Come la coda delle comete di Paola Garbarino – Recensione

Buongiorno!

Oggi vi parlo di un romanzo self e, ancora una volta, scritto da un’autrice italiana: mi riferisco a Come la coda delle comete di Paola Garbarino, il primo capitolo della Stars Saga serie.

Qui di seguito tutte le infos e il mio punto di vista.

come-la-coda-delle-comete

TITOLO: Come la coda delle comete (Le cose che non sapevamo di noi)

AUTORE: Paola Garbarino

SERIE: Stars Saga #1

USCITA: 21 Novembre 2015

PREZZO: € 2,99 (eBook)€ 12,99 (Cartaceo)

EDITORE: Self Publishing


TRAMA:

Lisa è una studentessa universitaria genovese, appena uscita da una lunga e travagliata storia d’amore. Thorger è uno studente erasmus, austriaco, che si fermerà in Italia soltanto pochi mesi. Lei ha un oscuro segreto; lui ne ha più di uno ed è una rockstar in incognito, con un fratello gemello, Harald, che sembra avere tutte le intenzioni di conquistare Lisa per primo.

Lisa conosce Harald una sera in discoteca, quando il suo migliore amico le presenta alcuni studenti erasmus a cui sta facendo da tutor. Harald le propone una notte e via, ma Lisa, pur essendo attratta, lo rifiuta. Il giorno dopo scopre che il nuovo coinquilino dell’appartamento che divide coi suoi amici è Thorger, il fratello gemello di Harald e inizialmente lo scambia per lui.

Ciò che Lisa non può nemmeno immaginare, è che quei due ragazzi entrati nella sua vita conducono un’esistenza diversa e lontana: sono stelle del Punk rock americano e presto vi torneranno. Thorger sta davvero per laurearsi, ma è lì per sfuggire per un po’ dallo star system dell’Industria discografica, che l’ha portato quasi alla morte e alla rehab per mesi.

Ciò che Thorger non sa, è che anche Lisa ha un doloroso segreto, che riguarda la sua storia di lunga data con un ex ragazzo che non sembra avere intenzione di lasciarla andare.

Le cose che non sanno l’uno dell’altra saranno quelle che li avvicineranno, ma, al tempo stesso, che rischieranno di dividerli.

Segreti, amore, equivoci, lacrime ed eros si snodano in questa storia narrata a due voci.


RECENSIONE:

Allora … Partiamo per gradi perché questo romanzo, Come la coda delle comete, di Paola Garbarino ha suscitato in me emozioni contrastanti.

Tratterei quindi subito i punti che mi hanno fatto un po’ storcere il naso per poi buttarmi a capo fitto su quelli che invece ho davvero apprezzato.

Innanzitutto, devo sottolineare che l’opera che dà il via alla Stars Saga è davvero ampia e molto corposa cosa che, se da un lato, la rende davvero dettagliata, fa sì che, in alcuni punti, si creino passi poco limpidi, un po’ melmosi e a tratti statici.

Inoltre, soprattutto nella prima parte, si concentrano alcuni refusi, a mio parere più o meno trascurabili, e si riscontrano alcune scelte linguistiche forse di stampo dialettale che mi hanno un po’ rallentato e costretto alla rilettura di determinati passi.

Detto ciò … Arriviamo al fattore #wow del libro.

Sicuramente un punto a favore della storia è la storia in sé: davvero ben studiata e strutturata in modo da farti venir voglia di sapere, di conoscere di più, di arrivare alla fine.

Inoltre, i personaggi principali attorno a cui ruota il romanzo sono davvero buoni.

Lisa è la protagonista per me indiscussa: è fragile, giovane ma segnata dai fatti e dalla vita. Il suo passato e il suo presente la rendono una ragazza eternamente in conflitto con il mondo, reticente ad aprirsi con gente nuova ma piena di inventiva, di aspirazioni e di sogni.

Thorger, invece, è un personaggio con cui ho faticato ad entrare in connessione: molto macchinoso nei suoi ragionamenti che, anche se legati ad un fatto che lo ha sconvolto e che sconvolgerebbe chiunque, non lo giustificano, a mio modestissimo parere, per alcune scelte e per alcuni atteggiamenti. Almeno non completamente.

In conclusione, una menzione d’onore va a due elementi del romanzo.

Le varie citazioni che aprono i capitoli sono la perfezione allo stato puro: azzeccate, celebri ma anche sconosciute, sembrano intessute perfettamente all’interno della storia come l’ennesimo filo cucito e ricamato su uno sfondo che già, a tratti, presenta quadri di vera poesia (mi riferisco ai punti più riflessivi, in cui le azioni e le scene vengono paragonate, con metafore e similitudini, alla vita delle comete, degli astri e delle stelle).

Infine, Harald. Ragazzi miei, questo sì che è un personaggio a tutto tondo! Criptico ma determinato, protagonista nonostante sia una figura in secondo piano e parzialmente sullo sfondo, forte ma pieno di crepe che, soprattutto verso la fine del libro, fanno capolino, lanciando uno spiraglio di luce abbagliante da quell’armatura che ha indossato per tutto il romanzo e che, a qualsiasi lettore, sembra sin da subito ingombrante e coprente, più che adatta. Fantastico!

Quindi, grazie Paola Garbarino per avermi fatto visitare il mondo che hai creato e per aver arricchito la mia libreria con tante di quelle frasi e citazioni poetiche da fare invidia anche ad autori più affermati e conosciuti. Grazie davvero.

Rachel

© Rachel Sandman

Annunci

9 pensieri su “Come la coda delle comete di Paola Garbarino – Recensione

  1. radele ha detto:

    Interessante, c’è qualcosa che mi piacerebbe sapere trattandosi di una serie e cioè ogni libro è autoconclusivo e i successivi saranno su personaggi già presenti in questo? Insomma quale sarà il filo conduttore della serie?

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...