OLTRE LE LEGGI DELL’ATTRAZIONE di JAY CROWNOVER – RECENSIONE

13819746_620969798070900_1840442372_n

TITOLO: Oltre le Leggi dell’Attrazione (Asa)

AUTORE: Jay Crownover

SERIE: Tattoo Serie #6

USCITA: 14 Luglio 2016

PREZZO: € 4.99 (eBook) – € 9.90 (Cartaceo)

EDITORE: Newton Compton Editori


TRAMA: Quando ricomincia una nuova vita a Denver, Asa Cross deve scegliere: essere l’uomo che tutti si aspettano che sia o l’uomo che realmente è. Asa è consapevole che non potrà mai cambiare la sua natura di predatore, ma non vuole fare del male alle persone che ama e che si affidano a lui. In particolare non vuole deludere una poliziotta molto sensuale che pare interessata più a lui che al fatto che abbia infranto la legge… Royal Hastings ha rapidamente imparato il vero significato dell’espressione “toccare il fondo”, da quando una tragica situazione al lavoro minaccia non solo la sua carriera ma anche la vita del suo migliore amico e collega. Mentre cerca di rimettersi in piedi, però, non riesce a smettere di pensare al barista sexy che tempo prima ha arrestato. Una persona come lui è l’ultima cosa di cui avrebbe bisogno, ma resistergli è impossibile. Una coppia formata da un criminale di lunga data e una poliziotta sembra la cosa più sbagliata… ma per Asa e Royal, sbagliare insieme è l’unica scelta giusta…


RECENSIONE: Si sa … Quando arrivi ad avere tra le mani l’ultimo libro di una delle serie che più hai amato negli ultimi anni (in questo caso, la Tattoo Serie) le emozioni sono a dir poco contrastanti. La voglia, la necessità quasi, di sapere come andrà a finire lotta inevitabilmente con l’istinto di non voler concludere una storia che ti ha coinvolto e che hai sfogliato per mesi e mesi.

È un po’ come dire addio a personaggi che, chi più chi meno, ti sono entrati nel cuore, lasciando una qualche traccia del loro passaggio, un segno, un marchio.

Avevamo tutti dei segni, alcuni sul corpo, alcuni a livello emotivo, alcuni che non ci lasceranno mai, e molti di questi segni ce li eravamo procurati da soli mentre tentavamo di raggiungere il posto in cui avremmo dovuto essere.

I nostri segni ci definivano, ci separavano, e ci avevano reso gli uomini che siamo oggi. Un fatto che nessuno di noi qui su questo altare poteva mettere in discussione era che il segno più importante, il segno più duraturo che tutti porteremo con noi, veniva dall’esserci innamorati delle donne straordinarie che avevamo di fronte.

Eravamo segnati ed eravamo stati segnati in modi indimenticabili e per sempre. Eravamo tutti degli uomini migliori per questo motivo. Uomini segnati. Nessuno di noi vorrebbe niente di diverso.

La storia di Asa, il protagonista di quest’ultimo romanzo firmato Jay Crownover (un nome una garanzia, permettetemi di dire), altri non è se non il criminale, il seduttore del Sud, ed è molto probabilmente la storyline che qualsiasi lettore con un po’ di sale in zucca ha atteso con ansia fin dalla sua comparsa, nel secondo capitolo della serie (Oltre noi l’infinito – Jet) che aveva per protagonista la sorella, famosa per i suoi stivali da cowboy. Quando poi si scopre che la fortunata compagna di pazzie e del destino di questo scapestrato altri non è se non Royle, una sexy poliziotta dai lunghi capelli rossi, beh … Il mix è perfetto e a dir poco letale.

Come da pronostico, questo libro ti cattura sin dalle prime battute, dalle prime frasi, avvolgendoti in un turbine e in un complesso giro di giostra a cui partecipano però non solo la coppia incriminata ma anche vecchie conoscenze e nuovi incontri. Ed è questo un pregio e un difetto insieme: se da una parte, infatti, tutte le storie ottengono il loro lieto fine e mettono il lettore a conoscenza di nuovi fatti e avvenimenti, dall’altra tutto ciò toglie spazio a un’introspezione più profonda e a capitoli che, forse, Asa e Royle avrebbero davvero meritato.

La loro storia si sviluppa velocemente, con alcune ellissi temporali e attraverso nuove conoscenze che fanno da ponte per la nuova serie della Crownover, Saints of Denver (i cui primi due capitoli sono già usciti in Italia, editi da HarperCollins Italia). Fortunatamente, nonostante il poco spazio a loro dedicato, l’intensità che caratterizza lo stile dell’autrice e le personalità dei due sono talmente forti, netti e delineati che riescono, da soli, a portare avanti un libro che, nella sua traduzione italiana, presenta, purtroppo, non pochi errori grammaticali e frasi poco limpide: un secondo giro di editing e controllo non avrebbe di sicuro guastato.

Detto questo, Asa merita un libro tutto suo, una seconda possibilità e una storia che è davvero la degna conclusione di questo primo gruppo: Jay Crownover, come sempre, fa la scelta più corretta e lascia alla persona più estranea al gruppo di tatuatori e amici di Denver il compito di chiudere, l’onore di completare un cerchio che, di sicuro, non sarebbe stato lo stesso senza questo ultimo tassello.

Rachel

© Rachel Sandman
Annunci

Un pensiero su “OLTRE LE LEGGI DELL’ATTRAZIONE di JAY CROWNOVER – RECENSIONE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...