Bad Days di Antonella Senese – RECENSIONE

Buongiorno!

Eccomi qua, ad una settimana esatta dall’uscita, con la #Recensione di Bad Days, il nuovo romanzo di Antonella Senese. Venite a leggere cosa ne penso (recensione #SpoilerFree).

14875399_1159997400749587_1051301872_n

TITOLO: Bad Days

AUTORE: Antonella Senese

SERIE: Four Days Serie #3

USCITA: 28 Ottobre 2016

PREZZO: € 1,99 (eBook)€ 9,36 (Cartaceo)

EDITORE: Self Publishing


TRAMA:

Jason Lee è l’amico che tutti vorrebbero avere accanto. È un uomo leale, sempre pronto a tendere una mano e premuroso nei confronti di chi ama. Si è dedicato completamente al pub che gestisce con i suoi amici, che ormai sono diventati la sua famiglia, cercando di dare un senso a una vita segnata dal dolore e dalla perdita, chiudendosi nel suo mondo controllato e sicuro, al riparo dalla possibilità di soffrire e di perdere ancora qualcosa.

Alex McBride ritorna a Dublino dopo cinque anni di lontananza: ritrova la sua vecchia casa, i luoghi che l’hanno vista crescere e i suoi amici di un tempo, ma nulla è più come prima. Tornare non è mai facile, soprattutto quando la tua assenza ha lentamente distrutto la vita di qualcun altro, qualcuno che speri di aver dimenticato ma che invece è rimasto lì, come una ferita ancora aperta che continua a sanguinare.

Jason e Alex si ritrovano di nuovo vicini dopo un lungo periodo di separazione: sono stati amici, complici e confidenti, ma ora sono costretti a fare i conti con un passato che non smette di far male e con un futuro impossibile da vivere insieme, perché c’è qualcosa che potrebbe separarli e stavolta, davvero per sempre.


RECENSIONE: Ed eccoci giunti al tanto sospirato Bad Days, terzo capitolo della #FourDays #Serie firmata da Antonella Senese.

Che dire? Ancora una volta, questa autrice mi ha spiazzato.

Partiamo dal presupposto che le trame dei suoi romanzi raccontano poco o nulla di quello che è la storia del libro, quindi fare una recensione evitando spoiler o anticipazioni è davvero difficile.

Dunque … Diciamo che ho iniziato la lettura con le migliori intenzioni. Sentivo proprio il bisogno di immergermi in una trama dai volti noti, di farmi trasportare da una scrittura che sapevo essere assolutamente preziosa e unica e … Devo dire che invece ho trovato tutt’altro!

Non fraintendetemi! Lo stile della Senese è e resta assolutamente eccezionale, così come la comparsa, qua e là, di personaggi già conosciuti riporta il lettore, inevitabilmente, in una dimensione dall’atmosfera domestica e conviviale.

Tuttavia, quella che mi aspettavo essere una lettura tranquilla e scanzonata si è invece rivelata un pugno nello stomaco che, almeno per la prima parte del romanzo, mi ha davvero travolto e sconvolto.

Come già nei precedenti capitoli, l’autrice non ci risparmia nulla.

Antonella Senese più di altri ha, secondo me, la capacità assoluta di descrivere i sentimenti e, allo stesso tempo, di farti provare empatia verso le persone che descrive. Parlo volutamente di persone, non di personaggi: Jay e Alex vivono nello spazio, nello scorrere incessante delle pagine del loro libro ma, permettetemi, vivono davvero. Saranno pure irreali ed effimeri ma la Senese immerge le storie che scrive in un ambiente tanto reale da far quasi male.

Ho passato la prima metà della lettura di Bad Days con una mano stretta al petto (chi ha già letto, chi sa, può capirmi bene) e ho dovuto continuare la lettura, senza freni, senza soste, sino al sospirato epilogo.

In questo terzo romanzo autoconclusivo della serie #FourDays non c’è un attimo di pausa: nonostante la prima parte sia più difficoltosa della seguente, il lettore che si immerge nel libro non avrà un secondo di tregua. Non c’è via di scampo.

Jay, che già è entrato nei cuori di tutti coloro che conoscono le precedenti storie (Rainy Days e Sweet Days) si unisce perfettamente alla schiva Alex che, piano piano, faticando, entra nel cuore di tutti (compresa la sottoscritta).

In conclusione, devo ammettere che il mio preferito resta Patrick (il quale, anche in questo libro, ha delle uscite e delle scene tutte sue che mi hanno fatto esaltare peggio di una groupie ad un concerto degli anni ’80), ma questa storia è forse la più intensa delle tre.

Non vedo l’ora di scoprire cosa ha in serbo Antonella Senese per Aaron: confesso che ho un po’ paura. Il fratello di Rain è la figura meno delineata del gruppo, quello sempre presente ma, allo stesso tempo, sempre ai margini quindi … Non so davvero immaginarmi come sarà la persona adatta per lui. In questo romanzo c’è qualche accenno, sul finale, ma nessun nome: qualche frase lanciata qua e là, anche un po’ ambigua, che mi fa tremare.

Non ci resta che attendere e sperare che Antonella Senese non ci metta troppo tempo per regalarci questo che sarà l’episodio conclusivo della serie.

Rachel

© Rachel Sandman

Annunci

3 pensieri su “Bad Days di Antonella Senese – RECENSIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...