IMAGINE ALL THE PEOPLE … LIVING LIFE IN PEACE … #Remember #13November2015

Un anno fa.

Esattamente un anno fa il mondo veniva capovolto, scrollato, svegliato di soprassalto.

Il suono di spari e bombe. Il grido insensato di menti malate. Le urla strazianti di vittime senza colpa.

Esattamente un anno fa, a Parigi, al Bataclan, ad un concerto di musica rock, la libertà di espressione, la musica, i giovani, le persone, il mondo, tutti abbiamo dovuto aprire gli occhi di fronte ad una tragedia contemporanea e mondiale.

Riporto quindi qui, così come è apparso il 16 Novembre 2015, sul numero 9 della rivista Art’s Creation, un articolo che ho scritto di mio pugno e di getto, a pochi giorni di distanza da quel 13 Novembre ancora troppo fresco nella memoria di molti e che è entrato, di diritto e purtroppo, nelle pagine dei libri di storia contemporanea.

Una riflessione, uno spunto, uno sfogo … Per ricordare quello che è stato. Per ricordare quello che è.

Per non dimenticare mai il 13.11.2015.


You may say I’m a dreamer … But I’m not the only one

… people have the power to redeem the work of fools …

[le persone hanno il potere di redimere l’opera dei pazzi]

La musica è un linguaggio universale. La musica è ciò che unisce le persone senza distinzione di sesso, nazione, orientamento politico, religione.

La musica crea alchimia. La musica crea atmosfera. La musica ti fa ridere, quasi fino alle lacrime. La musica ti distrugge, solcando un buco profondo in mezzo al petto.

Io vivo di musica. Io respiro musica. Io mi nutro di musica.

La ascolto in macchina, volume a palla quando alla radio passano un pezzo per me particolarmente unico e significativo.

La ascolto mentre studio, come sottofondo ai noiosi capitoli di linguistica che altrimenti mi manderebbero letteralmente fuori di testa.

La ascolto quando scrivo, base vibrante di ogni idea prodotta dalla mia mente, supporto per ogni mia storia creata.

La ascolto quando vado a correre, come fattore essenziale per spingermi al limite, per muovere le gambe, per accelerare.

La ascolto. La vivo. La respiro.

La musica è un groviglio unico, un gomitolo di fili di lana dai colori diversi ma tutti simili. Tutti uniti. Tutti concatenati.

peace parisMusica classica. Musica pop. Musica rock. Musica punk. Musica metal. Musica alternativa. Musica hindie. Musica country. Musica rap. Musica grunge. Etichette inutili per un unico linguaggio dal carattere universale e univoco.

La musica è come le persone. Bianchi. Neri. Rossi. Gialli. Cristiani. Musulmani. Induisti. Italiani. Americani. Francesi. Libanesi. Tutte etichette inutili per descrivere quelli che, alla base, sotto una coltre di pregiudizi, caratteri, vestiti, sono tutti esseri umani.

La musica è rivelazione, diceva Beethoven. La musica è basata sull’armonia tra Cielo e Terra, diceva Hesse. La musica aiuta a non sentire dentro il silenzio che c’è fuori, diceva Bach. La musica è la voce che dice che la razza umana è più grande di quanto lei stessa sappia, diceva Garretty.

Il bello della musica è che quando ti colpisce non senti dolore, diceva Bob Dylan.

Peccato che, nel mondo malato di oggi, andare ad un concerto può essere sinonimo di fine. Brutale. Inspiegabile. Inaccettabile.

E non cambia se al Bataclan, centro fiorente del melting pot parigino, quel venerdì 13 novembre c’erano gli Eagles of Death Metal che suonavano. Non cambia se si trattava di un teatro piuttosto che uno stadio. Poteva accadere ovunque, in qualsiasi momento: la sera dopo, al concerto degli U2, per esempio. Oppure poteva essere in quello stesso luogo mesi prima, l’8 Maggio, quando i Thirty Seconds to Mars sono saliti, tutti e tre, formazione completa, su quello stesso palco, per iniziare lo spettacolo cantando Closer to the Edge.

Questo mondo è un mondo malato, marcio fino al midollo, fino alle interiora: sta a noi però scegliere. Sta a noi decidere. Sta a noi dire l’ultima parola.

… The power to dream, to rule,
to wrestle the world from fools …
it’s decreed the people rule …

[… Il potere di sognare, di dettare le regole, di lottare per cacciare dal mondo i folli … è promulgata la legge della gente]

Perché la vita funziona come un vecchio giradischi: va avanti finché la puntina non giunge alla fine dell’ultima canzone del lato dell’album che ruota attorno al perno e scatta, con un sonoro ‘tac’, per tornare indietro e fermarsi del tutto.

Sta a noi scegliere se lasciarla lì, ferma, a prendere polvere, timorosa di avventurarsi su un nuovo sentiero, o se decidere di alzarci dal divano, afferrarla e posizionarla nel punto corretto, per lasciare fluire ancora quel linguaggio, quel suono che non potrà mai essere azzittito: semplicemente musica.

Perché finché una sola canzone risuonerà tra le mura di un palazzo, finché una batteria farà rullare i suoi piatti, finché un pianoforte scivolerà i suoi tasti in una stanza, finché una chitarra vibrerà le sue corde in una strada affollata, saremo NOI ad avere vinto.

PEOPLE HAVE THE POWER!

  • Titolo dell’articolo: Imagine – John Lennon (1971)
  • Citazioni nell’articolo: People have the power – Patti Smith (1988)

#NeverForget

13.11.2015 – 13.11.2016

Rachel

© Rachel Sandman
Annunci

4 pensieri su “IMAGINE ALL THE PEOPLE … LIVING LIFE IN PEACE … #Remember #13November2015

  1. Alexandra Scarlatto ha detto:

    Brava Rachel, davvero brava!
    Queste sono cose per le quali non c’è un aggettivo. Purtroppo l’essere umano è potenzialmente e intrinsecamente folle, molto folle, e malvagio. E purtroppo la maggior parte delle ideologie accentua e giustifica queste caratteristiche.
    C’è tanto da dire, troppo.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...