Jonas e Viridiana – Il cuore d’inverno di Francesca Cani – Recensione

Buongiorno!

Oggi, è con immenso piacere che vi parlo di un romanzo storico, uscito il mese scorso grazie a LeggerEditore: si tratta di Jonas e Viridice – Il cuore d’inverno di Francesca Cani.

Qui di seguito trovate tutte le infos, il link d’acquisto, la trama e, ovviamente, la mia personale opinione con qualche immagine e citazione in più!

16754186_726353597532519_1643888537_n

TITOLO: Jonas e Viridiana – Il cuore d’inverno

AUTORE: Francesca Cani

USCITA: 12 Gennaio 2017

PREZZO: € 1,99 (eBook) – € 10,97 (Cartaceo)

Link d’acquisto: https://goo.gl/xcDU9f

EDITORE: LeggerEditore


TRAMA:

Anno Domini 1095. Cresciuta all’estremo nord del Sacro Romano Impero, Viridiana è abituata a viaggiare ed esercitare l’arte della guarigione. Fino a quando re Jonas dei Naconidi irrompe nel suo villaggio e la reclama come ostaggio in cambio della pace, ammaliato dalla chioma di fuoco e dallo spirito fiero che la contraddistinguono. Perché proprio a lei è toccato in sorte un simile sacrificio? Jonas è un sovrano arrogante e un guerriero spietato. Non c’è limite alla sua forza, né al suo desiderio di proteggere il figlio Andreas, unico vincolo con il suo perduto amore. Il suo cuore è in silenzio, non sa più amare né provare tenerezza. Eppure, vicino a Viridiana, si sente più vivo che mai. Ma non c’è pace nelle terre di confine, e quando il piccolo Andreas viene rapito dai predoni turchi insieme alla sorella di Viridiana, i due seguiranno la via percorsa da Goffredo di Buglione e dai crociati verso l’Oriente. Il mondo sta cambiando, l’esercito di Dio è partito alla conquista di Gerusalemme e due nemici scopriranno che l’amore più grande divampa dal fuoco di un odio cocente.


RECENSIONE:

I romanzi storici hanno un’aura strana, particolare, unica, che nessun altro genere riesce a gestire e ad approfondire. In questo periodo, ho avuto la fortuna di imbattermi in piccole meraviglie su carta, prima Magar Mulieres, ora Jonas e Viridiana – Il cuore d’inverno.

Devo ammettere che, per quanto i due romanzi appartengano allo stesso filone narrativo, la differente ambientazione e i diversi punti di vista attraverso cui le vicende sono narrate rendono le due opere opposte e peculiari, ma entrambe ammalianti.

Per il romanzo di Francesca Cani, edito da LeggerEditore, ho avuto una folgorazione immediata.

Non so se la causa sia l’aura un po’ barbara che traspare sin dai primi capitoli e si mescola, inevitabilmente, ad un’atmosfera orientale dal sapore speziato, o se forse, sin da subito, il merito sia da destinare ai personaggi molto empatici e dalla forte presenza, ma sta di fatto che Jonas e Viridiana promette bene, sin da subito, e, proseguendo nella lettura, non delude certamente le attese.

Aveva le labbra tese e infuocate, i capelli stretti in due trecce voluminose che le scendevano ai lati del viso …

16684065_10208194240601741_4923793922201830801_nLa protagonista principale è Viridiana, la figlia di un mercante di rame, con un oscuro passato alle spalle e una folta chioma rosso fuoco che la contraddistingue. Ho amato e, in alcuni frangenti, odiato (solo un pochino) questo personaggio. La sua tempra combattiva, indipendente, emancipata talvolta la porta, inevitabilmente, a dover affrontare situazioni che, se solo avesse atteso o ascoltato, avrebbe potuto evitare. Nella foga della lettura, in questi frangenti avrei davvero scrollato il suo personaggio (insieme al kindle che, in effetti, ha subito non pochi scossoni). Detto questo, Viridiana non sarebbe Viridiana senza questa sua testardaggine, senza il suo orgoglio, senza la sua forza individuale.

15625189_665317350306286_1237185112232165376_nMa veniamo ora a lui, Jonas. Così come lei è irrequieta e, talvolta, impalpabile come le fiamme del fuoco, lui è solido come la roccia, costante, molto parco nei gesti e nelle parole. Anche Jonas ha un passato pesante e che ancora grava sulle sue spalle, portando con sé inevitabilmente strascichi di chiusura, freddezza, distacco. Tutti aspetti marginali, che non appartengono alla realtà solida del suo vero essere ma, piuttosto, creano una corazza dura e difficile da annientare.

Francesca Cani è stata superba nel non accelerare gli eventi, nel dare a entrambi i suoi protagonisti la possibilità di crescere, maturare, evolversi. Ha creato, grazie a questo percorso periglioso e a ostacoli, una storia d’amore e rinascita assolutamente credibile ed equilibrata, reale e sentita. Il sentimento che cresce, piano piano, tra i due è forte ma viene alimentato, continuamente, grazie a gesti, parole soffuse, episodi che creano la cornice perfetta per una delle storie d’amore meglio rese nella letteratura di oggi.

Il sole era incandescente alle loro spalle, lame di luce trafiggevano i loro capelli che si agitavano e mischiavano nelle raffiche, oro e rame avvinti, fusi … 

16754750_1277478005668192_80136572_n.jpg

Un altro tratto distintivo della penna della Cani è senza dubbio la capacità di creare fotografie con le parole. È stata in grado di rendere le parti descrittive e di ambientazione non noiose ma anzi poetiche e palpabili.

Il crepuscolo rendeva le colline di una consistenza evanescente. La nebbia serpeggiava sulle praterie e gli ultimi raggi di sole primaverile coloravano le nuvole di un viola intenso, che virava al rosso nel punto in cui il tramonto infuocava l’orizzonte …

In conclusione, due ultime annotazioni. La prima riguarda i personaggi secondari: sia gli antieroi sia gli aiutanti escono dallo sfondo e, più o meno a lungo, assumono sostanza nell’intricata trama della storia, divenendo non solo pedine ma parti integranti delle vicende. La seconda … Allora, non so voi ma quando la LeggerEditore ha avvisato di questa uscita, mi sono subito entusiasmata e ho iniziato la lettura. Ho scoperto soltanto a metà romanzo che, in realtà, prima di Jonas e Viridiana c’erano Tristan e Doralice. Ora, preso atto che sarà mio compito, quanto prima, recuperare questa lettura, butto lì un accenno futuro, un’idea che, inevitabilmente, accarezzerà molti di voi che andranno a leggere questo libro: Andreas e Zoya. Francesca Cani, te l’ho già detto ma te lo ripeto qui, in pubblica sede, senza pressioni o altro: vogliamo fare qualcosa con questi due? Ti prego!!!!

Buona lettura!

Rachel

© Rachel Sandman

Advertisements

8 pensieri su “Jonas e Viridiana – Il cuore d’inverno di Francesca Cani – Recensione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...