Non Riesco a Dimenticarti di Penelope Douglas – RECENSIONE

14355815_1113739635375364_1056733389_n

TITOLO: Non Riesco a Dimenticarti (Falling Away)

AUTORE: Penelope Douglas

SERIE: Fall Away Serie #4

USCITA: 11 Febbraio 2016

PREZZO: € 4.99 (eBook) – € 12.00 (Cartaceo)

EDITORE: Newton Compton Editori


TRAMA: K.C. Carter si è cacciata nei guai con la legge e adesso è costretta a trascorrere l’estate nel paesino in cui è nata, Shelburne Falls, per adempiere ai servizi utili alla comunità: così ha ordinato il tribunale. Ma non è l’unica difficoltà a cui deve far fronte al suo arrivo: al nome di Jaxon Trent risponde il peggior tipo di tentazione che si possa immaginare, ed è esattamente ciò da cui K.C. è riuscita a stare lontana fin dai tempi del liceo. Lui però non l’ha mai dimenticata, anche perché è l’unica ragazza a non essere mai uscita con lui e ad avergli detto sempre di no. Jaxon è un tipo pericoloso sul serio, ma tra lui e K.C. l’attrazione è talmente forte che resistere diventa quasi impossibile…


RECENSIONE: Uff … Uff … Uff … Grr … Grr … Grr …

No, non sono impazzita e no, state tranquilli, la recensione non consisterà in una serie indefinita di suoni onomatopeici dovuti al mio stato d’animo un po’ irrequieto ma … Cercate di capirmi!

Non Riesco a Dimenticarti è stato nel mio kindle per mesi: da quando è uscito sino a pochi giorni fa l’ho sempre tenuto d’occhio, ammirando e coccolando, quasi come un peluche, la piccola immagine in bianco e nero che riproduceva la copertina (che, per l’edizione italiana, è ancora una volta discutibile) e sapendo che sarebbe stato un romanzo d’impatto. D’altronde, mi dicevo, stiamo parlando di Penelope Douglas e del penultimo capitolo di una delle serie che più ho amato in questi ultimi anni (Fall Away Serie, per la cronaca): non mi sognavo nemmeno di pensare che la storia non fosse all’altezza delle aspettative!

Beh … Credetemi: tutto può succedere e il peggio si è avverato. Ed io non ero pronta! Per nulla!

Ma andiamo con ordine e riprendiamoci un attimo, facciamo un bel respiro e partiamo dall’inizio: i primi due romanzi della serie (Mai per Amore e Da Quando ci sei Tu) trattano il rapporto tra Jared e Tate che, a mio parere, è reso in modo originalissimo e davvero efficace (due dei migliori new adult approdati in Italia); poi siamo passati alla storia di Madoc e Fallon (La Mia Meravigliosa Rivincita) che, se all’inizio mi lasciava titubante, mi ha al contrario travolta, facendomi innamorare di questi due pazzi, del loro modo di vivere trasgressivo e classico al contempo, sin dai primi capitoli. Infine, sono arrivati loro … Jax e Juliet … E per me è stato un grande e immenso NO!

Grr … Uff … Grr …

Chiariamo subito: se da un lato il romanzo di per sé potrebbe anche essere catalogato tra quelli con l’etichetta ‘carino’ stampata sul dorso, dalla Douglas e da questi personaggi io mi aspetto di più! Pretendo di più! Cioè … Non esiste!

In primis, il personaggio maschile. Jax, fratellastro di Jared, con sangue nativo americano nelle vene, occhi azzurro cielo, non può passare dall’essere un ragazzo refrattario a responsabilità e a sentimenti in un capitolo, al proclamare il suo amore eterno, tatuandoselo anche addosso, nel capitolo successivo: sul serio, Penelope, cosa ti è saltato in mente quando hai messo giù questa storyline? L’anello mancante qui è ciò che generalmente prende il nome di coerenza.

Passiamo ora al personaggio femminile: KC, che poi diventa Juliet, in un sali scendi di emotività e prese di coscienza che neanche un’altalena nelle mani di un bambino di tre anni. Colei che scrive, ma non poi così tanto; colei che ha la fedina penale sporca, ma non poi così tanto; colei che ha una madre che nemmeno un serial killer con la sindrome premestruale, ma non poi così tanto killer, o serial, o fate voi. Insomma: un personaggio un po’ amorfo, privo di forma e di spina dorsale, di sfaccettature, di luci e di ombre. È come un’immensa nube grigia: totalmente anonima.

Quello che però mi fa arrabbiare è che avevano entrambi grandi possibilità, erano entrambi due personaggi ricchi di una serie di elementi (le loro infanzie tormentate, le loro famiglie distrutte …) che potevano garantir loro il salto di qualità, al pari o anche più delle coppie dei precedenti libri: tutto questo potenziale, però, non è stato sfruttato se non in maniera superficiale, annacquata e sfocata. Che immenso spreco! E che rabbia! Penelope, cosa diavolo hai visto e pensato quando hai scritto questo libro?

Concluderei ora parlando della storia in sé: ben poca, se devo dirla tutta. Ovviamente, con due protagonisti così poco a fuoco, la trama ne risente, e anche molto. Non so come spiegarmelo, ma è come se la Douglas non fosse riuscita, questa volta, a entrare nella pelle dei suoi personaggi di carta, a farli suoi e a rendere il loro percorso sensato o quanto meno realistico.

Inutile dire, a questo punto, che se questo fosse stato il primo libro della serie, dubito seriamente che l’avrei continuata e di sicuro non l’avrei adorata come invece mi è successo leggendo le storie di Jared e Madoc. Resta il fatto che è il terzo, che dopo verrà un romanzo che si preannuncia col botto e che a Penelope Douglas posso perdonare un piccolo neo sul suo percorso fatto di romanzi assolutamente indimenticabili. Ma qui lo dico: se si azzarda a continuare su questa falsa riga e mi rovina la prossima imminente uscita (si, sto parlando di Aflame ovvero Odiami come io ti amo) che attendo con trepidazione da mesi … Non rispondo più di me!

#JustSaying

Rachel

© Diritti Riservati

Annunci

9 pensieri su “Non Riesco a Dimenticarti di Penelope Douglas – RECENSIONE

  1. giuliettarossi ha detto:

    Bellissima recensione! Hai espresso la tua opinione motivandola con delle argomentazioni assolutamente valide, e concordo praticamente su tutto. Con la Douglas ci aspettiamo tanto, e quando le aspettative vengono deluse…è una tristezza assurda! Se può rasserenarti, Aflame è qualcosa di meraviglioso e sono sicura che lo amerai *-* Perdoniamo questo errore a Penelope xD

    Liked by 1 persona

    • Rachel Sandman ha detto:

      Se mi dai queste premesse … La perdono subitissimo #Aflame #Ora ❤ Comunque … Grazie! Volevo proprio argomentare basando il tutto su elementi concreti e dalle tue parole … Forse ce l'ho fatta quindi … Ah!!! #MeFelice 😛 anche se ancora #delussissima per #Jax :/ 😛

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...