Alfa?
Durante il rito primaverile di accoppiamento tra gargarensi e amazzoni, Amon scopre un’inusuale complicità con una donna dagli occhi dolci. Il ragazzo rinuncia al suo desiderio di cogliere tutte le stelle del firmamento per esplorare, notte dopo notte, la strana chimica che riescono a sprigionare insieme e la pienezza del suo ruolo dominante.
Fino a quando, tentando di aiutare il fratello Nihiri a sistemare i suoi problemi di cuore, attira l’attenzione predatrice di Tuya, che cambia tutti gli equilibri.

Infos sull’autore: Aina Sensi è lo pseudonimo con cui una donna e mamma scrive senza inibizioni. I suoi racconti spaziano su un arcobaleno di sensazioni – dal rosa, al porpora, al nero – con l’intento di esplorare e condividere quelle sensazioni che inesorabilmente la rappresentano. Perché, anche se ambientate in un genere fantasy, fantascientifico o mitologico, non si può scrivere di qualcosa che non si è mai provato. Aina non è altro che la sintesi di quelle briciole di amore, dolore, frustrazione, desiderio, disseminati in ogni storia.
Dell’autrice potete leggere L’Ultima Primavera di Kore, racconto lungo pubblicato nella collana Senza Sfumature di Delos Digital, e L’Arco di Eros, racconto contenuto nell’Antologia Tutte le Sfumature di Senza Sfumature, della stessa Casa Editrice.
Ha pubblicato anche i racconti M/M Vetro soffiato e Pioggia di Natale nelle antologie “Short But Sweet”.


Recensione in Anteprima: Se mi seguite lo sapete … Io ho amato, follemente oserei dire, L’ultima primavera di Kore perché Aina Sensi, con la sua scrittura e la sua preparazione, era riuscita a scagliarmi in un’ambientazione passata ben dosata, calibrata ma, allo stesso tempo, forte e passionale.

Con Le notti di Kore ancora una volta, forse in modo meno netto ma comunque incisivo, la Sensi riporta il lettore in quel mondo in cui tutto è capovolto, dove sono le Amazzoni a regnare e in cui gli uomini giocano un ruolo da sottoposti non indifferente. L’autrice crea pagine in cui la società si erge in tutta la sua rigidità e apre le mura al lettore senza filtri, senza pause, senza censure.

Il protagonista maschile, Amon, è senza dubbio diverso, oserei dire opposto, rispetto al fratello Nihiri. Sin da subito lui sa stare al suo posto, non si fa domande su cosa sia giusto e cosa no, segue le tradizioni in cui è cresciuto e cerca di ottenere il meglio da esse. Amon è passionale, è fisico, è scaltro ed è, senza dubbio, un personaggio tridimensionale che ben si delinea nel racconto.

In quest’opera, lo devo dire, Aina Sensi tocca una tematica che, più volte, in precedenza, mi ha fatto storcere (non poco direi) il naso. Qui però, in questo determinato contesto e con le dinamiche imposte, anche al mio occhio scettico è risultata una scelta comprensibile e, non dico sensata ma, in qualche modo coerente con quello che è Amon e la sua natura.
Non posso dirvi di più per non correre il rischio di svelarvi troppo ma una cosa ve la devo confessare: Amon e Tuya per me sono e saranno l’OTP principale di questo racconto. Non ce n’è per nessun’altro insomma.

In conclusione, leggete Le notti di Kore se avete letto L’ultima primavera di Kore in precedenza: so che sono storie separate, so che non sono una il seguito dell’altra, ma invertendo l’ordine rischiate davvero di perdervi alcune sfumature che, ad una lettura ponderata, verranno fuori e si paleseranno più facilmente agli occhi dei lettori consapevoli. Inoltre, cogliete l’occasione di conoscere la società delle Amazzoni, ormai tornata di moda nella letteratura e nel cinema (Wonder Woman è, forse, l’esempio più lampante), senza filtri o abbellimenti da pellicola. La forza della narrazione e delle storie della Sensi è proprio questa: rendere il tutto estremamente vivo, crudo e reale.

Quindi, non fatevi scappare questa serie.
Mi raccomando!

#GoodLuckAina!

Rachel

© Rachel Sandman

 

Annunci

2 pensieri su “Le notti di Kore di Aina Sensi – Recensione in Anteprima

  1. Aina Sensi ha detto:

    E’ stata una bella sfida presentarvi Amon, così diverso dal protagonista del precedente episodio che era piaciuto così tanto, ma sono felice che sia riuscito a catturarti a suo modo. E sono felice che anche stavolta tu abbia visto ciò che sta dietro all’erotismo: i desideri, le paure, le tradizioni…
    Grazie ❤

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...